ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
16 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
20 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
08.09.2021 - 20:47

Antenne: Pollegio la spunta al Tf, ma ora deve sbrigarsi

Bocciato il ricorso di Swisscom, Sunrise e Salt contrario alla Zona di pianificazione che bloccava nuovi impianti per cinque anni, poi ridotti a due

antenne-pollegio-la-spunta-al-tf-ma-ora-deve-sbrigarsi
Ti-Press

Sebbene sia una strada insolita, non è illegale. Luce verde dal Tribunale federale alla Zona di pianificazione che il Municipio di Pollegio aveva istituito nel giugno 2019 per impedire la posa di antenne di telefonia mobile in parti del paese ritenute sensibili. Zona di pianificazione che il Tribunale amministrativo cantonale aveva a sua volta approvato nel 2020 riducendone però la durata da cinque a due anni. Approvando l’impostazione del Tram, e respingendo di conseguenza i ricorsi interposti da Swisscom, Sunrise e Salt, la massima corte elvetica si schiera oggi a favore del Comune bassoleventinese. 

Necessaria per elaborare una variante di Pr

Il provvedimento municipale, che scadrà una volta estinto il periodo di sospensione dovuto al ricorso, si estende a tutte le zone edificabili del territorio comunale e persegue lo scopo di permettere al Municipio di elaborare una variante del Piano regolatore che disciplini in modo adeguato la posa delle antenne riconoscibili visivamente, tenendo conto delle immissioni immateriali generate da tali impianti, evitando che nel periodo della sua validità vengano realizzati progetti con impatti indesiderati per la popolazione nel delicato tessuto insediativo e che si creino situazioni di pregiudizio in relazione alla reimpostazione degli indirizzi pianificatori e alla loro successiva attuazione.

Ora adotti la nuova pianificazione

La criticata zona di pianificazione vieta, in altre parole, ogni intervento che possa rendere più ardua la pianificazione dell'uso territoriale e prescrive una regolamentazione transitoria che si fonda sulla ‘norma tipo’ secondo il ‘modello a cascata’ proposta dalla linea guida cantonale sulle antenne di telefonia mobile. Chinandosi sulle critiche espresse dalle tre compagnie telefoniche, il Tf evidenzia che la scelta operata da Pollegio “può essere opinabile o criticabile sotto il profilo del principio di proporzionalità, ma non è arbitraria visto che, nell'ambito della sua autonomia e del suo potere di apprezzamento, il Comune tra le scelte offertagli dalla legislazione cantonale e comunale poteva scegliere quella che più riteneva appropriata”. Ora, conclude il Tf, il Municipio “dovrà procedere sollecitamente all'adozione della prevista variante di Pr; nel caso contrario si sarebbe in presenza di una violazione del diritto federale, visto che alle ricorrenti sarebbe impedito di perseguire i loro scopi d'interesse non solo privato, ma anche pubblico”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved