bellinzona-si-dotera-di-un-educatore-di-strada-anzi-due
Un servizio di assistenza e soprattutto di prevenzione (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
37 min

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
38 min

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
41 min

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
44 min

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
46 min

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
1 ora

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
2 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
3 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
3 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
3 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
5 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
6 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
6 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
Ticino
6 ore

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
23.11.2020 - 22:24

Bellinzona si doterà di un educatore di strada, anzi due

Legislativo compatto (solo 4 astenuti) nel sostenere la proposta Plr dopo la bocciatura, nove anni fa, di due analoghe mozioni in Città e a Giubiasco

Nove anni dopo la bocciatura per un solo voto (nella vecchia Bellinzona) dell’allora mozione socialista portata avanti dall'ex consigliere comunale Francesco Lombardo, e dopo il 'no' pure espresso in quel periodo dal Legislativo di Giubiasco verso un'analoga proposta del popolare democratico Marco Mombelli, questa sera quasi all'unanimità (solo 4 astenuti nel gruppo Lega/Udc) il Legislativo di Bellinzona ha accolto la mozione del liberale-radicale Vito Lo Russo per l'introduzione della figura di educatore/operatore di strada o di prossimità. L’ampio consenso si è manifestato seguendo le indicazioni di voto del Municipio e della Commissione legislazione, entrambi oggi unanimemente favorevoli, considerando anche le dimensioni nel frattempo raggiunte dalla città aggregata, che sia giunto il momento d’istituire un servizio dotato di un approccio preventivo in grado di approcciarsi con proattività non solo ai fenomeni giovanili che possono presentare delle criticità, ma a tutte le fasce d’età, individuando così i bisogni e le risposte adeguate da dare. Il Municipio, indicando una possibile entrata in servizio nel 2022, ha pure indicato che l’ideale sarebbe affidare il servizio a due persone (un uomo e una donna) con un impegno ciascuno del 50%.

Il dibattito

Orlando Del Don (Udc) ha rimarcato come i fenomeni di devianza giovanile siano in aumento, ciò che porta a situazioni di precariato ed esclusione sociale. Crescono inoltre mediamente i reati commessi da minori, con tasso di recidiva del 30%. Altre Città e Comuni, ha poi ricordato, hanno istituito il servizio ormai da tempo: «L'educatore non deve assumere ruolo di assistente sociale né di poliziotto, ma deve poter costruire un rapporto di fiducia per ridurre i comportamenti a rischio. Un punto di riferimento per la persona bisognosa d'aiuto». Alessandro Lucchini (Sinistra) ha parlato di disagio giovanile che può essere capito meglio sul territorio con un approccio educativo e non repressivo: «Una solida unità d'intenti indica che il bisogno è concreto, attuale. Stupisce dunque che il Municipio voglia attendere fino al 2022, mentre la necessità è già oggi ben presente. Considerati i fenomeni giovanili descritti, l'auspicio è di vedere ben presto potenziato il servizio». La missione, ha sottolineato Paolo Locatelli del Ppd, «sarà monitorare e intercettare il disagio sociale in contesti variegati che comprendono anche problemi come l'indebitamento giovanile». Renato Züger (Sinistra) ha ricordato di essere stato a Giubiasco fra i consiglieri che bocciarono l'allora mozione: «Ma tempi, esigenze e tessuto sociale sono cambiati, perciò questa proposta merita di essere sostenuta. L'importante è che non si proceda con l'assunzione di 'vigilantes' ma di persone veramente in grado di comprendere i problemi». Prevenire – ha obiettato Marco Noi dei Verdi – significa arrivare prima: «Peccato che nove anni fa si sia persa l'opportunità di agire subito, già allora. Infatti l'operatore di strada necessita molto tempo, laddove i giovani e le persone bisognose non danno fiducia in modo automatico». Lisa Boscolo (Sinistra) ha avanzato perplessità per come il Municipio sostiene la nuova figura professionale: «Due soli operatori al 50% per una popolazione di oltre 40mila abitanti. Sarà fondamentale che collaborino con il Social Truck», il nuovo servizio nato in questa legislatura e attivo in modo itinerante sul territorio per avvicinare i giovani con attività socio-educative. Monica Soldini (Mps) chiede che la prevenzione primaria sia affidata principalmente ai centri giovanili e al Social Truck: «L'educatore di strada deve invece fare prevenzione secondaria frequentando i luoghi in cui i giovani si radunano; prioritario sarà poi migliorare sensibilmente le risorse finanziarie dell'Ufficio giovani». Il mozionante Vito Lo Russo ha detto che fare prevenzione significa anche «fare qualcosa per il futuro». Quindi l'invito al Municipio: «Non tema di spendere qualche franchetto per l'educatore di strada. Perché ogni franco speso in questo contesto è un investimento». Infine Giorgio Soldini, capodicastero Servizi sociali: «Si vuole migliorare il dialogo fra mondo giovanile e società nonché la lettura del disagio giovanile, così da individuare le misure di sostegno più adeguate».

Leggi anche:

Operatore di strada anche a Bellinzona? 'Adesso ci vuole'

Operatore di strada a Bellinzona: sì, ma non solo per giovani

Educatore di strada a Bellinzona, ‘che sia un servizio vero’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved