laRegione
bellinzona-si-dotera-di-un-educatore-di-strada-anzi-due
Un servizio di assistenza e soprattutto di prevenzione (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 sec

Somministrazione di Moderna, selezionati gli studi medici

Gli ultimi passi compiuti dal Dipartimento sanità e socialità in collaborazione con l'Omct e i Comuni. Domani l'aggiornamento sulla campagna di vaccinazione
Ticino
2 ore

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
2 ore

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
2 ore

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
2 ore

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
2 ore

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
3 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
3 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
4 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Locarnese
4 ore

Brione sopra Minusio, il Plr scalda i motori

Assemblea virtuale per l'approvazione delle liste in vista delle elezioni del prossimo 18 aprile
Mendrisiotto
4 ore

Biblioteca di Breggia chiusa fino al 28 febbraio

Sarà comunque possibile consegnare i libri e avere nuovi prestiti previo appuntamento telefonico
Bellinzonese
23.11.2020 - 22:240

Bellinzona si doterà di un educatore di strada, anzi due

Legislativo compatto (solo 4 astenuti) nel sostenere la proposta Plr dopo la bocciatura, nove anni fa, di due analoghe mozioni in Città e a Giubiasco

Nove anni dopo la bocciatura per un solo voto (nella vecchia Bellinzona) dell’allora mozione socialista portata avanti dall'ex consigliere comunale Francesco Lombardo, e dopo il 'no' pure espresso in quel periodo dal Legislativo di Giubiasco verso un'analoga proposta del popolare democratico Marco Mombelli, questa sera quasi all'unanimità (solo 4 astenuti nel gruppo Lega/Udc) il Legislativo di Bellinzona ha accolto la mozione del liberale-radicale Vito Lo Russo per l'introduzione della figura di educatore/operatore di strada o di prossimità. L’ampio consenso si è manifestato seguendo le indicazioni di voto del Municipio e della Commissione legislazione, entrambi oggi unanimemente favorevoli, considerando anche le dimensioni nel frattempo raggiunte dalla città aggregata, che sia giunto il momento d’istituire un servizio dotato di un approccio preventivo in grado di approcciarsi con proattività non solo ai fenomeni giovanili che possono presentare delle criticità, ma a tutte le fasce d’età, individuando così i bisogni e le risposte adeguate da dare. Il Municipio, indicando una possibile entrata in servizio nel 2022, ha pure indicato che l’ideale sarebbe affidare il servizio a due persone (un uomo e una donna) con un impegno ciascuno del 50%.

Il dibattito

Orlando Del Don (Udc) ha rimarcato come i fenomeni di devianza giovanile siano in aumento, ciò che porta a situazioni di precariato ed esclusione sociale. Crescono inoltre mediamente i reati commessi da minori, con tasso di recidiva del 30%. Altre Città e Comuni, ha poi ricordato, hanno istituito il servizio ormai da tempo: «L'educatore non deve assumere ruolo di assistente sociale né di poliziotto, ma deve poter costruire un rapporto di fiducia per ridurre i comportamenti a rischio. Un punto di riferimento per la persona bisognosa d'aiuto». Alessandro Lucchini (Sinistra) ha parlato di disagio giovanile che può essere capito meglio sul territorio con un approccio educativo e non repressivo: «Una solida unità d'intenti indica che il bisogno è concreto, attuale. Stupisce dunque che il Municipio voglia attendere fino al 2022, mentre la necessità è già oggi ben presente. Considerati i fenomeni giovanili descritti, l'auspicio è di vedere ben presto potenziato il servizio». La missione, ha sottolineato Paolo Locatelli del Ppd, «sarà monitorare e intercettare il disagio sociale in contesti variegati che comprendono anche problemi come l'indebitamento giovanile». Renato Züger (Sinistra) ha ricordato di essere stato a Giubiasco fra i consiglieri che bocciarono l'allora mozione: «Ma tempi, esigenze e tessuto sociale sono cambiati, perciò questa proposta merita di essere sostenuta. L'importante è che non si proceda con l'assunzione di 'vigilantes' ma di persone veramente in grado di comprendere i problemi». Prevenire – ha obiettato Marco Noi dei Verdi – significa arrivare prima: «Peccato che nove anni fa si sia persa l'opportunità di agire subito, già allora. Infatti l'operatore di strada necessita molto tempo, laddove i giovani e le persone bisognose non danno fiducia in modo automatico». Lisa Boscolo (Sinistra) ha avanzato perplessità per come il Municipio sostiene la nuova figura professionale: «Due soli operatori al 50% per una popolazione di oltre 40mila abitanti. Sarà fondamentale che collaborino con il Social Truck», il nuovo servizio nato in questa legislatura e attivo in modo itinerante sul territorio per avvicinare i giovani con attività socio-educative. Monica Soldini (Mps) chiede che la prevenzione primaria sia affidata principalmente ai centri giovanili e al Social Truck: «L'educatore di strada deve invece fare prevenzione secondaria frequentando i luoghi in cui i giovani si radunano; prioritario sarà poi migliorare sensibilmente le risorse finanziarie dell'Ufficio giovani». Il mozionante Vito Lo Russo ha detto che fare prevenzione significa anche «fare qualcosa per il futuro». Quindi l'invito al Municipio: «Non tema di spendere qualche franchetto per l'educatore di strada. Perché ogni franco speso in questo contesto è un investimento». Infine Giorgio Soldini, capodicastero Servizi sociali: «Si vuole migliorare il dialogo fra mondo giovanile e società nonché la lettura del disagio giovanile, così da individuare le misure di sostegno più adeguate».

© Regiopress, All rights reserved