ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
44 min

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
54 min

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
6 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
7 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
7 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
9 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
10 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
11 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
27.08.2021 - 17:56
Aggiornamento: 21:04

Inchiesta targhe: intascati da Orlandi 30mila franchi

L’ex funzionario della Circolazione teneva per sé il 60%. Intanto l’agente della Polcom ha esposto al sindaco la propria posizione: per ora nulla di penale

inchiesta-targhe-intascati-da-orlandi-30mila-franchi
La cifra complessiva ammonta a circa 50'000 franchi (Ti-Press)

È di poco superiore ai 30’000 franchi la cifra imputata dal Ministero pubblico a Simone Orlandi, l’ormai ex funzionario del Servizio immatricolazioni alla Sezione cantonale della circolazione (licenziato questa settimana dal Consiglio di Stato) finito sotto inchiesta per aver indebitamente smerciato una dozzina di targhe automobilistiche, dotate di numeri interessanti, con la complicità di un assicuratore del Luganese in contatto con gli acquirenti privati. La cifra complessiva ricostruita dagli inquirenti coordinati dal procuratore generale Andrea Pagani ammonta finora, come già emerso nei giorni scorsi, a circa 50’000 franchi. Stando a quanto appreso dalla ‘Regione’, in un rapporto di 40-60 fra i due oltre la metà veniva dunque intascata dall’ex funzionario 36enne che ha immediatamente rassegnato le dimissioni da presidente dell’Udc di Bellinzona e Valli e da consigliere comunale della Turrita, carica assunta questa primavera. Il fatto che il 60% della presunta appropriazione indebita finisse nella disponibilità di Orlandi, patrocinato dall'avvocato Davide Ceroni, rafforza la gravità del suo coinvolgimento e di quanto illegalmente orchestrato e ammesso davanti agli inquirenti. Come si ricorderà, a suo carico si ipotizzano anche i reati di corruzione passiva (subordinatamente accettazione di vantaggi), abuso di autorità, riciclaggio di denaro e acquisizione illecita di dati, questa per aver sfruttato gli account informatici di due colleghi ignari del suo agire.

Attività inopportuna?

Altro capitolo della vicenda: sulla base del nostro articolo pubblicato ieri (giovedì 26), il sindaco di Bellinzona Mario Branda ha interpellato l’agente della Polizia comunale interrogato in Procura come persona informata sui fatti essendo entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati nell’ambito della compra-vendita di targhe. In attesa che l’inchiesta del Ministero pubblico faccia il suo corso, non emergono al momento elementi che possano indicare il sergente maggiore come penalmente coinvolto. In un rapporto scritto il diretto interessato ha chiarito la propria posizione illustrando l’attività da lui svolta in privato. Tutto ciò sarà, se necessario, ulteriormente approfondito dall’Esecutivo. Fra i quesiti che teoricamente potrebbe porsi – sempre che la posizione dell'agente nel frattempo non si aggravi – vi è quello dell'opportunità, per un addetto alle forze dell'ordine, di operare privatamente nel settore delle targhe. Settore in cui bazzicano acquirenti disposti a spendere svariate migliaia di franchi pur di ottenere il numero desiderato. Un'attività legale (sempre che non sia svolta col metodo messo in piedi dai due indagati) ma caratterizzata, come detto, da consistenti giri di denaro.

Leggi anche:

Circolazione: due account e una dozzina di targhe smerciate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved