Cagliari
Sampdoria
12:30
 
branda-mi-chiedo-se-il-ballottaggio-sia-d-aiuto
Mario Branda e Simone Gianini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa “matrimonio per tutti”
Locarnese
16 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
17 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
19 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
1 gior

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
1 gior

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
1 gior

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
1 gior

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
1 gior

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Bellinzonese
22.04.2021 - 17:190
Aggiornamento : 18:58

Branda: ‘Mi chiedo se il ballottaggio sia d’aiuto’

Il sindaco uscente di Bellinzona commenta la decisione del Plr e di Simone Gianini di richiamare gli elettori alle urne

«Guardo ovviamente con rispetto ma anche con fiducia a questa sfida. Non sono però veramente sorpreso dalla decisione del Plr e di Simone Gianini», premette il sindaco uscente e di quindicina Mario Branda commentando la decisione comunicata oggi di portare i bellinzonesi al voto di ballottaggio. La domanda che molti elettori potrebbero porsi: al di là dei rispettivi partiti e aree politiche di riferimento – che da sole rappresentano solitamente un chiaro spartiacque, ma che a Bellinzona durante le ultime due legislature hanno lavorato a braccetto per avviare e concretizzare l’aggregazione e le fasi successive – cosa lo distingue da Simone Gianini? «Mi rispecchio nel programma di questo Municipio, in ciò che è stato proposto e fatto durante le ultime due legislature, prima e dopo l’aggregazione, e di cui porto la responsabilità come sindaco da nove anni. Compete piuttosto allo sfidante spiegare in cosa si distingue dal sottoscritto e dalla linea politica seguita».

‘Non sono escluse ripercussioni politiche’

Se da una parte il ballottaggio può essere considerato un esercizio democratico salutare, dall’altra corre pur sempre il rischio di suscitare attriti, più o meno marcati a dipendenza degli sfidanti e della storia politica personale e locale. «Quella di Simone Gianini – commenta Mario Branda – è certamente una decisione legittima e democratica. E capisco il Plr, che per oltre un secolo è stato abituato a governare, per non dire dominare, la scena politica della vecchia Bellinzona e dei Comuni del comprensorio; capisco naturalmente anche il suo desiderio di correggere la ‘anomalia’ rappresentata da un sindaco che non è espressione del partito di maggioranza relativa. Detto questo, non credo che il ballottaggio pregiudichi automaticamente il lavoro e la collegialità del Municipio. Tuttavia sul piano politico generale non sono neppure escluse a priori ripercussioni di cui oggi è difficile prevedere natura ed entità. Non so dire se questo rischio sia stato adeguatamente considerato, come non so se sia stato adeguatamente tenuto conto del fatto che il ballottaggio, oltre a comportare dei costi, rischierà di rallentare almeno in questa prima fase l’azione dell’esecutivo».

Le vecchie beghe che frenavano

Il riferimento è per i rapporti politici extra-Municipio e per le questioni problematiche ancora pendenti e che attendono una risoluzione: «Il finale di legislatura – ricorda il sindaco di quindicina – si è rivelato piuttosto complicato e inoltre sono in cantiere progetti molto importanti per lo sviluppo della città, alcuni dei quali faranno anche discutere. Un contesto nel quale mi chiedo se un confronto politico di questo tipo sia d’aiuto». Gianini e il Plr lo ritengono invece salutare, non da ultimo per la Città stessa. E potrebbe anche essere l’occasione per mettere in luce le differenze personali, oggi non sempre intelligibili, al contrario del periodo precedente le due ultime legislature. «Differenze, o beghe, che avevano però anche intralciato l’azione politica della Città», rimarca Mario Branda.

La presidente sezionale: ‘Sindaco di tutti’

«Siamo molto tranquilli perché riteniamo che Mario Branda, rieletto per la terza volta, abbia tutte le carte in regola per continuare a essere il sindaco di tutti», attacca Martina Malacrida Nembrini, presidente del Ps di Bellinzona: «Lo dico considerando la sua personalità, il suo modo di essere e la modalità con cui si è assunto la responsabilità di trainare Bellinzona durante le ultime due legislature». Se da una parte la decisione liberale radicale è certamente legittima e democratica, «dall’altra avremo un inizio di legislatura rallentato per quattro settimane, cui si aggiunge anche il costo economico generato dal ballottaggio». La domanda è: partito a parte, cosa distingue i due pretendenti? «Mario Branda si distingue per la sua spiccata attenzione verso le minoranze, la qualità della vita, i valori ecologici. Ideali che promuove con risultati tangibili. Segnalo anche la sua capacità personale e politica di far convergere sensibilità diverse su obiettivi comuni, come pure la capacità di comunicare all’interno dell’istituzione e verso l’esterno, la popolazione. L’operatività messa in campo dall’Esecutivo dimostra in definitiva quanto sia forte la concordanza interna. Ciò che segna una differenza marcata rispetto a talune precedenti legislature».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved