l-ente-sport-di-bellinzona-finisce-ai-supplementari
La designazione dei membri dei Consigli direttivi degli enti autonomi hanno richiesto ulteriori valutazioni interne ai gruppi (Ti-Press/Gianinazzi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
2 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
3 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
4 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
4 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
11 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
11 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
11 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
18.05.2021 - 22:51

L’Ente Sport di Bellinzona finisce ai supplementari

Tutti i gruppi scettici sull'eccessivo numero di municipali (tre) indicato dall'Esecutivo per il Consiglio direttivo: la proposta sarà rivista

Durante l'odierna seduta costitutiva il Consiglio comunale di Bellinzona era chiamato anche a designare i rappresentanti (proposti dal Municipio sulla base delle suggestioni pervenute dai gruppi) in seno ai Consigli direttivi degli Enti autonomi di diritto comunale Azienda multiservizi, Musei, Sport, Teatro e Carasc. In men che non si dica, archiviate le formalità di rito, alcuni nodi sono venuti al pettine. Matteo Pronzini (gruppo Verdi/Fa/Mps/Pop) ha chiesto – ma senza ottenerlo – il rinvio a un’altra seduta sollecitando una descrizione per ciascuna proposta fatta dal Municipio e i motivi per cui la persona indicata dal proprio gruppo non sia stata presa in considerazione: «No alla lottizzazione partitica, sì all’incarico affidato a persone competenti». Ronald David (Verdi) ha dal canto suo indicato di voler chiedere alla Sezione enti locali una verifica sul modus operandi.

‘Ne basta uno’

A nome del Ppd il capogruppo Paolo Locatelli ha evidenziato l’eccessivo numero di municipali nei Consigli direttivi, tale da «minare la richiesta autonomia degli enti stessi nell’ambito, per esempio, della negoziazione dei mandati di prestazione con l’Esecutivo». Caso ritenuto emblematico è l’Ente Sport, con tre municipali indicati dall’Esecutivo, ossia Fabio Käppeli, Giorgio Soldini e Mauro Minotti. «Ne basta uno», ha detto Locatelli. Sulla stessa lunghezza d’onda Lega/Udc: «Talune nostre proposte non sono state minimamente considerate dal Municipio, la cui indicazione ci è giunta stamattina alle 11.25. Troppo tardi per poterne discutere al nostro interno», ha rimarcato Luca Madonna. Lisa Boscolo (Unità di sinistra) ha insistito sul fatto che le scelte siano fatte sulla base delle competenze: «Voteremo la proposta municipale, ma anche noi storciamo il naso vedendo più di un municipale nell’Ente Sport».

Il sindaco: ‘Pronti a ridiscutere’

Il sindaco Mario Branda ha spiegato che la tempistica adottata era dovuta alla fissazione definitiva dei capidicastero dopo il ballottaggio di domenica: «Abbiamo quindi riproposto l’impostazione passata, basata sulla rappresentanza delle forze politiche presenti nell’Esecutivo. Accettiamo comunque il rinvio per l’Ente Sport, dichiarandoci pronti a ridiscutere la nostra indicazione di voto». Plr, Sinistra, Ppd e Lega/Udc si sono detti d’accordo; bocciata invece 45 a 11 la proposta di rinvio globale. Alla fine – con però i voti contrari di Verdi/Fa/Mps/Pop – tutte le proposte municipali sono state votate; l’Ente Sport va invece ai supplementari.

Leggi anche:

‘Ascoltare e costruire’: monito ai consiglieri di Bellinzona

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona ente sport esecutivo proposta sport
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved