ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

“Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...”
Ticino7
1 gior

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane che sono alla base di momenti di festa e ma anche di riflessione
Ticino7
1 gior

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
1 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
1 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
1 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
1 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
1 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
1 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
2 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
Ticino7
2 sett

‘Prima il formicolio alla lingua, poi la bocca resta aperta’

Il racconto di Sheila, Spohie e Nadia, tre donne che la borreliosi l’hanno vissuta (e la vivono) sulla loro pelle
Ticino7
2 sett

Piccole, indesiderate e fastidiose. Ma anche pericolose

Borreliosi ed encefaliti: i pericoli delle morsicature di zecca. Merlani: ‘Ma Ticino (con Ginevra) è il solo cantone a non essere zona endemica’
Ticino7
2 sett

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico 7: San Luis Potosí

Io a San Luis Potosí non ci volevo proprio andare. Ho provato in tutti i modi a evitarla, aggirarla, superarla senza nemmeno guardarla... Tutto inutile
Ticino7
2 sett

L’uomo parassita in un mondo sempre più caldo

Scriveva Plinio Martini: “Il nostro è un maledetto paese che d’estate ti rompe le giunture e d’inverno ti lascia con le mani in mano". 50 anni fa, però
Ticino7
2 sett

Kunsertu, fra Messina e il Maghreb a ritmo di pop-raï

Dal paginone della musica, sezione ‘Dischi dal retrobottega’, immersioni musicali siciliane no-mainstream
Ticino7
3 sett

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino
01.10.2022 - 12:24

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo

di Alessandro 'Tondo' Bassanini e Beppe Donadio
dagli-steely-dan-a-donald-fagen-o-il-contrario-se-vi-pare

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

I MIEI MIGLIORI CENTO - di Alessandro’ Tondo’ Bassanini
Steely Dan, Aja (1977)

Questo disco ha 45 anni ed è riconosciuto in tutto il mondo come un classico senza tempo, e una gioia da ascoltare dall’inizio alla fine. Il maniacale duo formato da Donald Fagen e Walter Becker è arrivato a questo disco come i Pink Floyd a Dark Side of The Moon, il che significa un continuo crescendo di incredibili album in studio a cominciare da Can’t Buy a Thrill a Countdown to Ecstasy, Pretzel Logic, Katy Lied e, infine, Royal Scam. Questo viaggio musicale ha raggiunto il culmine con Aja, appunto, in cui oltre 12 musicisti da master class sono stati utilizzati per riempire sezioni del disco appositamente scelte, portando alla perfezione in ogni sezione dello stesso. Ma a parte la famigerata meticolosità e complessità musicale degli Steely Dan, Aja è un disco facile da sorseggiare dall’inizio alla fine e non ti stancherai mai di ascoltarlo, con le sue linee fusion, jazzy, blues, pop rock, tempi fuori tempo, la batteria incredibilmente serrata di Steve Gadd e compagnia bella. L’unica domanda che rimane, ovviamente, è se questo disco dovrebbe mai essere suonato al di fuori di un giradischi, e anche se il sottoscritto è un purista analogico, devo ammettere che ho ascoltato questo album in ogni possibile impostazione e non mi ha mai deluso. Ricordo un viaggio in treno nel 1982 fino alla base militare statunitense di Sigonella per una partita di basket, con Aja su un Boombox Panasonic e abbiamo letteralmente consumato la cassetta. Nel 1987, durante un volo per Chicago attraverso l’Islanda con un lettore di dischi Sony e, anche lì, consumammo il disco. Un viaggio da incubo di fine estate 2002 da Des Moines a Oklahoma City sulla mia Ford Econoline ha prodotto più o meno lo stesso risultato, e ovviamente ogni volta che a casa appoggio il vinile sulla mia Rega Planar, dove è sempre motivo di gioia. Infine, un lato B può iniziare meglio e più felicemente di "Peg"? Penso di no. Un must.

FIGLI DELLE STELLE (VINTAGE EDITION) - di Beppe Donadio
Donald Fagen, The Nightfly (1982)

Non è un disco degli Steely Dan, però suona come un disco degli Steely Dan ma nessuno ci fa più caso. Il primo ottobre di quarant’anni fa, Donald Fagen senza Walter Becker (co-fondatore della band, morto nel 2017) pubblicava il suo primo album solista, The Nightfly, disco con il quale per decenni il fonico dei concerti è stato solito testare l’impianto di amplificazione (qualcuno ancora lo fa). La preferenza è dovuta solo in parte al suo essere una delle prime opere discografiche registrate in digitale, perché la grandezza dell’album viene anche dagli ispiratissimi contenuti melodico-armonici e dalla precisione d’esecuzione da sempre pretesa da Fagen anche quando al fianco di Becker, assicurata dalla consueta messe di strumentisti all’opera: Jeff Porcaro, James Gadson e Steve Jordan tra i batteristi; Rob Mounsey, Michael Omartian e Greg Philliganes tra i tastieristi; Anthony Jackson, Marcus Miller, Abraham Laboriel, Will Lee e Chuck Rainey tra i bassisti; Dean Parks, Steve Khan e Larry Carlton (che fece il grosso) tra i chitarristi, e i fratelli Randy e Michael Brecker ai fiati.

Ricordi di gioventù

Prodotto da Gary Katz, con gli Steely Dan da Can’t Buy a Thrill (1972) a Gaucho (1980), The Nightfly è album autobiografico immerso nei ricordi degli anni 50 e 60, la gioventù di Fagen. Si apre con "I.G.Y. (What a Beautiful World)", la regina dei soundcheck, ma i tributi diretti al tempo che fu sono "Ruby Baby" scritta dalla celebre coppia di autori Leiber e Stoller, cover del singolo dei Drifters, e "Maxine", uno slow electro-jazz con le armonie tipiche degli storici gruppi vocali statunitensi. Sempre attuale è "New Frontier", storia di teenager che organizzano un party dentro un rifugio antiatomico, così come "The Nightfly", la title-track, storia del DJ Lester che trasmette dalla WJAZ, emittente indipendente di Baton Rouge, Louisiana, con testo e copertina del disco che si rimbalzano i contenuti.

Anche la Chiesa conferma

Con gli Steely Dan scioltisi un anno prima e che non sarebbero tornati insieme prima del Duemila per lo splendido Two Against Nature, a Fagen e Katz servirono otto mesi di registrazioni tra New York e Los Angeles con trentuno dei migliori session men statunitensi – più un topo morto in studio, per l’aneddoto si rimanda all’Enciclopedia Digitale – per sfornare uno dei 1001 album da ascoltare prima di morire (libro di Robert Dimery in continuo aggiornamento). A proposito di morire, informazione per chi confida nell’aldilà: The Nightfly è tra i migliori dieci album di sempre per l’Osservatore Romano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved