laRegione
nuovo-quartiere-officine-manca-una-vera-progettualita
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
57 min

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
12 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
12 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
12 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
12 ore

Lugano conferma il mercatino di Natale 'a prova di Covid'

Misure di distanziamento e sicurezza accresciute. Il fulcro in piazza Manzoni, dove l'area sarà cintata e con un tetto massimo di ingressi
Ticino
13 ore

Parco dell'innovazione in Ticino, la soddisfazione del Plr

I liberali radicali giudicano ‘una tappa fondamentale’ l'entrata nella rete Switzerland Innovation Park: ‘Faciliterà l'insediamento di attività all'avanguardia’
Ticino
13 ore

Crescono i palazzi, ma il sogno resta la casetta

Dall’ultima statistica sugli edifici emerge che in Ticino la costruzione prevalente è quella monofamiliare. Record di abitazioni vuote: oltre 6’600
Mendrisiotto
13 ore

Breggia ringrazia i propri volontari

Il grazie del Municipio per l'impegno profuso nel particolare periodo che stiamo vivendo
Locarnese
13 ore

Ascona-Cannobio, arte online

Un dialogo-conferenza sulla mostra in corso nel borgo
Mendrisiotto
13 ore

Chiasso dice ‘no’ al buono sconto e alle mascherine

Il Municipio ha deciso che non darà seguito alle richieste formulate da due diverse interrogazioni
Locarnese
13 ore

Locarno, distribuzione del sale

Appuntamento con la tradizione dei ‘borghesi’, ma a cinque per volta
Ticino
13 ore

Storni (Ps): ‘Premi di cassa malati, serve una compensazione’

Il deputato socialista al Nazionale inoltra un postulato al Consiglio federale: ‘La struttura sociodemografica dei cantoni come influisce sui costi della salute?’
Mendrisiotto
14 ore

L'antenna sul territorio del Servizio anziani soli di Mendrisio

Nato nel 1990, il servizio erogato dall'Ufficio Antenna sociale e dalla Polizia della Città celebra i suoi primi 30 anni di attività
Locarnese
14 ore

Giardino Papio Ascona, ‘locus amoenus’ da restaurare

Progetto da 1,8 milioni di franchi per oltre 6mila metri quadrati di verde, iscritti nell'inventario nazionale
Locarnese
14 ore

‘Con le auto in Piazza Grande’, i commercianti ci riprovano

Fra le deroghe chieste al Municipio di Locarno, la Scia auspica il ripristino dei parcheggi, per tre domeniche, dalle 10 alle 18. Tiepido Palazzo Marcacci.
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, ‘serve una strategia di risparmio’

Preavviso favorevole della commissione della Gestione al preventivo 2021 che stima un disavanzo di 188mila franchi
Bellinzonese
31.10.2020 - 05:500
Aggiornamento : 09:28

Nuovo Quartiere Officine, ‘manca una vera progettualità’

Bellinzona: dopo il geografo Torricelli, che sollecita una dibattito sul tema, anche il verde Ronnie David critica i contenuti e teme la speculazione edilizia

«Tattica cerchiobottista, incapacità o non volontà di promuovere una progettualità d’assieme e rischio di subire la speculazione edilizia». Sono diverse le criticità che il consigliere comunale dei Verdi Ronnie David suggerisce chinandosi sul progetto ‘Porta del Ticino’ scelto dalla commissione d’esperti per ridisegnare il comparto delle Officine Ffs di Bellinzona secondo il modello di Smart City voluto dalle autorità comunali nell’ambito del Mandato di studio in parallelo. L’intero mandato con i cinque lavori presentati da altrettanti team interdisciplinari è attualmente esposto in piazza del Sole: tutti gli interessati possono prendere visione di come lo storico comparto industriale potrebbe cambiare pelle nei prossimi 20-40 anni passando dapprima attraverso una variante di Piano regolatore che dovrà inserire i nuovi previsi contenuti abitativi (circa 2’500 abitanti), commerciali, scolastici, formativi, tecnologici, nonché di svago, relax, cultura e aggregazione. Tanto, forse troppo? «Nel giro di poche settimane – attacca Ronnie David, molto profilato nel contestare il trasferimento delle Officine a Castione promosso dalle Ferrovie con l’aiuto finanziario di Città e Cantone pari a 120 milioni di franchi in cambio di metà comparto cittadino – il Municipio ha presentato due importanti progetti strategici che sono destinati a cambiare radicalmente la Città, il suo territorio e la modalità di viverlo per i prossimi decenni. Progetti presentati alla popolazione in maniera innovativa, spettacolare e scenografica, nella cornice del Teatro sociale per il Programma d’azione comunale (Pac) e al centro della piazza del Sole per il Masterplan relativo al cosiddetto nuovo Quartiere Officine».

La forza del marketing

Uno sforzo orientato alla trasparenza e al coinvolgimento che però non convince tutti: «Infatti – osserva David – il Municipio ha scelto di affidarsi al marketing e alla sua forza per creare il consenso rispetto a questi progetti presso la popolazione. Mi chiedo se questo grande sforzo sia una semplice scelta di comunicazione oppure un tentativo di nascondere le ‘magagne’ degli stessi». Un’azione proattiva forse orientata a ‘intortare’ l’opinione pubblica? «Il tempo lo dirà», risponde David: «Sul Pac ci sarà tempo e modo di esprimersi anche perché è previsto un voto, seppur unicamente consultivo, a livello di Consiglio comunale. Tuttavia, sin d’ora salta all’occhio un denominatore comune tra i due progetti: la mancanza di una progettualità d’insieme tra i vari comparti della città. Compartimenti stagni legati tra loro da politiche chiaramente sullo stile di un colpo al cerchio e un colpo alla botte, per non scontentare nessuno».

'Scarso spazio per un dibattito democratico'

Sul comparto officine il geografo e professore dell’Accademia di architettura Gian Paolo Torricelli, coordinatore dell’Osservatorio dello sviluppo territoriale chiamato a fornire supporto scientifico al Dipartimento del territorio, intervistato il 27 ottobre dalla ‘Regione’ caldeggia l’avvio di un dibattito pubblico ritenendo preoccupante lo scenario indicato dal progetto prescelto e soprattutto dal mandato affidatogli. David condivide lo scetticismo ma ritiene lo spazio per un dibattito democratico «davvero scarso, dato che a decidere le sorti di quei sedimi saranno Comune, Cantone e Ffs con diritti di veto incrociati. Se qualcuno di questi attori reputasse che gli indici di sfruttamento non fossero sufficienti per appagare il loro appetito, potrebbe far saltare il banco. Era quindi evidente sin dalle premesse che l’operazione dovesse prevedere uno sfruttamento estremo del territorio, affinché le Ffs potessero autofinanziare lo smantellamento e trasferimento di una parte degli impieghi a Castione». Chi si mettesse di traverso con opposizioni e ricorsi alla variante di Piano regolatore, rischierebbe dunque d’innescare una rinuncia a catena degli attori coinvolti? Lo diranno i fatti.

'Il tasso di sfitto è esploso e non è più sano'

David sposta poi le riflessioni sull’aspetto demografico: «L’inserimento di palazzine di 7 piani porterà fino a 2’500 abitanti» nell’arco di un ventennio. «Ma a Bellinzona è davvero quello che serve? Come evidenziato molto bene da Gian Paolo Torricelli, in un periodo storico in cui la decrescita della popolazione è evidente così come l’aumento dello sfitto, non ha senso spingere ancora sullo sviluppo di unità abitative in questa misura». I Verdi da tempo suonano l’allarme sullo sfitto ritenendo la quota troppo elevata per Bellinzona, mentre dal canto suo il Municipio l’ha sin qui considerata confacente a un sano mercato immobiliare: «Ma il più recente aggiornamento fornito dalla Confederazione – rincara la dose David – indica un tasso per la città salito addirittura al 3,61% a seguito dell’arrivo di svariate decine di nuovi appartamenti». La domanda però è d’obbligo: creare un’offerta abitativa moderna e competitiva sul piano cantonale e nazionale, potenziandola ulteriormente con l’avvento del nuovo Quartiere Officine nel quale una parte degli appartamenti di competenza Ffs sarà a pigione moderata, non aiuterebbe invece Bellinzona a staccarsi dall’immagine di ‘paesone’ per diventare finalmente una città proiettata verso il futuro? «I trend demografici sono abbastanza chiari e in una prospettiva di 10-20 anni indicano che in tutta Europa è da mettere in conto una decrescita della popolazione, già percepita in Ticino e che indica scenari clamorosi nella vicina Italia».

'Modernizzare l'attuale costruito'

Il timore in casa ambientalista, tornando alla crescita edificatoria, «è che le conseguenze di questa operazione si abbatteranno inevitabilmente sulle periferie (intese come zone periferiche della Città ma anche delle regioni limitrofe) dove diventerà sempre più difficile occupare le costruzioni già esistenti e più datate, con il rischio di una regione a due velocità». Ne scaturirebbero «da una parte un centro dinamico e benestante, dall’altra una periferia, e penso anche alle nostre valli, con pigioni più basse dove si potrebbero a breve concentrare le persone con situazioni sociali ed economiche più delicate». In definitiva «l’attuale costruito di Bellinzona va modernizzato ed è più che sufficiente per soddisfare l’esigenza di alloggio di un comparto Officine i cui contenuti di ricerca, studio, formazione, lavoro, tecnologia, socializzazione e relax vanno sicuramente promossi e sostenuti». 

'Piccoli e medi proprietari in difficoltà'

Le conseguenze della strategia voluta da Città, Cantone e Ffs – teme Ronnie David – saranno evidenti anche per i piccoli e medi proprietari locali, i quali di fronte a un’ulteriore entrata sul mercato massiccia di un’enorme quantità di spazi residenziali vedranno ridotto considerevolmente il valore dei loro immobili: «Tutto questo però il marketing del Municipio, con gli spettacolari tetti dipinti di verde per far credere che si tratti di un’operazione sostenibile, non lo dice. Un’operazione su cui vale la pena riflettere e che risulta ovviamente sostenibile, dal profilo economico, per le Ffs che si pagano lo smantellamento delle officine con denaro pubblico e speculazione immobiliare». Per contro, molti bellinzonesi potrebbero ragionare in senso opposto, vedendo nell’atteggiamento delle Ferrovie più un’opportunità da cogliere per lo sviluppo della Città del futuro, anziché una speculazione immobiliare. Ronnie David invita dal canto suo a tenere bene aperti gli occhi: «Sin da piccolo i miei genitori mi hanno insegnato dal diffidare da ciò che luccica troppo. Da offerte troppo allettanti. Dal desiderio indotto di possedere qualche cosa di cui non ho realmente bisogno. In effetti, chissà quanti bellinzonesi si faranno ammaliare dal marketing municipale e da questa ‘offerta che non potranno rifiutare’».

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved