ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
36 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
36 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
10 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
11 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
13 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
13 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
14 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
14 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
15 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
15 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
15 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
15 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
15 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
15 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
16 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
16 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
16 ore

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
17 ore

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
18 ore

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
30.06.2021 - 20:53
Aggiornamento: 01.07.2021 - 07:43

Ente Bellinzona Sport: tutti promossi, pure Gobbi

Il Cc ha avallato le 5 proposte municipali, anche quella leghista: per il neo consigliere comunale rischio incompatibilità essendo membro della Gestione?

ente-bellinzona-sport-tutti-promossi-pure-gobbi
Testato il nuovo sistema di voto elettronico (Regione)
+3

Dopo le turbolenze che hanno contraddistinto la seduta d’insediamento del nuovo Legislativo cittadino lo scorso 18 maggio, la designazione dei rappresentanti nel Consiglio direttivo dell’Ente autonomo Bellinzona Sport ha nuovamente tenuto banco in apertura dell’odierna seduta di Consiglio comunale. Legislativo tornato a riunirsi a Palazzo Civico, ma a porte chiuse, dopo la lunga parentesi al Ciossetto di Sementina resasi necessaria per assicurare il distanziamento sociale. Seduta aperta peraltro con una breve fase introduttiva, invero caciarosa, per l’utilizzo del nuovo sistema di voto elettronico a suo tempo proposto da una mozione dei Verdi. Ad aprire le danze il Movimento per il socialismo che con una lettera inviata all'Ufficio presidenziale chiedeva l'annullamento di tutte le nomine dei Consigli direttivi degli enti autonomi decise il 18 maggio, ritenendo inadatto il metodo di proposta e scelta dei candidati; tuttavia la richiesta d’inserire il tema all’ordine del giorno è stata silurata con 42 no e 6 favorevoli. Pendente nel frattempo una mozione collettiva, sempre dell’Mps, che chiede di modificare il sistema di nomina dei Direttivi dei cinque enti autonomi.

Il passo indietro di Soldini e Minotti

Sei settimane fa dai banchi di Ppd e Verdi/Fa/Mps/Pop erano partite diverse critiche rispettivamente sull’inopportunità di avere troppi municipali nei Direttivi degli enti autonomi e sulla procedura di candidatura e nomina sin qui adottata. Ritirata in quel frangente, e rinviata a oggi, la nomina per l’Ente Sport, nel frattempo l’Esecutivo ha fatto un passo indietro, anzi due, avendo rinunciato a presentare le candidature dei municipali rieletti Giorgio Soldini (primo presidente dell’ente al momento della sua nascita nel 2013 e oggi responsabile del Dicastero anziani e ambiente che si occupa della manutenzione regolare degli impianti sportivi) e Mauro Minotti, presidente durante la passata legislatura e che intendeva organizzare un adeguato passaggio di consegne al nuovo presidente che sarà (di diritto, in base allo statuto) il neo municipale liberale-radicale Fabio Käppeli essendo capodicastero Finanze, economia e sport.

A larga maggioranza 4 su 5

Al posto del popolare-democratico Soldini e del leghista Minotti il Municipio ha proposto, su indicazione dei rispettivi partiti, l’azzurro Andrea Rotanzi (che era già membro durante la passata legislatura) e il leghista Sacha Gobbi; per la sinistra è stata riproposta Maruska Vanza e per il Plr il neo consigliere comunale e capogruppo Damiano Stroppini. Così facendo il Ppd passa da due a un solo rappresentante e il Plr da uno a due. Tutte le proposte sono state votate dal plenum a larga maggioranza; un po’ meno (33 sì, 14 no e 7 astenuti) quella di Gobbi, coordinatore sezionale della Lega, neo consigliere comunale e membro della Commissione gestione preposta alla vigilanza sugli enti autonomi. La critica mossagli – per primo dal capogruppo Ppd Paolo Locatelli, che ha sollevato il rischio d'incompatibilità – è quella di aver voluto un poltrona nel Direttivo pur sapendo che molto probabilmente dovrà controllare se stesso.

Ok alla sala polivalente di Moleno e ai nuovi spogliatoi Polcom

Il legislativo ha successivamente concesso due crediti di 640mila franchi e 465mila franchi per ristrutturare e ampliare l’ex casa comunale di Moleno e, rispettivamente, realizzare alcune migliorie nei locali occupati dalla Polizia comunale a Palazzo Civico. Nel primo caso la rinnovata struttura, che già l’ex Municipio di Moleno aveva previsto incaricando allora un architetto, comprenderà al pianterreno una sala multiuso di 40 metri quadrati, una cucina e un servizio igienico; così facendo sarà finalmente dato un tetto alle associazioni del circondario nord che potranno organizzare delle attività e riunirsi. Nel secondo caso saranno ampliati gli spogliatoi (consentendo una separazione uomini/donne oggi assente), separati gli uffici amministrativi dall’accesso dell’utenza e realizzate le misure antincendio nel vano scala. Criticata da Maura Mossi Nembrini (‘Più donne’) la decisione municipale di affidare al Dicastero opere pubbliche la progettazione delle due opere, anziché affidarla a professionisti privati attivi sul territorio e specialisti in materia. «Si tratta d'investimenti relativamente contenuti», ha risposto il sindaco Mario Branda: «Lo spunto s’inserisce comunque nella riflessione, in atto, sui compiti del Dop e su cosa sia opportuno fare in casa e quanto invece appaltare». Gabriele Pedroni (Ppd) ha evidenziato come l’intervento nei locali Polcom sia un «cerotto al problema irrisolto di realizzare l’attesa (da diversi anni ormai) centrale comunale per gli enti di pronto intervento», struttura prevista al Seghezzone di Giubiasco e nella quale tuttavia al momento non è prevista la Polcom bensì Croce Verde, Pompieri, Protezione civile e Amb.

Verso più posteggi per bici e corse su chiamate

Pollice verso infine a tre mozioni su cinque che chiedevano misure per incentivare l’uso della bicicletta e del trasporto pubblico, come pure una differente pianificazione degli spazi in funzione del cambiamento climatico. Passata con 51 sì, 2 no e un astenuto la mozione dell’ex consigliera comunale socialista Isabella Zanini che proponeva d’introdurre un servizio serale su chiamata per il trasporto pubblico nelle zone meno servite. Ok giunto considerato anche che Municipio e Commissione della gestione hanno mostrato interesse per un approfondimento, tenendo però presente che dal 2014 il Trasporto pubblico del Bellinzonese è stato sensibilmente potenziato, recentemente anche nelle due aree indicate dalla mozionante, ossia Val Morobbia e collina di Vigana-Paiardi fra Camorino e Sant’Antonino. Peraltro la soluzione proposta – ha evidenziato il vicesindaco Simone Gianini – rischia di essere più cara di un servizio regolare, da qui la necessità di monitorare l’efficacia dei potenziamenti più recenti, prima d’introdurne di nuovi; la Gestione ha invece suggerito di procedere con una sperimentazione per la durata di sei mesi in Val Morobbia. Sorte positiva anche per la mozione, dei Verdi, affinché si acceleri e potenzi la realizzazione di parcheggi per biciclette sicuri ed elettrificati; il Municipio ha ribadito che si sta andando in questa direzione ma il plenum non gli ha creduto. Infine l’assist offerto dall’Unità di sinistra ha fatto la differenza e grazie anche al Plr la proposta è passata con 33 sì, 17 no e 2 astenuti.

Quanto alla pianificazione degli spazi pubblici, la maggioranza del plenum con 32 no, 21 sì e un astenuto ha ritenuto che alcune misure suggerite dalla mozione dei Verdi siano già in linea con il Programma di azione comunale (Pac), ma non quella che suggeriva l’inserimento, nelle norme di attuazione del Piano regolatore, di un vincolo di piantagione e promozione dei microclimi su sedimi privati anche già edificati. Su questo punto l’ha spuntata il parere della Commissione del Piano regolatore che a maggioranza invitava a respingere la mozione invocando il rispetto della proprietà privata in un contesto bellinzonese fra l’altro caratterizzato da sponde montane boschive e dall’area fluviale.

No a più sussidi per Arcobaleno

Pollice verso (29 no e 24 sì) anche alla mozione verde che chiedeva di finanziare fino al 50% gli abbonamenti Arcobaleno per le famiglie dei ceti medio e basso e di reintrodurre i sussidi comunali per l’acquisto di biciclette elettriche. Infatti gli aiuti comunali attualmente previsti – ha invano annotato il mozionante Ronnie David – sono minimi, pari al 7,5% contro il 50% per esempio riconosciuto a Paradiso. Silurata (46 no e 7 sì) l’ultima mozione, chiedente incentivi ai dipendenti comunali premiando con due ore di lavoro in meno alla settimana quelli che usano la bici per spostarsi da e verso casa.

Leggi anche:

L’Ente Sport di Bellinzona finisce ai supplementari

Enti autonomi Bellinzona, ‘annullare tutte le nomine’

Ente Sport di Bellinzona: Minotti e Soldini rinunciano

Centrale di pronto intervento, Seghezzone in pole position

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved