ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
25 min

Mendrisio, proiezioni di Natale in piazza Municipio

Un progetto a basso impatto energetico ideato dalle scuole elementari. Lo spettacolo è in funzione dall’8 dicembre fino all’8 gennaio, tutte le sere
Luganese
33 min

Niente buono natalizio per i cittadini anziani

Il Municipio di Lugano risponde picche: ‘Costerebbe 2 milioni, col rischio di favorire i grandi centri commerciali a discapito di attività più piccole’
Locarnese
33 min

Mercatino e assemblea per la Pro Centovalli e Pedemonte

Domenica 11 dicembre 2022 in piazza a Intragna l’evento natalizio, seguito alle 20 dalla riunione dell’associazione, presso la Villa San Donato
Luganese
34 min

Lugano, Natale nella biblioteca della Croce Rossa

L’appuntamento è per lunedì 12 dicembre dalle 14 presso la sede luganese. Non è necessario iscriversi
Locarnese
39 min

Il Ppd di Gordola in assemblea (anche) per diventare il Centro

Domenica 11 dicembre alle 19.15 presso la Sala Santa Teresa, all’ordine del giorno anche le novità da Municipio e Cc e uno sguardo alle cantonali 2023
Luganese
43 min

Massagno festeggia i suoi volontari

Lunedì 5 dicembre il Municipio ha incontrato associazioni e persone attive sul territorio in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Locarnese
51 min

Doppio concerto a Gerra Piano

L’11 dicembre alle 17 presso la Chiesa del Sacro Cuore si esibiranno il Gruppo Vocale Cantadonna e il Quartetto d’Archi Archibaleno
Locarnese
56 min

Canti Gospel e natalizi con il Coro dell’Atm

Domenica 11 dicembre dalle 17 nella Chiesa di San Vittore a Muralto, con raccolta fondi a favore della missione di don George Kerketta in India
Grigioni
1 ora

La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16

Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Locarnese
1 ora

‘Il re saltarello’ alla Biblioteca popolare di Ascona

La fiaba verrà proposta sabato 10 dicembre alle 10.30 nella sala lettura, con accompagnamento musicale di Silvia Klemm e Carla de Lieme
Locarnese
1 ora

Al via la rassegna PresepiVira

Per la 33esima edizione, che si apre domenica 11 dicembre con il concerto di canti natalizi del Gruppo Jeans, è di nuovo previsto un ricco programma
Luganese
1 ora

Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità

L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
1 ora

Il Centro di Locarno presenta la sua rivista... e un dibattito

Distribuito in questi giorni il primo numero del periodico di attualità locarnese. Giovedì 15 dicembre a Palazzo Marcacci si discute di disagio giovanile
Luganese
2 ore

Bioggio, il Cdaled ha approvato il preventivo 2023

Il Consorzio depurazione acque Lugano e dintorni riunitosi mercoledì 7 dicembre ha accettato un fabbisogno di 13’526’150 franchi e il credito suppletorio
Mendrisiotto
4 ore

Il gruppo Morbio2030 contro la diminuzione del moltiplicatore

Si tratterebbe, secondo il movimento, di una manovra che comprometterebbe le casse del Comune e di conseguenza anche le fasce di popolazione meno abbienti
22.11.2021 - 15:59
Aggiornamento: 19:05

Bellinzona, sì ai 9,9 milioni per la sede provvisoria del liceo

Il Gran Consiglio ha accolto con 73 voti favorevoli, 4 contrari e un’astensione il credito per realizzare le strutture prefabbricate

bellinzona-si-ai-9-9-milioni-per-la-sede-provvisoria-del-liceo
Sarà completamente ristrutturato (Ti-Press)

La costruzione della sede provvisoria del Liceo di Bellinzona (che sarà completamente ristrutturato) partirà a breve e dovrebbe essere pronta per l’inizio del prossimo anno scolastico (2022-2023). Il Gran Consiglio oggi, 22 novembre, ha infatti accolto – con 73 voti favorevoli, 4 contrari e un’astensione – il credito di 9,9 milioni di franchi necessario per realizzare le strutture prefabbricate a fianco dell’attuale istituto. Credito al quale, lo ricordiamo, la Commissione parlamentare della gestione ha aggiunto un milione, rispetto agli 8,9 previsti, a favore di ulteriori spazi di aggregazione interni ed esterni e di due aule dedicate alla pedagogia speciale. La mancanza di spazi comuni nella sede provvisoria era infatti stata oggetto di una petizione firmata da 548 allievi (su un totale di circa 800). Gli studenti, almeno su questo punto, sono dunque stati ascoltati e hanno così raggiunto un risultato non scontato.

Ristrutturazione ‘urgente e indispensabile’

Le criticità emerse dalla petizione «hanno trovato ascolto», ha confermato il relatore commissionale Bixio Caprara (Plr) durante il dibattito in Gran Consiglio, aggiungendo che la ristrutturazione del liceo è «urgente e indispensabile». Caprara ha poi ricordato che le strutture prefabbricate non saranno smantellate una volta che i lavori alla sede principale saranno conclusi (dovrebbe essere nuovamente agibile per l’anno scolastico 2025-2026): saranno infatti «trasferite a Biasca» dove è previsto il risanamento della scuola media e del centro di formazione professionale. Oltre al Plr anche Lega, Ppd, Ps, Udc, Verdi e Partito comunista si sono detti favorevoli al credito, ritenendo, in sintesi, che si tratti di una buona soluzione che tiene conto anche delle osservazioni dei diretti interessati, ovvero studenti, docenti e direzione dell’istituto.

Risparmio di energia grigia

Anche il consigliere di Stato Christian Vitta ha parlato di uno «spirito costruttivo» che ha permesso di andare incontro alle esigenze degli allievi. Inoltre, questa soluzione permetterà di rispettare i tempi e di «allungare il ciclo di vita» dell’edificio ristrutturato, come se venisse costruito da zero. Una nuova sede, oltre che costare di più dei previsti 43,8 milioni di franchi, sarebbe anche meno sostenibile dal punto di vista ambientale: il rinnovamento dell’attuale stabile permette infatti di limitare l’utilizzo di nuovi materiali, risparmiando cosiddetta energia grigia. Da parte sua il direttore del Dipartimento dell’educazione Manuele Bertoli ha sottolineato che la sede provvisoria permetterà «di svolgere lezioni in tranquillità» e che le osservazioni degli allievi «hanno ottenuto risposta». Anche se durante questo processo si sarebbe «potuto fare meglio», l’importante è che si sia arrivati a «una buona soluzione».

Progetto ‘costoso e impreciso’

A opporsi al credito è invece stato in particolare il Movimento per il socialismo: Angelica Lepori Sergi ha definito l’intero progetto di ristrutturazione del liceo di Bellinzona «costoso, impreciso e poco credibile». L’Mps aveva presentato un emendamento nel quale chiedeva di realizzare un edificio tutto nuovo. Un progetto che non sarebbe stato «né più costoso né più lungo» di quello attuale, ha affermato la granconsigliera. Tuttavia, l’emendamento è stato ritenuto irricevibile dall’Ufficio presidenziale, visto che emendava le conclusioni del rapporto commissionale e non il decreto legislativo. Anche Più Donne ha manifestato il suo scetticismo: in particolare con una pianificazione migliore si sarebbe potuta prendere in considerazione anche la costruzione di una nuova sede sull’ex campo militare. Una variante che tuttavia la Gestione ha scartato a causa di costi troppo alti e tempi di realizzazione troppo lunghi anche a causa della necessaria modifica del Piano regolatore. Insomma, Maura Mossi Nembrini ha votato sì «perché i ragazzi se lo meritano», mentre Tamara Merlo si è opposta al credito.

L’Mps interroga il Municipio di Bellinzona

Nel frattempo, sempre oggi, l’Mps ha inoltrato un’interpellanza al Municipio di Bellinzona, riguardante proprio quest’ultima variante. Secondo Giuseppe Sergi, Angelica Lepori e Matteo Pronzini sarebbe “apparsa una sorta di reticenza da parte della città di Bellinzona a voler collaborare attivamente per cercare la migliore soluzione al problema”. Chiedono quindi all’esecutivo cittadino in quali occasioni (e quando) è stato contattato, “nella sua veste di proprietario di alcuni terreni vicini all’attuale sede del Liceo di Bellinzona, in vista della sua ristrutturazione o di una nuova costruzione su terreni adiacenti”; “quali sono state le eventuali ipotesi prospettate dall’autorità cantonale e quali sono state le risposte del Municipio; e se è stato coinvolto sull’attuale progetto di sede provvisoria”. In questo caso: “Quali richieste gli sono state presentate? Quali risposte ha dato?”.

Leggi anche:

Liceo di Bellinzona, un milione in più per gli spazi comuni

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved