Cagliari
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
centrale-di-pronto-intervento-seghezzone-in-pole-position
L'ampio terreno del Seghezzone a Giubiasco, dove talvolta sostano carovane di nomadi elvetici
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Aumento dei ricoveri in Ticino, segnalato anche un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Ticino 1’174 casi di positività al Covid-19. 163 i pazienti ricoverati, 17 dei quali in cure intense
Ticino
1 gior

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
1 gior

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
1 gior

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
1 gior

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 gior

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 gior

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 gior

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
1 gior

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
22.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 14:27

Centrale di pronto intervento, Seghezzone in pole position

Parte del vasto mappale giubiaschese è già pianificato per accogliere strutture d'interesse pubblico. Si attendono Tram e Dipartimento istituzioni

La Croce Verde di Bellinzona ha sete di spazio e da alcuni anni medita di poter lasciare la sede situata all’incrocio fra via Rodari e via Zorzi – vicino al centro cittadino ma lontano dagli attuali svincoli autostradali, mentre il nuovo semisvincolo previsto dal 2025 sarebbe a un tiro di schioppo – per una più confacente. E siccome stanno richiedendo più tempo del previsto le due opzioni per altrettanti terreni al vaglio del Municipio cittadino a Giubiasco dove idealmente insediare la prevista nuova Centrale di pronto intervento comune che oltre alla Croce Verde includerebbe anche Pompieri, Protezione civile e Azienda multiservizi, il presidente della Croce Verde Vincenzo Lacalamita torna all’attacco sul terreno agricolo di proprietà del Patriziato di Carasso situato a sud di via Tatti e al confine con l’area occupata dalla Centrale d’allarme cantonale (Cecal) e dalla Polizia scientifica. Terreno che una decina d’anni fa il Patriziato aveva messo a disposizione per uno stadio di calcio, scontrandosi però con le disposizioni pianificatorie già allora restrittive e successivamente divenute ancora meno permissive.

Ipotesi nomadi

Ma andiamo con ordine, partendo da Giubiasco. Il primo terreno su cui ha posato gli occhi il Municipio turrito è situato in via Mondari, di fronte al garage Winteler, al confine con l’autostrada e a mezzo chilometro dallo svincolo di Camorino. Mappale che appartiene all’Ufficio federale delle strade e in origine riservato alle opere viarie del mai realizzato collegamento veloce A2-A13 fra Bellinzonese e Locarnese, il cui progetto è poi stato modificato e il tracciato spostato. Terreno dunque della Confederazione e al quale ambisce la Città, che in base alla procedura sul diritto di prelazione finisce in seconda posizione dopo il Cantone. In effetti il Dipartimento delle istituzioni sta valutando l’opzione di acquisto per creare un’area nomadi, soluzione negli anni mai individuata lungo l’asse autostradale ticinese. 

Già a Pr strutture d'interesse pubblico

Qualora il Cantone desistesse, il diritto di prelazione potrebbe venire esercitato dalla Città. Che ha però già individuato un’alternativa poco lontano, in zona Seghezzone, ampio terreno di proprietà del Consorzio correzione fiume Ticino dove fino a 15 anni fa il Dipartimento istituzioni immaginava d’insediare la Cecal poi invece edificata alle Semine con la Scientifica. Terreno del Seghezzone oggi verde (sul quale sostano alcune volte all’anno carovane di nomadi svizzeri jenish) per il quale l’ex Comune di Giubiasco nel 2015 aveva approvato una variante di Piano regolatore con l’intento di trasformarlo in edificabile destinandolo parzialmente a scopi artigianali e industriali – per trasferirvi alcune attività produttive oggi situate a stretto contatto con la zona abitata – e parzialmente a strutture d’interesse pubblico (Cecal). Variante pianificatoria tuttavia osteggiata dal ricorso di un privato, accolto in prima battuta dal Consiglio di Stato ma solo per la parte riservata alle attività produttive; decisione governativa quindi successivamente impugnata dal Municipio di Bellinzona (dopo l’aggregazione del 2017) con un ricorso al Tribunale amministrativo cantonale, dov’è ancora pendente, cui si chiede di confermare la soluzione mista con contenuti produttivi e pubblici.

Il Pac indica il Seghezzone

Peraltro lo stesso Piano d’azione comunale (Pac), cui il Consiglio comunale cittadino ha dato settimana scorsa il proprio avallo di principio, indica il Seghezzone come sede di infrastrutture d’interesse pubblico, quale appunto la nuova Centrale di pronto intervento comunale. Così almeno lo immagina il Municipio, che in caso di esito positivo davanti al Tram dovrebbe comunque riassegnare il comparto essendo oggi previsto per accogliere la Cecal e non la Centrale di pronto intervento. Un altro punto da chiarire sono i costi di realizzazione previsti: il gruppo di lavoro si è infatti sin qui confrontato con una cifra che supererebbe il livello ritenuto sopportabile, pari a una ventina di milioni, da suddividere fra Città (Pompieri e Amb), Protezione civile e appunto Croce Verde. Il cui presidente Vincenzo Lacalamita, come detto, scalpita. E vede proprio l’ampia porzione verde a sud di via Tatti l’opzione che il Municipio farebbe bene, secondo lui, a prendere in mano ripianificandola, indicando anche la necessità di un collegamento viario diretto con via Tatti ad uso esclusivo dei mezzi di soccorso e da gestire tramite semaforo; strada che il Cantone non ha tuttavia mai inserito nel progetto del semisvincolo, divenuto definitivo due settimane or sono. 

Il ‘no’ già messo nero su bianco

Altro problema: a differenza della parte di Seghezzone già pianificata per strutture d’interesse pubblico, il terreno del Patriziato di Carasso (il cui presidente è peraltro il municipale Mauro Minotti, che è anche membro del Cda della Croce Verde) per diventare edificabile necessiterebbe di venire compensato con altri terreni oggi edificabili e da dezonare trasformandoli in agricoli. Operazione al limite dell’impossibile e che la nuova Legge federale sulla pianificazione del territorio, entrata in vigore nel 2014, rende obbligatoria. E mentre Vincenzo Lacalamita ancora oggi insiste affinché la Città avvii una procedura per il terreno a ridosso di via Tatti, il Municipio già la scorsa estate è stato chiaro nel comunicargli per iscritto che c’è invece davvero poco da fare. Come risulta alla ‘Regione’, in una lettera del 26 giugno 2020 l’Esecutivo gli ha ricordato che il fondo è stato già oggetto in passato di proposte pianificatorie per renderlo edificabile e tutte sono state cassate a più livelli, soprattutto per motivi di ordine paesaggistico, agricolo e di contenibilità del Piano regolatore. L’ultima volta ancora nel 2006 con la chiara indicazione del Tribunale della pianificazione di concretizzarne la pianificazione quale terreno fuori dalla zona edificabile. Non resta che attende dunque la valutazione cantonale su Giubiasco (terreno Ustra) e quella del Tram sul Seghezzone, il cui terreno – dettaglio non trascurabile – costa meno del primo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved