ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
27 min

Pranzo Atte a Faido

Appuntamento mercoledì 15 febbraio alle 12 al centro
Locarnese
1 ora

Alzheimer, incontri del Gruppo di auto aiuto a Locarno

Riprendono gli appuntamenti per chi vive a diretto contatto con una persona affetta da questo morbo o da altri tipi di demenze
Ticino
2 ore

Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero

Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
2 ore

A Muralto una conferenza sui pittori di Savièse

Conferenza di Jacques Levy a cura dell’Alliance française
Locarnese
3 ore

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
3 ore

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
6 ore

‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’

Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
6 ore

I terreni abbandonati ora profumano di lavanda

L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
6 ore

Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini

La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
6 ore

Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’

Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
13 ore

Plan B continua a dividere Lugano

Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
14 ore

Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi

Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
14 ore

Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’

La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
23.06.2021 - 12:24
Aggiornamento: 17:46

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

La sede provvisoria completa ne richiederà 6,5 in più di quella inizialmente prevista, e quasi 11 in più l'edificio da risanare completamente

esplodono-di-17-milioni-i-costi-per-il-liceo-di-bellinzona
L'edificio dev'essere ristrutturato totalmente e non solo in parte (Ti-Press)

Quasi 9 milioni di franchi per realizzare una sede provvisoria del Liceo di Bellinzona che – concepita con moduli prefabbricati posizionati ‘a corte’ nel prato fra la storica sede e il bagno pubblico – sarà utilizzata per la durata di circa tre anni, il tempo necessario a ristrutturare completamente e ampliare appunto la sede ufficiale che da lungo tempo ormai versa in condizioni non più accettabili ed è fortemente sottodimensionata. Il credito complessivo di 8,99 milioni che il Consiglio di Stato chiede al Gran Consiglio di stanziare si suddivide in 7,9 milioni per la struttura e in 990mila franchi per l’installazione dei sistemi informatici. La realizzazione della sede provvisoria, separata dal cantiere, permetterà di procedere con quest’ultimo garantendo al centinaio di docenti e ai 750 allievi lo svolgimento in piena sicurezza delle attività didattiche. L'approvazione del credito, specifica il CdS, permetterà di “proseguire la progettazione del nuovo liceo e di inoltrare la relativa richiesta di credito di costruzione al parlamento prevista entro metà del 2022”. 

Non più un semplice ammodernamento

Tale procedere dovrebbe inoltre consentire di rispettare le tempistiche per la consegna degli spazi entro l’anno scolastico 2025-26, due anni dopo rispetto alle prime valutazioni, e questo a causa degli approfondimenti impostisi. Approfondimenti del progetto di massima che hanno portato i progettisti guidati dallo studio Durisch e Nolli di Massagno, e la Sezione cantonale della logistica, a concludere che non sia attuabile l’intervento in due tappe previsto inizialmente con un ridotto utilizzo di elementi prefabbricati provvisori, perché metterebbe a rischio lo svolgimento della normale attività didattica. Tutto ciò deriva dal fatto che interventi più radicali nell’impiantistica, richiesti in buona parte dalle modifiche normative intercorse tra l’inizio della fase di concorso e la progettazione di massima, hanno comportato la necessità di prevedere un risanamento completo e non più un semplice ammodernamento. Una seconda conseguenza è l’aumento dei costi per gli impianti e le loro alimentazioni, nonché la necessità d’intervenire al piano interrato. Si avrà comunque un “netto miglioramento della qualità della ristrutturazione, che determinerà un ciclo di vita superiore, al pari di una nuova edificazione”, ben oltre insomma gli ulteriori 30 anni inizialmente immaginati.

Perché costerà di più e le varianti scartate

Ma anche nella sensibile lievitazione del costo complessivo destinato a passare dai 25,53 milioni previsti nel 2015 a 42,8 milioni: 2 milioni in più riguarderanno la ristrutturazione dell’edificio, altri 6,5 gli adeguamenti normativi, altri 2,2 gli interventi nel piano interrato e altri 7,9 la struttura provvisoria che in un primo tempo avrebbe dovuto costare solo 1,45 milioni. In tutto oltre 17 milioni in più che lo scorso autunno hanno indotto il gruppo di lavoro a valutare alcune varianti con l’obiettivo d'individuare quella meglio sostenibile. Varianti però scartate: infatti una demolizione e costruzione tutta nuova avrebbe comportato un investimento di 54 milioni e due anni in più di lavoro; un nuovo liceo a fianco dell’attuale avrebbe richiesto 49,5 milioni e, anche qui, due anni in più di tempo nonché uno spreco di terreno; realizzare il liceo nel futuro nuovo quartiere officine avrebbe infine richiesto pure 50 milioni e tempi dilatati ben oltre il 2030, allontanando peraltro la scuola dal comparto Torretta nel quale vi sono importanti realtà formative e di ricerca, ampi spazi per l’attività all’aperto e la prevista nuova palestra tripla al posto del palasport. 

Come sarà la sede provvisoria

Nella struttura prefabbricata provvisoria le attività saranno distribuite in quattro volumi. L’edificio parallelo alla golena avrà un unico livello e ospiterà tutte le attività comuni (foyer, refettorio, mescita, aula studio, biblioteca e aula magna) e amministrative. Gli altri tre volumi saranno organizzati su due livelli e prevedono, al piano terreno, tutte le aule e i laboratori per le materie scientifiche oltre a una parte delle normali aule di classe, mentre ai piani superiori saranno disposte le rimanenti aule di classe e le aule speciali per musica, arti visive e storia dell’arte. Le aule dedicate alla pedagogia speciale saranno inserite unicamente nella sede definitiva e non saranno presenti nella struttura provvisoria. Ogni edificio sarà provvisto di spazi esterni coperti con dei portici, che negli edifici su due livelli copriranno anche le scale esterne di accesso. Tutti i locali con presenza continua di persone saranno riscaldati e raffrescati per garantire un comfort adeguato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved