ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
16 min

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
1 ora

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
1 ora

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
2 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
3 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
3 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
3 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
3 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
4 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
4 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
4 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
4 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
4 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
5 ore

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
5 ore

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Luganese
5 ore

Lugano, per i più piccoli il Natale a bordo dei battelli

L’8 dicembre sarà l’occasione di viaggiare con San Nicolao. Domenica 18 dicembre toccherà alla ‘Crociera delle fiabe’
09.11.2021 - 16:23
Aggiornamento: 19:27

Liceo di Bellinzona, un milione in più per gli spazi comuni

A seguito della petizione degli studenti, la Commissione della gestione del Gran Consiglio propone di ampliare la sede provvisoria

liceo-di-bellinzona-un-milione-in-piu-per-gli-spazi-comuni
In rosso i nuovi spazi aggregativi e la pensilina

Un milione di franchi in più per realizzare la sede provvisoria del Liceo di Bellinzona che sarà completamente ristrutturato. Con la petizione – firmata da 548 allievi (su un totale di circa 800) e consegnata al presidente del Gran Consiglio Nicola Pini lo scorso 19 ottobre –, gli studenti dell’istituto sono dunque riusciti a convincere il parlamento cantonale – o almeno la Commissione della gestione – sulla necessità di avere a disposizione ulteriori spazi comuni nei prefabbricati che saranno costruiti accanto all’attuale sede. La maggioranza della commissione (esclusa la rappresentante dei Verdi) oggi, 9 novembre, ha infatti firmato il rapporto del relatore Bixio Caprara (Plr) che propone di ampliare le zone di aggregazione interne ed esterne e di aggiungere due aule dedicate alla pedagogia speciale.

645mila franchi per ulteriori per alzare il blocco principale

“In risposta alla presa di posizione degli allievi la Sezione della logistica e i progettisti hanno elaborato delle soluzioni alle richieste inerenti il miglioramento della struttura provvisoria”, si legge nel rapporto. Il costo complessivo di questi interventi di miglioramento “che permettono di soddisfare le perplessità sollevate dagli studenti” è stimato a un milione di franchi. L’investimento per le strutture prefabbricate passerebbe dunque da 8,9 milioni a 9,9 milioni di franchi (di cui 990mila franchi per l’installazione dei sistemi informatici). La spesa maggiore (ovvero 645mila franchi) servirà per realizzare spazi aggregativi supplementari, “sopraelevando parzialmente il blocco principale con l’aggiunta di ulteriori prefabbricati”. L’accesso al piano superiore, che sarà dotato dei relativi servizi igienici, sarà garantito da una nuova scala esterna munita di montascale. Altri 190mila franchi serviranno poi per realizzare due aule dedicate alla pedagogia speciale. Infine, 165mila franchi saranno utilizzati per una pensilina di copertura all’interno della corte che permetterà di avere camminamenti coperti. “Inoltre in prossimità del blocco principale, dove sono ubicati gli spazi comuni (refettorio/biblioteca/aula magna e zona di studio) la pensilina viene ampliata per permettere pause al coperto”. A tutto ciò va poi aggiunto che le strutture prefabbricate potranno anche essere riutilizzate “per il progetto di ristrutturazione del centro scolastico di Biasca in quanto la sede di Scuola media e il centro di formazione professionale richiederanno a medio termine un risanamento importante”.

Ora toccherà al Gran Consiglio decidere se accogliere questa proposta. Se ciò dovesse accadere a breve, l’edificio provvisorio sarà consegnato nell’estate del 2022, pronto per l’anno scolastico 2022-2023. L’attuale liceo ristrutturato sarà poi nuovamente agibile per l’anno scolastico 2025-2026.

Costi lievitati del 65%

Ricordiamo che i costi per la ristrutturazione dell’istituto scolastico bellinzonese erano già lievitati considerevolmente (del 65%) rispetto al messaggio governativo approvato dal parlamento cantonale nel settembre del 2015 che prevedeva una spesa di 25,53 milioni di franchi. Nel maggio del 2020 i progettisti hanno infatti presentato un progetto di massima di 42,8 milioni. La Commissione della gestione ha quindi voluto vederci chiaro: verifiche da parte di esperti esterni hanno “confermato la correttezza e la validità del preventivo”. È così emerso che i principali fattori che hanno contribuito a questo aumento sensibile dei costi sono: “la realizzazione di una struttura provvisoria completa determinata dalla necessità di un intervento in un’unica tappa; gli adeguamenti normativi intervenuti successivamente alla presentazione del messaggio di progettazione che impongono un risanamento completo dell’impiantistica e quindi un intervento più incisivo; alcune richieste supplementari della committenza, in particolare per quanto concerne interventi al piano interrato dell’edificio non considerati negli studi di fattibilità e la creazione di un collegamento al piano cantina di servizi igienici e spogliatoi”. Se il Gran Consiglio accoglierà la proposta della Gestione, ai 42,8 milioni se ne aggiungerà un altro per la sede provvisoria.

Varianti alternative tutte scartate

La Gestione ha anche analizzato le tre varianti alternative presentate nel messaggio governativo a seguito dell’aumento considerevole dei costi. Varianti che tuttavia sono tutte state scartate. Ricordiamo che la prima prevedeva la costruzione di una nuova sede del liceo al posto dell’attuale edificio. Questa alternativa avrebbe però “comportato un costo complessivo di 54 milioni di franchi, sensibilmente maggiore rispetto alla soluzione presentata”. La seconda prevedeva una nuova sede a fianco dell’attuale edificio, verso il Bagno pubblico. Questa soluzione “comporterebbe tuttavia un uso non razionale del territorio, poco compatibile con i criteri di un inserimento armonioso”. Inoltre la consegna dell’edificio non sarebbe possibile prima dell’anno scolastico 2027/2028. La terza variante prevedeva l’edificazione di una nuova sede del liceo nel futuro comparto Officine. Ma anche in questo caso, la realizzazione dell’edifico non sarebbe avvenuta prima del 2030. Inoltre, nel comparto ex Torretta sono già presenti “importanti realtà che costituiscono un vero e proprio quartiere della formazione e alla ricerca”, così come “importanti infrastrutture sportive e ampi spazi all’aperto per svolgere le lezioni di educazione fisica”. Sempre in ambito sportivo, è pure “pianificata la realizzazione di una nuova palestra tripla”.

La commissione ha poi da parte sua chiesto la verifica di un’ulteriore variante, ossia la realizzazione di una nuova sede del liceo nel comparto a nord della nuova sede Irb. Ma anche questa opzione è stata infine scartata: innazitutto i costi salirebbero a 51,8 milioni di franchi, ovvero nove milioni in più – od otto, considerando il milione supplementare per la sede provvisoria – rispetto al progetto attuale. A ciò va poi aggiunto che i tempi di realizzazione salirebbero, tenendo anche conto dell’eventuale procedura di modifica del piano regolatore, ad almeno 10 anni.

Leggi anche:

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved