ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
2 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
5 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
7 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
7 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
15 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
18 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
18 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
18 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
19 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
19 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
20 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
08.10.2021 - 16:37
Aggiornamento: 19:23

L’Mps torna su Orlandi: fu lui la gola profonda su Ghiggia?

Inchiesta sullo smercio di targhe, nuova interpellanza al governo sulla parentesi professionale dell’ex politico Udc all’Ufficio della migrazione

l-mps-torna-su-orlandi-fu-lui-la-gola-profonda-su-ghiggia
Chiesti lumi al governo (Ti-Press)

Norman Gobbi l’ha ‘raccontata tutta’ quando il 21 settembre in Gran Consiglio ha risposto all’interpellanza Mps che chiedeva lumi sulle modalità d’assunzione, alla Sezione della circolazione, dell’ormai ex funzionario Simone Orlandi licenziato in tronco poche settimane prima poiché reo confesso nell’inchiesta sullo smercio illegale di targhe? Secondo il Movimento per il socialismo, che torna oggi sull’argomento con un’interpellanza-bis, il consigliere di Stato nell’assicurare in Parlamento la correttezza nella procedura d’assunzione avrebbe sottaciuto una puntata precedente di non poco conto, qualora fosse confermata: “Da quanto abbiamo potuto appurare – scrivono i tre granconsiglieri Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori – sembra che le cose siano andate diversamente dalla ricostruzione ufficiale della vicenda. L’approdo di Orlandi alla Sezione della circolazione, su cui abbiamo ricevuto una risposta a dir poco evasiva, avrebbe ora una diversa spiegazione”.

Le 13 segretarie e badanti frontaliere

Durante le esperienze fatte come soccorritore volontario dapprima in seno a Tre Valli Soccorso e successivamente alla Croce Verde di Bellinzona, Orlandi – già in quel periodo attivo politicamente nell’Udc dapprima a Claro e poi nella Bellinzona aggregata – si annuncia all’Ufficio regionale di collocamento: “E per miracolo o forse essendo del partito giusto – scrivono i tre deputati nell’interpellanza – viene ‘piazzato’ al Dipartimento delle istituzioni di Gobbi e più precisamente alla Sezione della popolazione, Ufficio della migrazione”. Dove, sempre stando all’Mps che chiede conferme precise al governo, sarebbe accaduto qualcosa di anomalo: “Sfruttando la sua posizione sarebbe venuto a conoscenza di informazioni sensibili, dal punto di vista politico, che avrebbe poi ‘fatto uscire’. Ci riferiamo in particolare alle notizie relative alle segretarie e badanti frontaliere al servizio dell’avvocato Battista Ghiggia, già candidato nell’autunno 2019 al Consiglio degli Stati per la Lega dei Ticinesi. Sappiamo tutti come poi finì la lotta fratricida fra Lega e Udc”, col ticket spazzato via dalle iniziali rivelazioni del ‘Caffè’, che per primo aveva parlato di una segretaria frontaliera alle sue dipendenze, e da quelle successive della ‘Regione’ che aveva indicato l’assunzione di 13 persone residenti oltre confine fra il 2005 e il 2018.

Via il ticket e ascesa politica di Orlandi

Rivelazioni che fecero scalpore finendo per favorire il democentrista Marco Chiesa eletto in pompa magna al Consiglio degli Stati. Mentre Orlandi in quella elezione si classificò secondo miglior votato in Ticino nella lista Giovani Udc in corsa al Consiglio nazionale. Orlandi che l’anno prima aveva assunto il coordinamento dell’Udc per Bellinzonese e valli, e che proprio nel 2019 era diventato membro della Direttiva cantonale come organizzatore degli eventi dell’Udc Ticino; un’ascesa verticale che lo aveva infine portato nel luglio 2020 ad assumere la presidenza dell’Udc di Bellinzona e a venire eletto questa primavera in Consiglio comunale. Tutte cariche politiche cui il 34enne ha ora rinunciato con l’apertura dell’inchiesta penale sulle targhe. Secondo l’Mps l’ex politico sarebbe dunque stato scoperto (il condizionale è d’obbligo) a passare a qualcuno le informazioni sulle 13 dipendenti frontaliere di Ghiggia, e perciò sarebbe stato “trasferito” dalla Sezione della popolazione a quella della circolazione, sempre del Dipartimento delle istituzioni di Gobbi. Tuttavia l’Mps potrebbe sbagliarsi e fra le due esperienze professionali di Orlandi alle Istituzioni non esistere alcuna correlazione. Da quanto ci risulta, infatti, Orlandi non è stato trasferito alla Sezione della circolazione: vi è entrato, da disoccupato, dopo aver partecipato al concorso aperto in seguito a un posto (a nomina) resosi vacante. Dopo il periodo alla Sezione della popolazione (interrottosi per motivi da chiarire) era dunque disoccupato, iscritto all’Urc. L’Mps potrebbe anche sbagliarsi in relazione all’altra circostanza: Orlandi cioè potrebbe non essere affatto la gola profonda all’origine del tramonto politico di Ghiggia.

L’atto parlamentare propone una raffica di domande con le quali i tre granconsiglieri chiedono di conoscere tempistiche e modalità d’assunzione. Compresa la richiesta a sapere se per l’eventuale fuga di notizie il Dipartimento di Gobbi o i preposti uffici abbiano svolto un’inchiesta amministrativa, e se sì con quale esito.

Leggi anche:

Inchiesta targhe: intascati da Orlandi 30mila franchi

Caso targhe, Gobbi su Orlandi: ‘Era stato assunto regolarmente’

Tutte le frontaliere di Battista Ghiggia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved