inchiesta-targhe-intascati-da-orlandi-30mila-franchi
La cifra complessiva ammonta a circa 50'000 franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
13 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
13 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
14 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
14 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
14 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
14 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
14 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
27.08.2021 - 17:56
Aggiornamento : 21:04

Inchiesta targhe: intascati da Orlandi 30mila franchi

L’ex funzionario della Circolazione teneva per sé il 60%. Intanto l’agente della Polcom ha esposto al sindaco la propria posizione: per ora nulla di penale

È di poco superiore ai 30’000 franchi la cifra imputata dal Ministero pubblico a Simone Orlandi, l’ormai ex funzionario del Servizio immatricolazioni alla Sezione cantonale della circolazione (licenziato questa settimana dal Consiglio di Stato) finito sotto inchiesta per aver indebitamente smerciato una dozzina di targhe automobilistiche, dotate di numeri interessanti, con la complicità di un assicuratore del Luganese in contatto con gli acquirenti privati. La cifra complessiva ricostruita dagli inquirenti coordinati dal procuratore generale Andrea Pagani ammonta finora, come già emerso nei giorni scorsi, a circa 50’000 franchi. Stando a quanto appreso dalla ‘Regione’, in un rapporto di 40-60 fra i due oltre la metà veniva dunque intascata dall’ex funzionario 36enne che ha immediatamente rassegnato le dimissioni da presidente dell’Udc di Bellinzona e Valli e da consigliere comunale della Turrita, carica assunta questa primavera. Il fatto che il 60% della presunta appropriazione indebita finisse nella disponibilità di Orlandi, patrocinato dall'avvocato Davide Ceroni, rafforza la gravità del suo coinvolgimento e di quanto illegalmente orchestrato e ammesso davanti agli inquirenti. Come si ricorderà, a suo carico si ipotizzano anche i reati di corruzione passiva (subordinatamente accettazione di vantaggi), abuso di autorità, riciclaggio di denaro e acquisizione illecita di dati, questa per aver sfruttato gli account informatici di due colleghi ignari del suo agire.

Attività inopportuna?

Altro capitolo della vicenda: sulla base del nostro articolo pubblicato ieri (giovedì 26), il sindaco di Bellinzona Mario Branda ha interpellato l’agente della Polizia comunale interrogato in Procura come persona informata sui fatti essendo entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati nell’ambito della compra-vendita di targhe. In attesa che l’inchiesta del Ministero pubblico faccia il suo corso, non emergono al momento elementi che possano indicare il sergente maggiore come penalmente coinvolto. In un rapporto scritto il diretto interessato ha chiarito la propria posizione illustrando l’attività da lui svolta in privato. Tutto ciò sarà, se necessario, ulteriormente approfondito dall’Esecutivo. Fra i quesiti che teoricamente potrebbe porsi – sempre che la posizione dell'agente nel frattempo non si aggravi – vi è quello dell'opportunità, per un addetto alle forze dell'ordine, di operare privatamente nel settore delle targhe. Settore in cui bazzicano acquirenti disposti a spendere svariate migliaia di franchi pur di ottenere il numero desiderato. Un'attività legale (sempre che non sia svolta col metodo messo in piedi dai due indagati) ma caratterizzata, come detto, da consistenti giri di denaro.

Leggi anche:

Circolazione: due account e una dozzina di targhe smerciate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved