chiara-zocchetti-e-l-iconografia-della-decadenza
© C. Zocchetti
+7
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
6 gior

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
6 gior

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
1 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
1 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
1 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
1 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
2 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
3 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
3 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
3 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
3 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
1 mese

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
1 mese

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
1 mese

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)
Ticino7
1 mese

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
1 mese

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
1 mese

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
1 mese

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
1 mese

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 mese

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 mese

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 mese

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 mese

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
18.04.2022 - 08:40
Aggiornamento: 15:19

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Prova grande attrazione per "ville, alberghi, teatri, centri termali in stile Liberty. Roba di lusso". Ma anche per cinema, manicomi, ospedali, fabbriche. L’interesse per i grandi hotel d’una volta, confessa Chiara Zocchetti, "nasce dall’amore per l’Overlook di Shining di Kubrick: lunghi corridoi, tappeti, sale da ballo". Partiamo però dalla superficie. Chiara è nata a metà anni Ottanta, è cresciuta e tuttora vive a Comano con il bassotto Ettore e Mario, un micio rosso dalle lunghe vibrisse. Dal 2016 lavora al Corriere del Ticino dove si occupa di cronaca, sport, eventi, politica e reportage. Racconta che ama molto viaggiare e le piace fare giardinaggio, soprattutto strappare le erbacce: "Una dopo l’altra, fino a che non ce ne sono più. Mi rilassa". E scopriamo che la fotografia, fin da ragazzina, le è compagna: "Se c’è una memoria storica degli anni della mia adolescenza e di quella delle mie amiche è merito mio. Ci sono foto di tutte le età… orribili, ma ci sono". Poi meditabonda afferma il suo manifesto: "A me interessava e tuttora interessa fissare il ricordo". Ma la Chiara fotografa professionista nasce "tardi" (anche se non lo è mai).


© C. Zocchetti
Plus bleu que le bleu de tes yeux.

Apprendista autodidatta

La sua prima formazione è come infermiera. Nel 2012, che è stato il suo ultimo anno di lavoro in ambito sanitario, segue un corso di fotografia proposto dal Cantone. "Mi sono resa conto che mi riusciva bene" e così decide di approfondire il suo rapporto con l’apparecchio dedicandosi solo alla fotografia. "C’è stato un periodo in cui quotidianamente andavo nel bosco con il mio cane, scattavo di continuo e ho iniziato a realizzare foto più pulite". È proprio allora che scopre l’elezione per gli edifici dismessi come soggetto da inquadrare. Dopo quel primo corso, ce ne sono stati altri, ma il suo apprendistato fotografico avviene principalmente da autodidatta. Curiosità e dedizione, insieme all’"occhio", l’aiutano a sviluppare la sua tecnica catalizzando l’innato talento. Importanti sono anche alcune figure lungo la sua strada che influiscono e che le danno spunti su cui lavorare: "Poi però ciascuno prende la sua strada", rivendica, plasmando la cifra stilistica individuale. Una matrice che quotidianamente evolve perché ogni situazione fa scuola. "Imparo molto sul campo – dice – e dai miei colleghi, per quanto riguarda la mia professione". Lavoro e ricerca personale incidono sulle fotografie per il giornale e viceversa: in un proficuo circolo virtuoso.


© C. Zocchetti
The House of The Rising Sun.

L’occhio curioso

L’architettura di luoghi abbandonati. Eccoci al dunque. Gli scorci di abbandono sono colti con lentezza, prendendosi il tempo – quando il contesto lo permette – per perlustrare e sentire il luogo: "Mi perdo negli spazi dove non c’è nessuno, dove c’è pace, tranquillità". Una fra le sue principali scelte stilistiche è l’assenza della figura umana, di cui restano però profonde tracce. Ad affascinarla è la bellezza nella decadenza, dice. "Nelle pareti che si scrostano, nella muffa, nel muschio, nella vegetazione, nel cogliere i segni del tempo. Questi posti per me sono delle opere d’arte in sé, il cui elemento principale è l’uomo cancellato dalla natura", racconta con trasporto. La seconda, complice il tempo, riprende il suo spazio e inghiotte le vestigia umane, che resistono. Il fascino degli scatti di Chiara sta lì, in quel preciso istante in cui il lavorio del tempo permette alla natura di incombere sull’opera umana, narrando la bellezza della fugacità dell’esistenza che si fa per antitesi memoria. Rifacendoci alla pittura, si potrebbe allora trovare un’analogia con il genere della vanitas: le sue foto, titolate con acume, sono una rappresentazione della vita umana attraverso i suoi manufatti disfatti dal tempo, ma senza il monito morale peculiare al genere pittorico. Al contrario, Chiara mette in luce la struggente bellezza di un muro scrostato che offre agli occhi di chi lo guarda le stratificazioni della sua storia come fossero pelle, lasciando libero sfogo all’immaginazione sul suo passato e su chi lo ha vissuto. Un’eccezione: "Capita raramente di poter fotografare animali in luoghi abbandonati, ma a me piace molto e cerco di cogliere l’occasione quando si presenta. Come quella volta in una sinagoga in Romania, dove ho incontrato il gatto Karl. A lui ho dato tutto il prosciutto destinato al pranzo di gruppo per riuscire a scattargli una foto", racconta.


© C. Zocchetti
Nights in Blue Satin.

Geografia dell’abbandono

Svizzera e Ticino – che da questo punto di vista "sono poveri, perché si tende a demolire per ricostruire" –, Italia, Francia, Belgio, Lussemburgo, Germania, Austria, Croazia, Romania, Georgia (e Abcasia), Portogallo, Cuba e Libano. Negli anni, Chiara ha compiuto diverse "spedizioni" per andare "a caccia" di luoghi abbandonati, sui quali si mantiene sempre riserbo. Non si parte mai a caso, ma ogni destinazione è scelta in funzione di ciò che si cerca: "Ci si muove con i contatti sui social (che un amico tiene per me), con lo scambio di coordinate. La rete di conoscenze per lo scambio – una vera e propria comunità – si costruisce nel tempo ed è basata sulla fiducia e l’esperienza condivisa". Gli aneddoti, più o meno rischiosi, sono tanti, Chiara tiene comunque a richiamare alcuni comandamenti impliciti per chi esplora e fotografa edifici in rovina che sono non forzare per entrare, non rompere o portare via oggetti. Tutto rimane intatto, si portano via solo scatti e la meraviglia della scoperta. "È una continua caccia al tesoro in cui si torna un po’ bambini".


© C. Zocchetti
Grünes Hotel.


© Ti-Press / A. Crinari

PER SAPERNE DI PIÙ
Chi fosse curioso di scoprire il lavoro di Chiara Zocchetti non dovrà di certo sfidare la forza di gravità su strutture barcollanti, perché periodicamente pubblica alcune fotografie sui social, ma ha anche un sito in cui si può spulciare. Nel corso degli anni, ha esposto a Comano (2017), Lugano (2018) e Bellinzona (2021). Di recente pubblicazione è il bel volume dal titolo (programmatico) Quel che resta. Immagini di un tempo che fu (Fontana Edizioni, 2021). Per tutto il resto vi rimandiamo a chiarazocchettifotografa.com e swisspressaward.ch.


© C. Zocchetti
Mon manège à moi c’est toi.


© C. Zocchetti
Il teatro dell’assurdo.


© C. Zocchetti
Taglia e cuci.


© C. Zocchetti
Bar La Felce.


© Ti-Press / A. Crinari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved