ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
2 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
4 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
5 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
5 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
5 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
22.04.2021 - 17:19
Aggiornamento: 18:58

Branda: ‘Mi chiedo se il ballottaggio sia d’aiuto’

Il sindaco uscente di Bellinzona commenta la decisione del Plr e di Simone Gianini di richiamare gli elettori alle urne

branda-mi-chiedo-se-il-ballottaggio-sia-d-aiuto
Mario Branda e Simone Gianini (Ti-Press)

«Guardo ovviamente con rispetto ma anche con fiducia a questa sfida. Non sono però veramente sorpreso dalla decisione del Plr e di Simone Gianini», premette il sindaco uscente e di quindicina Mario Branda commentando la decisione comunicata oggi di portare i bellinzonesi al voto di ballottaggio. La domanda che molti elettori potrebbero porsi: al di là dei rispettivi partiti e aree politiche di riferimento – che da sole rappresentano solitamente un chiaro spartiacque, ma che a Bellinzona durante le ultime due legislature hanno lavorato a braccetto per avviare e concretizzare l’aggregazione e le fasi successive – cosa lo distingue da Simone Gianini? «Mi rispecchio nel programma di questo Municipio, in ciò che è stato proposto e fatto durante le ultime due legislature, prima e dopo l’aggregazione, e di cui porto la responsabilità come sindaco da nove anni. Compete piuttosto allo sfidante spiegare in cosa si distingue dal sottoscritto e dalla linea politica seguita».

‘Non sono escluse ripercussioni politiche’

Se da una parte il ballottaggio può essere considerato un esercizio democratico salutare, dall’altra corre pur sempre il rischio di suscitare attriti, più o meno marcati a dipendenza degli sfidanti e della storia politica personale e locale. «Quella di Simone Gianini – commenta Mario Branda – è certamente una decisione legittima e democratica. E capisco il Plr, che per oltre un secolo è stato abituato a governare, per non dire dominare, la scena politica della vecchia Bellinzona e dei Comuni del comprensorio; capisco naturalmente anche il suo desiderio di correggere la ‘anomalia’ rappresentata da un sindaco che non è espressione del partito di maggioranza relativa. Detto questo, non credo che il ballottaggio pregiudichi automaticamente il lavoro e la collegialità del Municipio. Tuttavia sul piano politico generale non sono neppure escluse a priori ripercussioni di cui oggi è difficile prevedere natura ed entità. Non so dire se questo rischio sia stato adeguatamente considerato, come non so se sia stato adeguatamente tenuto conto del fatto che il ballottaggio, oltre a comportare dei costi, rischierà di rallentare almeno in questa prima fase l’azione dell’esecutivo».

Le vecchie beghe che frenavano

Il riferimento è per i rapporti politici extra-Municipio e per le questioni problematiche ancora pendenti e che attendono una risoluzione: «Il finale di legislatura – ricorda il sindaco di quindicina – si è rivelato piuttosto complicato e inoltre sono in cantiere progetti molto importanti per lo sviluppo della città, alcuni dei quali faranno anche discutere. Un contesto nel quale mi chiedo se un confronto politico di questo tipo sia d’aiuto». Gianini e il Plr lo ritengono invece salutare, non da ultimo per la Città stessa. E potrebbe anche essere l’occasione per mettere in luce le differenze personali, oggi non sempre intelligibili, al contrario del periodo precedente le due ultime legislature. «Differenze, o beghe, che avevano però anche intralciato l’azione politica della Città», rimarca Mario Branda.

La presidente sezionale: ‘Sindaco di tutti’

«Siamo molto tranquilli perché riteniamo che Mario Branda, rieletto per la terza volta, abbia tutte le carte in regola per continuare a essere il sindaco di tutti», attacca Martina Malacrida Nembrini, presidente del Ps di Bellinzona: «Lo dico considerando la sua personalità, il suo modo di essere e la modalità con cui si è assunto la responsabilità di trainare Bellinzona durante le ultime due legislature». Se da una parte la decisione liberale radicale è certamente legittima e democratica, «dall’altra avremo un inizio di legislatura rallentato per quattro settimane, cui si aggiunge anche il costo economico generato dal ballottaggio». La domanda è: partito a parte, cosa distingue i due pretendenti? «Mario Branda si distingue per la sua spiccata attenzione verso le minoranze, la qualità della vita, i valori ecologici. Ideali che promuove con risultati tangibili. Segnalo anche la sua capacità personale e politica di far convergere sensibilità diverse su obiettivi comuni, come pure la capacità di comunicare all’interno dell’istituzione e verso l’esterno, la popolazione. L’operatività messa in campo dall’Esecutivo dimostra in definitiva quanto sia forte la concordanza interna. Ciò che segna una differenza marcata rispetto a talune precedenti legislature».

Leggi anche:

Sindaco di Bellinzona: Gianini porta Branda al ballottaggio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved