circolazione-due-account-e-una-dozzina-di-targhe-smerciate
I due indagati si spartivano per ciascuna targa un incasso fra i 3mila e gli 8mila franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
1 ora

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
6 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
6 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
8 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
11 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
11 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
12 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
13 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
Locarnese
13 ore

Parte al galoppo il Circolo ippico Piano di Magadino

L’equitazione a tutto tondo per il sodalizio appena ufficialmente riconosciuto e accolto dalla Federazione ticinese sport equestri
Locarnese
13 ore

La Verzasca? Il camoscio, le montagne, il Ponte e le acque

‘Viv insema - Insema l’è mei’, stemma proposto da un autore ancora anonimo, ha (stra)battuto le altre due candidature portate al voto in Valle
Bellinzonese
14 ore

Ambrì, inaugurato il primo asilo nido dell’Alta Leventina

Il Botton d’Oro, gestito dalla Fondazione Pro Infantia, può accogliere fino a 17 bambini dai 3 mesi compiuti fino ai 4 anni
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona nessuna notte bianca quest’anno

Stando alla neonata associazione EsercEventi, il Municipio sembrerebbe però ‘propenso a sostenere l’organizzazione di un simile evento nel 2023’
Ticino
16 ore

Sì al risanamento dei conti agendo prioritariamente sulle spese

Approvato dalla maggioranza dei ticinesi il ‘decreto Morisoli’: gli elettori si sono espressi favorevolmente nella misura del 56,9%
Grigioni
17 ore

Elezioni grigionesi, nel Moesano vincono il Centro e le donne

Sono stati eletti nel Gran Consiglio Piera Furger, Rosanna Spagnolatti ed Eleonora Righetti del Centro, Samuele Censi (Plr) e Manuel Atanes (Ps/Verdi)
Grigioni
17 ore

Grigioni, l’Udc resta ancora fuori dal governo

Il candidato democentrista Roman Hug si è piazzato sesto. Eletti Marcus Caduff, Martin Bühler, Peter Peyer, Carmelia Maissen e Jon Domenic Parolini
GALLERY
Luganese
18 ore

La Capriasca si mette in posa (a Roveredo e a Treggia)

Inaugurata oggi la mostra che affianca i ritratti d’epoca di Remo Canonica con quelli contemporanei di Giuseppe Pennisi. Esperimento davvero riuscito
Gallery
Bellinzonese
19 ore

Infortunio mortale in via Cà d’Fidel a Semione

La vittima è un 66enne residente nel Canton Lucerna che stava effettuando lavori in una canna fumaria
Mendrisiotto
21 ore

Tour de Suisse, il Mendrisiotto è pronto

Il 16 giugno diversi comuni accoglieranno tifosi e spettatori con esibizioni, musica e intrattenimenti per tutte le età
laR
 
26.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 11:38

Circolazione: due account e una dozzina di targhe smerciate

Il funzionario indagato si era servito dei dati d’accesso informatico di due colleghi ignari. Interrogato anche un agente della PolComunale di Bellinzona

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ha usato gli account di due colleghi della Sezione della circolazione, entrambi all’oscuro del suo agire illecito. Lo ha fatto, senza averne diritto, per accedere via computer alle targhe, appropriandosene indebitamente visto che appartenevano allo Stato: targhe destinate alle aste organizzate dal Cantone, ma che lui ha ceduto al presunto complice, il 48enne assicuratore luganese, il quale le ha poi vendute a terzi. Con i proventi che finivano nelle tasche dell’uno e dell’altro. I due account, già. Ecco spiegato uno dei reati ipotizzati dal Ministero pubblico a carico di Simone Orlandi, l’ormai ex funzionario del Servizio immatricolazioni e ormai ex consigliere comunale della Turrita, nonché ex presidente della sezione Udc di Bellinzona e Valli. Il reato in questione è quello di acquisizione illecita di dati, articolo 143 del Codice penale. “Chiunque, per procacciare a sé o ad altri un indebito profitto, procura, per sé o altri, dati a lui non destinati e specialmente protetti contro il suo accesso non autorizzato, registrati o trasmessi elettronicamente o secondo un modo simile, è punito con una pena detentiva sino a cinque anni o con una pena pecuniaria”, recita il primo capoverso.

Il governo lo licenzia con effetto immediato: fatti gravi

Non è breve la lista dei reati prospettata dal procuratore generale Andrea Pagani, titolare dell’inchiesta entrata nel vivo la scorsa settimana con l’arresto provvisorio del 34enne Orlandi e dell’assicuratore, rilasciati dopo i primi interrogatori, un confronto e l’audizione di persone informate sui fatti. Nei confronti di Orlandi si ipotizzano, oltre all’acquisizione illecita di dati, la corruzione passiva (subordinatamente l’accettazione di vantaggi), l’abuso di autorità, l’appropriazione indebita e il riciclaggio di denaro. Corruzione attiva (subordinatamente concessione di vantaggi), riciclaggio e ricettazione sono invece gli illeciti contestati al 48enne. Quali di queste iniziali ipotesi di reato reggeranno, trasformandosi in formali accuse, lo diranno gli sviluppi investigativi. Per ora non ci sono nuovi arresti; gli unici indagati, seppur a piede libero, sono l’assicuratore e Orlandi. Il quale – in una nota stampa diffusa tramite il proprio difensore, l’avvocato Davide Ceroni, il medesimo giorno del comunicato diramato da Polizia cantonale e Procura – ha ammesso le proprie responsabilità e annunciato le dimissioni dalle cariche politiche. Nel frattempo ha dovuto lasciare anche il posto di lavoro avendolo il Consiglio di Stato licenziato: il provvedimento – scattato dopo l’iniziale sospensione decisa il 19 agosto quando la Procura ha annunciato l'apertura del procedimento penale – è stato adottato martedì dal governo “su proposta del Dipartimento istituzioni”, da cui dipende la Sezione della circolazione: l’esecutivo “ha deciso di disdire con effetto immediato il rapporto d’impiego" e “di abbandonare l’inchiesta disciplinare”. Evidenzia il governo: “L’accesso agli atti dell’inchiesta ha confermato la gravità dei fatti, portando il Consiglio di Stato ad adottare la misura del licenziamento”.

Alla Circolazione da un paio d'anni

Simone Orlandi era stato assunto alla Circolazione nel 2019, con tanto di nomina governativa e un impiego al 100%, dopo aver tentato senza successo la formazione di soccorritore professionale di primo intervento. Da alcuni anni in forza alla Croce Verde di Bellinzona, che inizialmente lo aveva inserito nell’organico in formazione, vi è poi rimasto come soccorritore volontario (lo è tutt’oggi) non essendosi diplomato nell’ambito del corso triennale frequentato alla Scuola superiore per le formazioni sanitarie di Stabio. L’assunzione sarebbe probabilmente avvenuta qualora si fosse diplomato, visto che la Croce Verde per scelta conta fra il personale fisso unicamente soccorritori professionali, impiegando comunque anche dei volontari, com’è il caso di Orlandi. Alla Circolazione percepiva un salario netto sotto i quattromila franchi, inferiore al precedente. Alla Sezione, con sede a Camorino, era un collaboratore apprezzato da tutti i colleghi. In giugno delle segnalazioni pervenute alla Circolazione avevano fatto però scattare approfondite verifiche interne. Con la scoperta tra giugno e luglio, da parte dei responsabili degli uffici di Camorino, di alcune irregolarità. Irregolarità rimproverate a Orlandi.

Pezzi di valore

Secondo quanto ricostruito dalla ‘Regione’, le targhe cedute dal 34enne all’assicuratore per essere vendute a privati sono una dozzina. Targhe a quattro cifre, ma non solo. Ambite. Il valore a pezzo può superare i diecimila franchi. Targhe che sono state smerciate senza passare dal canale istituzionalmente preposto, quello cioè delle aste online promosse periodicamente dalla Sezione della circolazione. Le targhe erano state depositate dai rispettivi conducenti titolari e rientrate negli archivi virtuali dello Stato alla fine dei dodici mesi entro cui i detentori possono richiederle. E probabilmente qualcuna potrebbe essere finita nel mirino del funzionario ancor prima della scadenza dei dodici mesi.

Inchiesta e dintorni

Sentito un poliziotto della PolComunale

Ma in questa vicenda spunta pure un agente di polizia. Gli inquirenti hanno sentito, in qualità di persona informata sui fatti, un sergente maggiore della Polizia comunale di Bellinzona entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati nell’ambito del commercio di targhe. Il diretto interessato ha informato il Comando di essere stato recentemente verbalizzato in Procura. La sua testimonianza potrebbe risultare interessante ai fini dell’inchiesta. Impossibile sapere, al momento, se sono prevedibili conseguenze penali nei suoi confronti; ma potrebbe anche costituirsi accusatore privato se ritenesse di aver subìto un danno dall’agire di uno o entrambi gli indagati. Così come al momento non è ancora noto l’importo delle somme incassate e spartite dai due. Restano pure da chiarire le circostanze in cui i due si sono conosciuti e il motivo dell’agire illecito dell’ex funzionario. Nel comunicato inviato giovedì scorso alle redazioni, Orlandi riconduce il tutto a “un momento difficile della mia vita”. Al riguardo non aggiunge altro il 34enne, che durante la campagna per le elezioni comunali del 2020 e per quelle del 2021, in seguito al rinvio delle prime a causa della pandemia, dovrebbe aver speso non poco tra cartelloni e altro materiale.

In Cc gli subentrerà Manuela Genetelli

Una volta accolte dal Consiglio comunale le dimissioni di Orlandi, il suo seggio nel gruppo Lega/Udc/Ind. sarà occupato dalla leghista Manuela Genetelli di Preonzo. Figlia del noto imprenditore Italo, è anche prima vicepresidente della sezione della Lega di Bellinzona nonché segretaria della locale associazione di quartiere. Così i consiglieri democentristi scendono da tre a due e i leghisti salgono da sette a otto. Nel frattempo, in attesa dell’assemblea che nominerà il nuovo presidente dopo le dimissioni di Orlandi, la sezione democentrista di Bellinzona viene coordinata dai vicepresidenti Riccardo Valsangiacomo e Csaba Princzes.

Leggi anche:

Licenziato il funzionario dell'Ufficio circolazione

Simone Orlandi presidente della sezione Udc di Bellinzona

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea pagani inchiesta procura sezione circolazione simone orlandi targhe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved