NJ Devils
5
PHI Flyers
2
fine
(1-1 : 1-0 : 3-1)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
1
TOR Leafs
3
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 1-1)
inchiesta-targhe-intascati-da-orlandi-30mila-franchi
La cifra complessiva ammonta a circa 50'000 franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
6 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
9 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
10 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
10 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
10 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
10 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
10 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
11 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
11 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
27.08.2021 - 17:560
Aggiornamento : 21:04

Inchiesta targhe: intascati da Orlandi 30mila franchi

L’ex funzionario della Circolazione teneva per sé il 60%. Intanto l’agente della Polcom ha esposto al sindaco la propria posizione: per ora nulla di penale

È di poco superiore ai 30’000 franchi la cifra imputata dal Ministero pubblico a Simone Orlandi, l’ormai ex funzionario del Servizio immatricolazioni alla Sezione cantonale della circolazione (licenziato questa settimana dal Consiglio di Stato) finito sotto inchiesta per aver indebitamente smerciato una dozzina di targhe automobilistiche, dotate di numeri interessanti, con la complicità di un assicuratore del Luganese in contatto con gli acquirenti privati. La cifra complessiva ricostruita dagli inquirenti coordinati dal procuratore generale Andrea Pagani ammonta finora, come già emerso nei giorni scorsi, a circa 50’000 franchi. Stando a quanto appreso dalla ‘Regione’, in un rapporto di 40-60 fra i due oltre la metà veniva dunque intascata dall’ex funzionario 36enne che ha immediatamente rassegnato le dimissioni da presidente dell’Udc di Bellinzona e Valli e da consigliere comunale della Turrita, carica assunta questa primavera. Il fatto che il 60% della presunta appropriazione indebita finisse nella disponibilità di Orlandi, patrocinato dall'avvocato Davide Ceroni, rafforza la gravità del suo coinvolgimento e di quanto illegalmente orchestrato e ammesso davanti agli inquirenti. Come si ricorderà, a suo carico si ipotizzano anche i reati di corruzione passiva (subordinatamente accettazione di vantaggi), abuso di autorità, riciclaggio di denaro e acquisizione illecita di dati, questa per aver sfruttato gli account informatici di due colleghi ignari del suo agire.

Attività inopportuna?

Altro capitolo della vicenda: sulla base del nostro articolo pubblicato ieri (giovedì 26), il sindaco di Bellinzona Mario Branda ha interpellato l’agente della Polizia comunale interrogato in Procura come persona informata sui fatti essendo entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati nell’ambito della compra-vendita di targhe. In attesa che l’inchiesta del Ministero pubblico faccia il suo corso, non emergono al momento elementi che possano indicare il sergente maggiore come penalmente coinvolto. In un rapporto scritto il diretto interessato ha chiarito la propria posizione illustrando l’attività da lui svolta in privato. Tutto ciò sarà, se necessario, ulteriormente approfondito dall’Esecutivo. Fra i quesiti che teoricamente potrebbe porsi – sempre che la posizione dell'agente nel frattempo non si aggravi – vi è quello dell'opportunità, per un addetto alle forze dell'ordine, di operare privatamente nel settore delle targhe. Settore in cui bazzicano acquirenti disposti a spendere svariate migliaia di franchi pur di ottenere il numero desiderato. Un'attività legale (sempre che non sia svolta col metodo messo in piedi dai due indagati) ma caratterizzata, come detto, da consistenti giri di denaro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved