liceo-di-bellinzona-548-allievi-contro-la-sede-provvisoria
Ti-Press
Gli studenti Giacomo Orelli e Benjamin Del Don consegnano la petizione al presidente del Gran Consiglio Nicola Pini e al segretario generale Tiziano Veronelli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
13 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
14 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
14 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
14 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
14 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
15 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
15 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
15 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
15 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
19.10.2021 - 16:26
Aggiornamento : 17:52

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Consegnata la petizione che chiede al Gran Consiglio di rivalutare il progetto. Preoccupano i tre anni di ‘transizione’ nei prefabbricati

Sospendere l’analisi del messaggio governativo (richiesta di un credito di franchi 8,9 milioni) per la realizzazione della sede provvisoria, e avviare immediatamente una discussione che coinvolga gli studenti e i docenti per apportare miglioramenti qualitativi e quantitativi che possano permettere di migliorare il progetto della sede provvisoria. Con queste specifiche richieste è stata consegnata, oggi pomeriggio a Palazzo delle Orsoline, la petizione sottoscritta da 548 allievi (su un totale di circa 800) del Liceo di Bellinzona. Circa tre quarti dell’istituto si schiera dunque contro il progetto elaborato dalla Sezione cantonale della logistica che prevede la realizzazione di una sede provvisoria, che accoglierà gli studenti per circa tre anni, per nel frattempo permettere la ristrutturazione e l’ampliamento dell’attuale sede che da lungo tempo ormai versa in condizioni non più accettabili ed è fortemente sottodimensionata (l’inaugurazione è prevista per l’anno scolastico 2025-2026).

‘Nei prefabbricati gestione degli spazi disastrosa’

Come già emerso durante l’assemblea degli studenti dello scorso 6 ottobre, ciò che preoccupa la maggior parte degli allievi – rappresentati oggi in Piazza Governo da Giacomo Orelli e Benjamin Del Don – è la fase di ‘transizione’ all’interno della struttura composta da aule prefabbricate. “L’analisi e la riflessione sulle planimetrie messe a disposizione – si legge nel testo della petizione chiamata ‘Vogliamo spazi adeguati, per studiare e vivere la nostra vita di studenti e studentesse’ – permettono di arrivare alla conclusione che la gestione degli spazi negli stabili prefabbricati risulta essere disastrosa e assolutamente inadeguata a ospitare un organico di quasi 800 allievi e un centinaio di docenti”. Il comitato si sofferma in particolare sugli spazi comuni previsti nella sede provvisoria: “Le planimetrie dicono che potranno ospitare un numero massimo di circa 250 persone (in 340 mq di spazio), a fronte (conviene ripeterlo nuovamente) di 800 studenti iscritti. Quest’unico dato dovrebbe far ripensare all’intera gestione del progetto dei prefabbricati (ancor più dopo l’esperienza pandemica!): evidentemente è fisicamente impensabile credere di poter accogliere (specialmente in inverno, come si è detto) l’intero corpo studentesco in uno spazio di simili dimensioni”.

Quanto alla decisione di ristrutturare l’attuale sede, per il comitato – che si allinea in grandi linee alle critiche sollevate dal Movimento per il socialismo attraverso interpellanze e prese di posizione – “è contestabile sia dal punto di vista architettonico che da quello finanziario. Il costo complessivo (per la ristrutturazione e gli adeguamenti, senza tener conto delle strutture provvisorie durante i lavori) sarà di gran lunga superiore, ad esempio, al rifacimento ex novo del Liceo di Mendrisio, che conta solo una cinquantina di allievi in meno della nostra sede”.

La petizione sarà portata all’attenzione della Commissione della gestione

Orelli e Del Don sono stati accolti dal presidente del Gran Consiglio Nicola Pini e dal segretario generale Tiziano Veronelli, i quali hanno preso in consegna le firme. La petizione, ha detto Pini agli studenti, sarà portata all’attenzione della Commissione della gestione incaricata di stilare il rapporto accompagnante il messaggio sul quale il Parlamento dovrà esprimersi nei prossimi mesi.

L’approvazione del credito permetterebbe di proseguire la progettazione del nuovo liceo e di inoltrare la relativa richiesta di credito di costruzione al Parlamento prevista entro metà del 2022. L’investimento complessivo (sede provvisoria, ristrutturazione e ampliamento dell’attuale edificio) si aggira attorno ai 42,8 milioni di franchi.

Leggi anche:

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

Liceo Bellinzona, assemblea studenti contro i prefabbricati

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allievi bellinzona liceo petizione sede provvisoria
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved