laRegione
bellinzona-un-mini-central-park-nel-nuovo-quartiere-officine
La presentazione odierna in piazza del Sole (Ti-Press/D.Agosta)
+23
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
31 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
13 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
13 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
13 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
13 ore

Lugano conferma il mercatino di Natale 'a prova di Covid'

Misure di distanziamento e sicurezza accresciute. Il fulcro in piazza Manzoni, dove l'area sarà cintata e con un tetto massimo di ingressi
Ticino
13 ore

Parco dell'innovazione in Ticino, la soddisfazione del Plr

I liberali radicali giudicano ‘una tappa fondamentale’ l'entrata nella rete Switzerland Innovation Park: ‘Faciliterà l'insediamento di attività all'avanguardia’
Ticino
13 ore

Crescono i palazzi, ma il sogno resta la casetta

Dall’ultima statistica sugli edifici emerge che in Ticino la costruzione prevalente è quella monofamiliare. Record di abitazioni vuote: oltre 6’600
Mendrisiotto
13 ore

Breggia ringrazia i propri volontari

Il grazie del Municipio per l'impegno profuso nel particolare periodo che stiamo vivendo
Locarnese
13 ore

Ascona-Cannobio, arte online

Un dialogo-conferenza sulla mostra in corso nel borgo
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso dice ‘no’ al buono sconto e alle mascherine

Il Municipio ha deciso che non darà seguito alle richieste formulate da due diverse interrogazioni
Locarnese
14 ore

Locarno, distribuzione del sale

Appuntamento con la tradizione dei ‘borghesi’, ma a cinque per volta
Ticino
14 ore

Storni (Ps): ‘Premi di cassa malati, serve una compensazione’

Il deputato socialista al Nazionale inoltra un postulato al Consiglio federale: ‘La struttura sociodemografica dei cantoni come influisce sui costi della salute?’
Mendrisiotto
14 ore

L'antenna sul territorio del Servizio anziani soli di Mendrisio

Nato nel 1990, il servizio erogato dall'Ufficio Antenna sociale e dalla Polizia della Città celebra i suoi primi 30 anni di attività
Locarnese
14 ore

Giardino Papio Ascona, ‘locus amoenus’ da restaurare

Progetto da 1,8 milioni di franchi per oltre 6mila metri quadrati di verde, iscritti nell'inventario nazionale
Locarnese
15 ore

‘Con le auto in Piazza Grande’, i commercianti ci riprovano

Fra le deroghe chieste al Municipio di Locarno, la Scia auspica il ripristino dei parcheggi, per tre domeniche, dalle 10 alle 18. Tiepido Palazzo Marcacci.
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, ‘serve una strategia di risparmio’

Preavviso favorevole della commissione della Gestione al preventivo 2021 che stima un disavanzo di 188mila franchi
Luganese
15 ore

Civica Filarmonica di Lugano in assemblea

Convocazione inedita per l'associazione a causa del coronavirus: soci chiamati a esprimere la propria preferenza tramite voto cartaceo
Bellinzonese
16 ore

MeTeOra festeggia il primo anno di Mercalibro

Il tradizionale mercatino dei libri usati torna mercoledì 2 dicembre in occasione del compleanno dell'associazione
Bellinzonese
16 ore

A Bellinzona un Natale luminoso e di sostegno ai commerci

A causa della pandemia si rinuncia al villaggio in Piazza del Sole. Si punterà in particolare su illuminazioni e iniziative per favorire l'economia locale
Luganese
16 ore

Elezioni comunali, Malcantone contro l'ipotesi rinvio

La Conferenza dei sindaci prende posizione: 'Rimandare il rinnovo dei poteri, significa togliere alla popolazione lo strumento democratico più importante'
Bellinzonese
22.10.2020 - 10:210
Aggiornamento : 16:58

Bellinzona: un mini Central Park nel nuovo Quartiere Officine

Scelto il progetto ‘Porta del Ticino’ elaborato da un team attivo fra Zurigo, Venezia e Milano. La Cattedrale farà da fulcro a una corona di edifici

Un Central Park in miniatura o, ragionando come Goethe, un'Almenda dove riunire ambizioni e necessità di relax, svago e qualcosa simile a una produzione frutticola e orticola. Un parco verde – attorniato da moderni edifici caratterizzati da altezze variabili di cinque/sei piani con contenuti abitativi, scolastici, commerciali, amministrativi e di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica – che si estenderà prolungandosi verso ovest, verso il Castelgrande e il centro storico, partendo dalla storica Cattedrale e allacciandosi al secolare viale Stazione. Sarà così il nuovo Quartiere Officine di Bellinzona fortemente voluto dalle autorità cittadine e cantonali e immaginato per cambiare il volto dell'attuale comparto ferroviario una volta che, verso il 2026, le infrastrutture delle Ffs traslocheranno nella zona industriale di Castione.

Ci vorranno dai 20 ai 40 anni

Il progetto scelto e che verrà realizzato a tappe nell'arco di 20-30-40 anni – è stato spiegato stamattina durante la conferenza stampa convocata nell'apposita tensostruttura espositiva sorta in piazza del Sole – s'intitola ‘Porta del Ticino’ ed è stato elaborato dal “team_sa partners - Tam associati - Franco Giorgetta architetto paesaggista”, un gruppo interdisciplinare e internazionale di professionisti attivi fra Zurigo, Venezia e Milano. Il loro ’sforzo‘ è risultato il migliore tra i cinque selezionati e che hanno partecipato al mandato di studio in parallelo organizzato dalla Città. Tutti i lavori potranno essere visionati dalla popolazione in occasione dell'esposizione che inizierà domani (23 ottobre) per concludersi il 7 novembre (tutti i giorni dalle 10 alle 19 e domenica dalle 10 alle 18). Nello stesso luogo la sera del 3 novembre è in agenda, dalle 18, una serata informativa aperta ma con numero chiuso nel rispetto delle disposizioni Covid.

'Progetto coraggioso'

“Un quartiere moderno, pensato prestando grande attenzione ai temi della sostenibilità, dell'intergenerazionalità, della mobilità lenta, con l'intento di offrire spazi per l'abitazione e il lavoro, nel quale in particolare verrà creato il Parco dell'innovazione”, hanno spiegato oggi Città di Bellinzona e Ffs ai giornalisti. Il progetto scelto da un collegio di esperti ha convinto per il “coraggioso gesto urbanistico e paesaggistico di liberare l'area centrale del sito delle Officine, mettendo a disposizione di tutta la popolazione uno spazio verde libero, aprendo il nuovo quartiere verso la Città come complemento naturale e attrattivo”, viene sottolineato in un comunicato. D'altro canto la memoria storica è conservata grazie alla messa in risalto della cosiddetta Cattedrale, edificio protetto a livello cantonale, destinato ad assumere la funzione di cuore pulsante aggregativo sul piano sociale e culturale.

Le prossime tappe

Come stabilito nella Dichiarazione d’intenti firmata l’11 dicembre 2017 da Municipio, Consiglio di Stato e Ffs, circa metà dei 120’000 metri quadrati sarà edificata dalle Ffs inserendo aree commerciali nonché edifici residenziali e amministrativi, questi ultimi in parte occupati da settori delle stesse Ferrovie; l’altra metà sarà di competenza comunale e cantonale, con la storica Cattedrale a fare da fulcro orientale alla corona di palazzi. L’iter indica ora la necessità di elaborare anzitutto il rapporto di pianificazione (prima metà 2021) cui seguiranno l’esame preliminare del Dipartimento del territorio, la procedura d’informazione e partecipazione e la successiva elaborazione della variante di Piano regolatore (tra fine 2021 e inizio 2022) con relativa decisione del Consiglio comunale e avallo governativo; quindi, dal 2026, realizzazione a tappe sul lungo termine tramite concorsi di architettura e specifiche procedure.

Appartamenti per circa 2'500 persone

Tra i contenuti previsti – ha ricordato Stefano Rizzi, direttore della Divisione economia al Dfe – c’è la sede ticinese del parco svizzero dell’innovazione (lato ovest, dietro la Cattedrale), attualmente in fase di affiliazione al polo di Zurigo, e strutture scolastiche e amministrative nella parte che sarà di proprietà del Cantone (si pensa alla Supsi ma sono aperte altre ipotesi). Il progetto del parco svizzero dell’innovazione prevede l’insediamento di attività all’avanguardia di aziende leader sul territorio, reparti di ricerca e sviluppo di aziende internazionali ma anche start-up. Oltre a generare posti di lavoro di qualità, è destinato a fare da volano per la nascita e la diffusione d' idee e pratiche innovative, che a loro volta attireranno altre attività, facilitando la formazione e lo sviluppo economico. Di competenza comunale sarà, fra le altre cose, la promozione di cooperative d’abitazione intergenerazionali (si procederà con diritti di superficie). Si calcola che fra queste e gli appartamenti di competenza Ffs, nel futuro nuovo quartiere potrebbero trovare alloggio circa 2’500 persone.

Permeazione reciproca

«Dopo 130 anni di attività ferroviaria – ha esordito il sindaco Mario Branda – si apre per questo comparto un nuovo libro portatore di grandi novità per Bellinzona, regione e cantone». Quando nel 2013 si cominciava a ragionare concretamente su una possibile aggregazione comunale, «si pensava di affiancarla a grandi progetti come quello che vediamo qui oggi, volto a inserire Bellinzona quale elemento centrale della linea di AlpTransit che in un’ora e mezza ci collega a Zurigo e Milano». La domanda, nel 2013 e dopo, mirava a capire come Bellinzona avrebbe potuto trarre profitto dalla linea ferroviaria veloce: «Finché a fine 2016, nell’ambito degli approfondimenti avviati da Cantone e Ffs sulle prospettive ferroviarie in Ticino, si è aperto il dossier relativo a una nuova officina Ffs di manutenzione. Un’opzione che a sua volta apriva nuovi orizzonti su questo comparto». Cui sono seguiti la dichiarazione d’intenti siglata a fine 2017, gli stanziamenti di 120 milioni da parte di Cantone e Città a sostegno delle nuove officine, nonché la votazione popolare che bocciando l’iniziativa ‘Giù le mani dall’officina’ ha de facto spianato la strada al trasferimento nel nuovo sito di Castione. A chi vede il rischio che tutti quei palazzi finiscano per produrre un ghetto-dormitorio, Branda ricorda che l’iter pianificatorio in corso mira chiaramente a realizzare un quartiere «vivace in cui vivere, lavorare, formarsi, svagarsi, fare cultura e associazionismo». Il tutto «in un rapporto di permeazione reciproca col resto della città».

Effetto volano sui quartieri vicini

Osservando altri quartieri turriti, dove sono nel frattempo sorti nuovi e grandi complessi abitativi, si denota qui e là una perdita di attrattività dei palazzi più datati. Il nuovo che soppianta il vecchio che rimane al palo. Non si rischia, con l’avvento del nuovo Quartiere Officine, di peggiorare ulteriormente la situazione? «Ci vorranno almeno 30 anni per completarlo – risponde il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità – e l’obiettivo cui miriamo da subito è che faccia da volano per quanto si estende nelle sue vicinanze. La città di Zurigo insegna che dove l’ente pubblico recupera e modernizza, per osmosi la sua azione trova privati pronti a fare altrettanto nelle vicinanze. Confidiamo che questo processo possa interessare anche il parco immobiliare di Bellinzona». Dal canto suo l’autorità cittadina «sta già facendo la sua parte migliorando e rendendo più sicura la mobilità proprio di questi quartieri residenziali».

Carta da visita

Susanne Zenker, membro di Direzione della Divisione Ffs immobili, ha dal canto suo ricordato come le Ffs abbiano segnato gli ultimi 150 anni di Bellinzona: «Il comparto Officine è però sempre stato chiuso verso l’esterno; domani con un progetto di qualità e identitario si aprirà alla città e alla sua popolazione, diventando uno spazio attrattivo». Quanto poi all’avvicinamento di settori professionali pubblici e privati, specie in ambito tecnologico, «questo rappresenterà una carta da visita per la Bellinzona del futuro».

Il vecchio Viale 'collegato all'arteria pulsante'

Una domanda s’impone per il presente e il futuro della parte alta di viale Stazione, con una struttura viaria ormai vetusta e un commercio al dettaglio in affanno e da lungo tempo in attesa di attenzione da parte dell’autorità cittadina. Il previsto nuovo quartiere non ne comporterà il definitivo tramonto? «Al contrario – ribatte il sindaco – collegando la parte alta del viale al nuovo quartiere, il primo risulterà più interessante entrando a far parte di una ‘arteria pulsante’ della città. Così facendo il commercio al dettaglio potrà beneficiare di nuova linfa». Quanto alla prevista ristrutturazione della parte alta, «non è comunque abbandonata e dovremo riprenderla; attualmente siamo però concentrati su altri progetti».

Il verde pensile che non t'aspetti 

Il progetto propone di compensare la perdita di superfice biotica attraverso una dotazione importante anche di verde pensile. Tutti i tetti piani saranno verdi, idem alcune pareti, e gli edifici ricicleranno l'acqua piovana per alimentare giardini e serre idroponiche (coltivazione fuori suolo) previste in cima ad alcuni edifici con tanto di sistemi fotovoltaici posati su pareti orizzontali e verticali. L'intero complesso sarà infine alimentato al 100% da energia rinnovabile e farà capo al teleriscaldamento con sistema geotermico.

Guarda tutte le 24 immagini
© Regiopress, All rights reserved