l-arte-sociale-di-manuela-villa-petraglio
© Sylvana Raschke
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
4 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
5 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
5 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
5 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
17.01.2022 - 10:39
Aggiornamento : 16:27

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”

di Marco Jeitziner

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

Classe 1961, è nata a Mendrisio, vive e lavora ad Arzo. Ha conseguito la patente di insegnante di scuola elementare, si è diplomata in pittura alle Belle Arti di Brera e ha studiato a Parigi a l’Académie de la Grande Chaumière. Si è formata in educazione creativa con Arno Stern, si è diplomata in lavoro sociale e ha conseguito un Master in artiterapia. L’incontro con lo scultore italiano Angelo Tenchio nel 1992 segnerà la sua crescita personale ed artistica. Ha esposto in Svizzera, a Como e a Parigi. È socia di Visarte-Ticino dal 1999. È docente all’Istituto S. Angelo di Loverciano.

Già da bambina amava disegnare e dipingere: “Tutte le attività creative in genere mi entusiasmavano. Crescendo questa mia passione si è intensificata sempre più” ci racconta l’artista. Persona sensibile, ad accompagnarla c’è sempre stato anche uno spiccato interesse rivolto al campo del sociale, infatti “l’incarico come educatrice all’Istituto S. Angelo di Loverciano mi ha stimolata a continuare la formazione professionale di educatrice sociale” spiega.

Guardare l’altro

Da giovane ha fatto di tutto e viaggiato tanto. “Ho lavorato nei campi più disparati, ho viaggiato per mesi nel Sud-est asiatico e in America centrale, attirata dal confronto con altre culture e altri popoli. Contemporaneamente ho vissuto un periodo molto ricco dal punto di vista artistico” spiega. Poi ecco il desiderio di diventare genitore: “Ho sospeso, durante circa tre anni, l’attività professionale in campo sociale per occuparmi di mia figlia adottata in Etiopia”, e poi ancora il richiamo alla cura dell’altro: “Con il desiderio di coniugare le attività professionali che avevo parallelamente praticato, l’arte e la relazione di aiuto, ho conseguito un Master in artiterapia”.

Dipingere intuizioni

Benché si sia avvicinata anche alla scultura, fondamentalmente è una pittrice. Il suo atelier è pieno di disegni e tele ammassati ovunque, grandi dipinti arrotolati appesi all’esterno in occasione del “World Art Day 2021”: si capisce che ama sia i colori sia le sfumature di nero. Vediamo animali, corpi femminili, volti di donne. “Inizio il lavoro mettendo in scena una specie di rituale. Ogni volta devo riappropriarmi dello spazio; vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione molto diretta con me stessa”. Petraglio spiega che così si stacca dalla volontà, la mette da parte e si pone in ascolto: “Lascio che siano i fogli, le tele a parlarmi, aspetto che le tematiche affiorino spontaneamente”. Quali i temi che dipinge? “Non sono tematiche ragionate, sono intuizioni”.


© Sylvana Raschke

Un processo personale

Da dove parte l’atto del dipingere? “Subentra la volontà di rappresentare ciò che è emerso e il lavoro inizia e prosegue. È un’alternanza di ispirazioni e atti meditati nella scelta di soggetti, materiali, tecnica, forme, colori, luci, spazi e dimensioni” spiega l’artista. Come potremmo definire la sua pittura? “Non è gestuale, ma il gesto, l’azione del dipingere, la modalità di esecuzione (ovvero mettere, togliere, dipingere, cancellare, agire, prendere le distanze, coprire, svelare, graffiare, strapazzare o accarezzare la tela, con veemenza o con delicatezza, con trascuratezza o con cura) sono già significative!”. Dipinge per il bisogno di esternare l’interiorità, per “rendere concreto, palpabile, uno stato emozionale e mentale, per un aiuto all’elaborazione di determinati vissuti. Il soggetto non è per me un pretesto e la sua scelta è stata sempre molto pertinente, simbolica, metaforica anche”. È in questo modo che la sua arte esplicita un suo bisogno di elaborazione, di comunicazione, di raccontare e talvolta anche di denunciare: ovvero “integrando l’atto creativo e la vita quotidiana. Un esempio è il dipinto ‘Profughi’ del 1999”, racconta.

Essere artisti oggi

Le chiediamo del significato di “Visarte-Ticino” oggi: “La nostra associazione ha vissuto tempi difficili. Capita! Ora siamo in fase di rinascita”, afferma. Reputa “significativo” e “importante” ciò che fece l’ex presidente Stefano Donati, e poi Sergio Morello. Oggi, dice, “apprezzo molto il lavoro portato avanti dai co-presidenti Matteo Fieni, Cosimo Filippini, da Al Fadhil e da tutti i membri del comitato. Credo ci siano buone prospettive, sono molto fiduciosa”. Ma il famoso “Ticino terra di artisti” ha senso? “Oggi ha valenza turistica”, commenta lapidaria. Come tanti altri, per poter dipingere ha ripiegato sull’insegnamento, perciò le chiediamo: così l’arte non diventa un hobby? “È una provocazione che non mi tocca” risponde.

Tra maestri e autenticità

Eppure chi è arrivato prima traccia sempre una via: quali i suoi referenti principali? “Angelo Tenchio è stato il mio maestro!” dice senza esitazione, lei che ha frequentato i corsi dello scultore comasco per due annetti. “Aveva una capacità di comprendere e di comunicare fuori dal comune, inserendosi nel processo creativo interiore dell’allievo”, afferma. Ma anche “il contatto con amici artisti è per me vitale”, precisa Petraglio, citando Marisa Casellini, Al Fadhil (di cui indossa una maglietta con lo slogan “Vietato aspettare”, a suo avviso “un messaggio perfetto, un urgente imperativo universale”), Flavia Zanetti, Nando Snozzi. Le piacciono Hodler e Segantini, e stima molto alcuni artisti della Svizzera interna quali Alex Zwalen, Patricia Jacomella Bonola e Giada Bianchi. Ma il nuovo nell’arte esiste davvero? “A livello artistico non credo si debba parlare di ‘nuovo’, ma di contemporaneità”, sostiene l’artista. “Io credo nell’autenticità, non nella ricerca del nuovo”.


© Sylvana Raschke

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte manuela villa-petraglio visarte-ticino
© Sylvana Raschke
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved