sindaco-di-bellinzona-gianini-porta-branda-al-ballottaggio
Mario Branda e Simone Gianini (Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
22 min

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
31 min

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
32 min

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
52 min

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
1 ora

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
1 ora

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
1 ora

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
1 ora

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Mendrisiotto
2 ore

Mercato dell’usato, antiquariato e artigianato a Chiasso

Avrà luogo sabato 30 ottobre sul corso San Gottardo a Chiasso (zona piazza Indipendenza) con orario dalle 9 alle 18
Luganese
2 ore

L’Istituto di medicina di famiglia si presenta

Incontro aperto al pubblico all’Usi di Lugano per lanciare il progetto in seno alla Facoltà di scienze biomediche
Mendrisiotto
2 ore

Festa della battitura delle castagne alla graa di Cabbio

 L’essiccazione è iniziata a metà ottobre, e da allora il fuoco è acceso e curato senza interruzione dall’Associazioni degli amici
Ticino
3 ore

In Ticino 25 contagi, invariata la situazione ospedaliera

Restano negli ospedali del Cantone 8 pazienti Covid di cui 2 in cure intense. I vaccinati raggiungo il 66,9% della popolazione
Mendrisiotto
3 ore

Dal romanzo al poema, doppio appuntamento a Vacallo

Due serate in compagnia dello scrittore Domenico Dara e dell’attore Antonio Zanoletti, parlando di inverno e di Dante Alighieri
Locarnese
4 ore

Rogo Capanna Soveltra: dopo la sentenza, ardono le polemiche

Attorno a quel che resta del rifugio valmaggese la rabbia di chi ritiene che, forse, si poteva evitare. Dal collaudo ‘fantasma’ alle assemblee roventi
Ticino
5 ore

I dubbi del Cantone sul certificato Covid post guarigione

Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale accogliendo solo in parte le proposte formulate
Bellinzonese
8 ore

Liceo Bellinzona e prefabbricati, preoccupata pure la Direzione

E dal Collegio dei docenti giunti ‘diversi interventi su punti critici’ della soluzione provvisoria prevista nei tre anni di cantiere
Ticino
8 ore

Da un sacco di juta ‘il processo del secolo’

Il caso Zylla in un libro dell’avvocato ed ex magistrato Luciano Giudici, che sostenne l’accusa al dibattimento tenutosi nel 1973 a Locarno
Ticino
8 ore

Fonio: ‘Basta, i dipendenti pubblici non sono capri espiatori’

Il sindacalista Ocst e deputato Ppd torna sull‘iniziativa Udc votata dal parlamento e i tagli all’orizzonte: ’Ci rimettono sempre loro e la socialità’
Bellinzonese
22.04.2021 - 11:050
Aggiornamento : 17:37

Sindaco di Bellinzona: Gianini porta Branda al ballottaggio

La sezione liberale radicale e il municipale rieletto ritengono che i 67 voti personali di scarto dal sindaco di quindicina giustifichino il voto

Questa primavera non si ripeterà quanto successo nell’aprile 2017 quando il Plr di Bellinzona e Andrea Bersani decisero di rinunciare al voto di ballottaggio, lasciando così al plebiscitato socialista Mario Branda la carica di sindaco durante la prima legislatura della nuova Città aggregata. Oggi, uscito di scena Bersani, all’avvio della seconda legislatura il municipale rieletto Simone Gianini (in carica dal 2012) e la sezione liberale-radicale sulla scorta dei dati emersi dalle urne domenica (il Plr è risultato essere il partito di maggioranza relativa con tre municipali e 20 consiglieri comunali) ritengono opportuno un voto di ballottaggio. I dati «sono una chiara indicazione che un risultato positivo sia possibile», ha esordito il presidente sezionale Marco Nobile durante la conferenza stampa convocata sulla rinnovata piazza Pasquei di Preonzo. Un Plr dunque «pronto a una sfida che costituisce la naturale e serena conclusione dell’esercizio di voto che nel primo turno ha fatto emergere due persone nei favori dell’elettorato, permettendo quindi alla popolazione di scegliere quale desideri avere come timoniere per questa legislatura». Il nome del sindaco turrito uscirà dunque dalle urne domenica 16 maggio.

‘Più libertà e responsabilità individuale’

«Una decisione non facile anche dal lato umano e presa non certo a cuor leggero, ma che porterà a un esercizio democratico che farà del bene alla Città», commenta dal canto suo Simone Gianini assicurando di aver approfondito ogni aspetto insieme al partito «che da subito mi ha chiesto la disponibilità, considerando anche un chiaro sostegno che percepisco pure all’esterno. Ritengo quindi legittima la decisione di avviare un esercizio democratico conseguente all’esito elettorale emerso domenica». Gianini ha sciolto le riserve «con serenità, anche nel rispetto di chi mi ha dato il suo voto personale». Quanto poi ai rapporti con Branda e al clima interno al Municipio, che potrebbero subire scossoni, «abbiamo sempre impostato le rispettive azioni politiche su rispetto e lealtà. Sono certo che non verranno meno e che indipendentemente dal risultato si potrà continuare la lavorare bene fra noi e con gli altri municipali». Fra i punti cardine della sua azione politica Gianini evidenzia la necessità di «favorire la crescita della libertà e responsabilità individuale, anziché l'intervento dello Stato, inteso come Comune. Una particolare attenzione dovrà inoltre essere riservata all’imprenditoria privata e alla coesione fra i quartieri». A proposito di quartieri, «nelle prossime settimane intendo visitarli tutti per ascoltarli».

'Gianini incarna i valori di libertà e responsabilità individuale’

«È il momento giusto, se non ora quando?». La candidatura di Gianini – ha aggiunto Nobile – è stata auspicata in questi giorni da numerose attestazioni provenienti dalla base del partito e dall'esterno. Dal canto suo il municipale rieletto, dopo attenta riflessione, ha sciolto le riserve nella giornata di mercoledì, comunicando la propria decisione al sindaco di quindicina e ai colleghi di Esecutivo durante la prima seduta di legislatura seguita alla cerimonia d'insediamento tenutasi in mattinata Palazzo Civico. Seduta durante la quale non si è proceduto all'attribuzione dei dicasteri, anche ma non solo per la decisione di Gianini di andare al ballottaggio. Con l'esponente di punta liberale-radicale seduto sulla poltrona principale, prosegue Nobile, Bellinzona «avrebbe quale sindaco una persona che incarna i valori di libertà e responsabilità individuale propri non solo del Plr, ma dell’orientamento politico della maggioranza della popolazione». La decisione di andare al ballottaggio, conclude Nobile, «poggia anche sulla consapevolezza della qualità del lavoro svolto da Gianini e dal partito. Un grande lavoro di squadra che ci motiva a ritenere legittimo e giusto questo atto finale, che peraltro si svolgerà in un clima di assoluta correttezza e rispetto reciproco».

Speziali: ‘Bene la scelta di evitare scontri e preferire il dialogo’

La decisione è stata anche salutata «con estremo favore» da Alessandro Speziali, presidente del partito cantonale, che ha sottolineato «l’importanza e le enormi potenzialità della Città di Bellinzona all’interno della cosiddetta Città-Ticino». Il Plr, annota, il 18 aprile ha consolidato la propria capillarità: «Nei vari Comuni, anche a Bellinzona, i temi scelti dai nostri candidati hanno toccato gli aspetti quotidiani molto vicini ai cittadini, come pure le grandi opere e nel caso specifico la coesione fra i quartieri». Una peculiarità del Plr, aggiunge Speziali, «è l’attitudine alla responsabilità. Lo si è ben visto proprio a Bellinzona, dove la campagna elettorale era cominciata su terreni molto scivolosi e velenosi. Si è scelto di evitare lo scontro fra partiti e di dialogare maggiormente col territorio. E in questo Simone Gianini ha perfettamente incarnato la politica del futuro che poggia sul terreno delle idee, sul processo d’innovazione che deve avvenire anche nei quartieri, sull’andare alla carne dei problemi individuando e implementando le giuste soluzioni». 

67 voti personali di scarto

Il divario emerso domenica scorsa ha attribuito a Gianini 67 voti personali meno di Branda, ossia 9’764 contro 9’831. Un divario sensibilmente assottigliatosi rispetto a quattro anni fa, quando il socialista ne aveva raccolti oltre 12mila, ben 1’300 più di Bersani. Un avvicinamento sufficiente, quindi, a convincere Plr e Gianini a mettersi in gioco, anche in virtù dei voti base raccolti con la scheda di partito che sono stati 3’815 per Gianini e 2’695 per Branda. Il quale ha tuttavia staccato Gianini con i voti preferenziali, 7’136 contro 5’949: qui Branda ne ha raccolti meno dalla propria lista (2’312 contro 2’986) ma assai di più da altre, ossia 4’824 contro 2’963. Un massiccio apporto esterno che non scoraggia tuttavia Plr e Gianini.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved