ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
4 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
6 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
6 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
7 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
7 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
7 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
8 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
8 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
9 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
9 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
9 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
9 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
9 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
9 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
9 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
9 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
10 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
10 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
Locarnese
10 ore

Caffè riparazione dell’Acsi a Quartino

Per far durare di più oggetti e materiali; per un’economia circolare pro ambiente
Ticino
10 ore

Sabato l’evento ‘Anziani sicuri e agili sulle proprie gambe’

Nell’ambito della Giornata internazionale degli anziani, al Centro diurno Atte di Lugano l’incontro organizzato da Dss, Upi e altre associazioni
31.10.2020 - 05:50
Aggiornamento: 25.03.2021 - 12:05

Nuovo Quartiere Officine, ‘manca una vera progettualità’

Bellinzona: dopo il geografo Torricelli, che sollecita una dibattito sul tema, anche il verde Ronnie David critica i contenuti e teme la speculazione edilizia

nuovo-quartiere-officine-manca-una-vera-progettualita

«Tattica cerchiobottista, incapacità o non volontà di promuovere una progettualità d’assieme e rischio di subire la speculazione edilizia». Sono diverse le criticità che il consigliere comunale dei Verdi Ronnie David suggerisce chinandosi sul progetto ‘Porta del Ticino’ scelto dalla commissione d’esperti per ridisegnare il comparto delle Officine Ffs di Bellinzona secondo il modello di Smart City voluto dalle autorità comunali nell’ambito del Mandato di studio in parallelo. L’intero mandato con i cinque lavori presentati da altrettanti team interdisciplinari è attualmente esposto in piazza del Sole: tutti gli interessati possono prendere visione di come lo storico comparto industriale potrebbe cambiare pelle nei prossimi 20-40 anni passando dapprima attraverso una variante di Piano regolatore che dovrà inserire i nuovi previsi contenuti abitativi (circa 2’500 abitanti), commerciali, scolastici, formativi, tecnologici, nonché di svago, relax, cultura e aggregazione. Tanto, forse troppo? «Nel giro di poche settimane – attacca Ronnie David, molto profilato nel contestare il trasferimento delle Officine a Castione promosso dalle Ferrovie con l’aiuto finanziario di Città e Cantone pari a 120 milioni di franchi in cambio di metà comparto cittadino – il Municipio ha presentato due importanti progetti strategici che sono destinati a cambiare radicalmente la Città, il suo territorio e la modalità di viverlo per i prossimi decenni. Progetti presentati alla popolazione in maniera innovativa, spettacolare e scenografica, nella cornice del Teatro sociale per il Programma d’azione comunale (Pac) e al centro della piazza del Sole per il Masterplan relativo al cosiddetto nuovo Quartiere Officine».

La forza del marketing

Uno sforzo orientato alla trasparenza e al coinvolgimento che però non convince tutti: «Infatti – osserva David – il Municipio ha scelto di affidarsi al marketing e alla sua forza per creare il consenso rispetto a questi progetti presso la popolazione. Mi chiedo se questo grande sforzo sia una semplice scelta di comunicazione oppure un tentativo di nascondere le ‘magagne’ degli stessi». Un’azione proattiva forse orientata a ‘intortare’ l’opinione pubblica? «Il tempo lo dirà», risponde David: «Sul Pac ci sarà tempo e modo di esprimersi anche perché è previsto un voto, seppur unicamente consultivo, a livello di Consiglio comunale. Tuttavia, sin d’ora salta all’occhio un denominatore comune tra i due progetti: la mancanza di una progettualità d’insieme tra i vari comparti della città. Compartimenti stagni legati tra loro da politiche chiaramente sullo stile di un colpo al cerchio e un colpo alla botte, per non scontentare nessuno».

'Scarso spazio per un dibattito democratico'

Sul comparto officine il geografo e professore dell’Accademia di architettura Gian Paolo Torricelli, coordinatore dell’Osservatorio dello sviluppo territoriale chiamato a fornire supporto scientifico al Dipartimento del territorio, intervistato il 27 ottobre dalla ‘Regione’ caldeggia l’avvio di un dibattito pubblico ritenendo preoccupante lo scenario indicato dal progetto prescelto e soprattutto dal mandato affidatogli. David condivide lo scetticismo ma ritiene lo spazio per un dibattito democratico «davvero scarso, dato che a decidere le sorti di quei sedimi saranno Comune, Cantone e Ffs con diritti di veto incrociati. Se qualcuno di questi attori reputasse che gli indici di sfruttamento non fossero sufficienti per appagare il loro appetito, potrebbe far saltare il banco. Era quindi evidente sin dalle premesse che l’operazione dovesse prevedere uno sfruttamento estremo del territorio, affinché le Ffs potessero autofinanziare lo smantellamento e trasferimento di una parte degli impieghi a Castione». Chi si mettesse di traverso con opposizioni e ricorsi alla variante di Piano regolatore, rischierebbe dunque d’innescare una rinuncia a catena degli attori coinvolti? Lo diranno i fatti.

'Il tasso di sfitto è esploso e non è più sano'

David sposta poi le riflessioni sull’aspetto demografico: «L’inserimento di palazzine di 7 piani porterà fino a 2’500 abitanti» nell’arco di un ventennio. «Ma a Bellinzona è davvero quello che serve? Come evidenziato molto bene da Gian Paolo Torricelli, in un periodo storico in cui la decrescita della popolazione è evidente così come l’aumento dello sfitto, non ha senso spingere ancora sullo sviluppo di unità abitative in questa misura». I Verdi da tempo suonano l’allarme sullo sfitto ritenendo la quota troppo elevata per Bellinzona, mentre dal canto suo il Municipio l’ha sin qui considerata confacente a un sano mercato immobiliare: «Ma il più recente aggiornamento fornito dalla Confederazione – rincara la dose David – indica un tasso per la città salito addirittura al 3,61% a seguito dell’arrivo di svariate decine di nuovi appartamenti». La domanda però è d’obbligo: creare un’offerta abitativa moderna e competitiva sul piano cantonale e nazionale, potenziandola ulteriormente con l’avvento del nuovo Quartiere Officine nel quale una parte degli appartamenti di competenza Ffs sarà a pigione moderata, non aiuterebbe invece Bellinzona a staccarsi dall’immagine di ‘paesone’ per diventare finalmente una città proiettata verso il futuro? «I trend demografici sono abbastanza chiari e in una prospettiva di 10-20 anni indicano che in tutta Europa è da mettere in conto una decrescita della popolazione, già percepita in Ticino e che indica scenari clamorosi nella vicina Italia».

'Modernizzare l'attuale costruito'

Il timore in casa ambientalista, tornando alla crescita edificatoria, «è che le conseguenze di questa operazione si abbatteranno inevitabilmente sulle periferie (intese come zone periferiche della Città ma anche delle regioni limitrofe) dove diventerà sempre più difficile occupare le costruzioni già esistenti e più datate, con il rischio di una regione a due velocità». Ne scaturirebbero «da una parte un centro dinamico e benestante, dall’altra una periferia, e penso anche alle nostre valli, con pigioni più basse dove si potrebbero a breve concentrare le persone con situazioni sociali ed economiche più delicate». In definitiva «l’attuale costruito di Bellinzona va modernizzato ed è più che sufficiente per soddisfare l’esigenza di alloggio di un comparto Officine i cui contenuti di ricerca, studio, formazione, lavoro, tecnologia, socializzazione e relax vanno sicuramente promossi e sostenuti». 

'Piccoli e medi proprietari in difficoltà'

Le conseguenze della strategia voluta da Città, Cantone e Ffs – teme Ronnie David – saranno evidenti anche per i piccoli e medi proprietari locali, i quali di fronte a un’ulteriore entrata sul mercato massiccia di un’enorme quantità di spazi residenziali vedranno ridotto considerevolmente il valore dei loro immobili: «Tutto questo però il marketing del Municipio, con gli spettacolari tetti dipinti di verde per far credere che si tratti di un’operazione sostenibile, non lo dice. Un’operazione su cui vale la pena riflettere e che risulta ovviamente sostenibile, dal profilo economico, per le Ffs che si pagano lo smantellamento delle officine con denaro pubblico e speculazione immobiliare». Per contro, molti bellinzonesi potrebbero ragionare in senso opposto, vedendo nell’atteggiamento delle Ferrovie più un’opportunità da cogliere per lo sviluppo della Città del futuro, anziché una speculazione immobiliare. Ronnie David invita dal canto suo a tenere bene aperti gli occhi: «Sin da piccolo i miei genitori mi hanno insegnato dal diffidare da ciò che luccica troppo. Da offerte troppo allettanti. Dal desiderio indotto di possedere qualche cosa di cui non ho realmente bisogno. In effetti, chissà quanti bellinzonesi si faranno ammaliare dal marketing municipale e da questa ‘offerta che non potranno rifiutare’».

Leggi anche:

Bellinzona: un mini Central Park nel nuovo Quartiere Officine

‘Bellinzona non è Zurigo, questo scenario mi sconcerta’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved