ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’

Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
5 gior

Broadcast. Fine delle trasmissioni

Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
5 gior

Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote

Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
6 gior

Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli

Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
6 gior

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
6 gior

Orphaned Land. Di metal e di religioni

’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
6 gior

Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie

In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
1 sett

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
2 sett

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
2 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
2 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
2 sett

A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire

Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
2 sett

Vite forzate. Le parole di chi ci è passato

Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
Ticino7
3 sett

Babel 2022. E la traduzione diventa arte

A pochi giorni dall’importante appuntamento bellinzonese (dal 15 al 18 settembre), abbiamo incontrato il suo nuovo direttore, Matteo Campagnoli
Ticino7
3 sett

La vera forza di Romeo Taddei (oltre alla musica)

Ha sempre avuto il ritmo dentro e da piccolo tamburellava con le dita su qualsiasi cosa. Sarà perché nella sua famiglia suonare è sinonimo di vita
Ticino7
3 sett

Piccole canzoni da abitare: da Mark Knopfler a Billy Joel

Avete in mente quei brani che “vi prendono”, spesso senza sapere nemmeno perché? Quelli che non passano alla radio e non si trovano nei “the best of”...
Ticino7
3 sett

Le due torri (senza dimenticare ciò che sta sotto)

Come per quella di Babele, anche la torre d’avorio è una costruzione che punta in alto. Esagerando
Ticino7
1 mese

Giada Olivotto e la ‘cura’ per l’arte

‘La discussione e l’inclusione di diversi punti di vista è centrale nella creazione di progetti artisti’. E lei, classe 1990, ci mette anche del suo...
Ticino7
1 mese

Scaltro come un airone cenerino

Riconoscibile per il colore grigio-azzurrognolo, che dà il nome alla specie, è un campione di pazienza e di scaltrezza, grazie alla sua abilità predatoria
Ticino7
1 mese

‘Orgasmi’ cerebrali: quando la testa ci stimola

Si chiama ASMR, un fenomeno sensoriale simile a un brivido che parte dalla nuca e talvolta arriva fino a braccia e gambe. Piacevole, emozionante...
Ticino7
1 mese

Burattini immortali (o poche nuove idee?)

Le bugie fanno crescere il naso. Per fortuna solo a Pinocchio, altrimenti sai che disastro...
Ticino7
1 mese

La scuola dei docenti. Insegnare per continuare ad apprendere

Con l’apertura degli istituti scolastici, vi proponiamo una riflessione sul ruolo e la formazione degli insegnanti, in una società che corre veloce...
Ticino7
1 mese

Avete mai provato a scrivere ‘contromano’?

Esercitarsi con la mano contro-dominante stimola le attività sinaptiche poco utilizzate e la concentrazione. Aiutando il cervello a mantenersi in forma
Ticino7
1 mese

La classe dei ‘meglio’ (ma diffidare conviene)

Per alcuni è la malattia del secolo. Colpirebbe solo l’1% della popolazione generale... forse per difetto, visto quello che si vede, sente e legge in giro
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: Chiapas, un’altra dimensione

San Cristobal è la porta aperta di un mondo chiuso, fatto di mille contraddizioni. Ma le esperienze ‘illuminanti’ (anche) qui non mancheranno...
Ticino7
1 mese

Sulle note (solari) di Vanessa Hunt Russell

Dal 2021 è violoncellista titolare nell’Orchestra della Svizzera italiana. Una giovane donna con un futuro che promette riconoscimenti e successi
Ticino7
1 mese

Ferragosto: interno leventinese con musica

Le buone cose non hanno bisogno di grandi palchi. È la bellezza la loro forza
Ticino7
1 mese

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla mucca

Il primo addomesticamento risale al 6000 a.C. A livello mondiale, la popolazione è stimata a 1,4 miliardi di capi circa. Quanto al nome...
Ticino7
1 mese

Ciao noia sociale (lascia che ti offra da bere)

Impegniamoci a trasformare la noia in curiosità, perché la curiosità arricchisce, ci spinge a cercare nuovi impulsi, a domandare, a scoprire, a inventare.
Ticino7
1 mese

Danzando con Camilla Stanga

Classe 1996, una passione diventata mestiere. Il suo posto è il palco, ma anche il dietro le quinte del Festival di Narrazione di Arzo
Ticino7
1 mese

Tutto il resto è noia (ma un po’ ce la cerchiamo)

L’assenza di stimoli interessanti nelle nostre vite dipende anche dal nostro scarso impegno a trovarne
Ticino7
2 mesi

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
2 mesi

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
02.10.2021 - 12:16
Aggiornamento: 06.10.2021 - 11:02

Sessualità maschile. Sapete cos‘è il Punto P?

Un viaggio nell’universo del piacere. Spostando l’attenzione dal ‘solito’ organo fallico ai miti che lo circondano, all’uomo e alla sua complessità

di Sara Rossi Guidicelli
sessualita-maschile-sapete-cos-e-il-punto-p
© Isabel Londoño
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

“Quando vado nelle scuole a fare educazione sessuale, mi accorgo che la prima maestra, soprattutto dei ragazzi, è la pornografia. Allora chiediamo loro quanti uomini hanno già visto andare in giro come Spiderman... Ecco, nei film porno è la stessa cosa: possono piacere, ma non hanno niente a che vedere con la realtà”, spiega la dottoressa specializzata in sessuologia Isabel Londoño.

Immaginiamo di parlare a te, giovane Ben, ragazzo che ha appena scoperto la sua sessualità, e proviamo a rispondere a qualche tua domanda. Ci rivolgiamo a te in quanto eterosessuale, ma quello che diremo, comunque, non è molto diverso anche se sei di un orientamento sessuale diverso. È probabile, Ben, che tu ti sia chiesto: cosa devo fare per piacere alle ragazze, piuttosto trascinarle nella caverna o portarle a vedere un tramonto? Com’è un uomo virile? Il mio pene è della lunghezza giusta?
Sappi che tu hai un organo unico che serve sia al piacere sia alla riproduzione; le donne, come vedremo, ne hanno due. La lunghezza del pene, per la sessualità, non ha nessuna importanza. In tempi antichi si pensava che un super apparato genitale fosse utile per generare tanti figli sani; per questo costruivano statuette per la fertilità con uomini dal fallo gigantesco e donne con seno, fianchi, pancia prominenti. L’idea che abbiamo oggi di virilità e femminilità è lo strascico di quel pensiero magico. Oggi sappiamo che un pene enorme non dà più figli, e comunque forse non è nemmeno quello che tu cerchi.
La lunghezza non c’entra niente nemmeno col dare piacere. “Semmai è la larghezza che conta”, afferma Isabel Londoño, “e quella è sempre più o meno la stessa in ogni uomo. La nostra società è fallocentrica, perché mette al centro il pene e la penetrazione; questo fa soffrire molti ragazzi e uomini, che si preoccupano della dimensione del membro, della durata del rapporto sessuale anziché della sua qualità... L’ansia da prestazione crea pressione e l’uomo si concentra su quello che sta facendo, sul suo sesso e non sullo scambio con l’altra persona...” , che può variare dalla caverna al tramonto a seconda dei momenti e delle persone coinvolte. A causa di una certa visione della virilità poi si pensa che l’uomo non possa mai dire di no, che debba sempre avere voglia... E invece non è così, spiega la sessuologa: anche gli uomini hanno i “giorni no”, anche loro possono scegliere e non è vero che i maschi vogliono avere il maggior numero di ragazze possibile. La virilità è soggettiva e fondamentalmente significa una cosa sola: essere uomo.


© Isabel Londoño

Non solo penetrazione

Gli ultimi anni hanno portato a scoperte sull’anatomia femminile legate al clitoride: è quello l’organo del piacere femminile e si trova sia esternamente alla vagina sia all’interno, appena dietro e intorno all’apertura. Queste scoperte condizionano tutto il rapporto sessuale e trasferiscono il cuore dello scambio erotico dalla penetrazione al gioco. “Con il fallo protagonista si perdono molte esperienze: spesso gli uomini non esplorano il proprio corpo, non sanno quali altre parti sono sensibili al piacere o quali altre pratiche gliene procurano. Adesso che le donne prendono coscienza che la penetrazione non è per forza la pratica che offre maggiore piacere, piano piano si vanno a scoprire altre zone erogene anche dell’uomo. Per esempio, la zona anale, che nella nostra mentalità è spesso legata all’omosessualità, ma che è piacevole per tutti”.

Alla ricerca del Punto P

La prostata è una ghiandola sotto la vescica e produce una sostanza che protegge gli spermatozoi ed esce durante l’eiaculazione. Molti uomini si sono accorti che la palpazione della prostata dà piacere fisico; tuttavia per la scienza numerose testimonianze non significano ancora evidenza: ci vorrebbe una ricerca, ma forse, commenta la sessuologa, “anche nel mondo scientifico il piacere per via anale è ancora tabù. Tuttavia, Ben, puoi provare a sentirla: dall’interno la sensazione è più forte, ma si può stimolare anche dall’esterno (cioè accarezzando quella zona tra l’ano e la base del pene chiamata perineo)”. La prostata è dunque chiamata il ‘Punto P’ dell’uomo, un punto che, si dice, dà un orgasmo ancora più intenso e più lungo di quello fallico.


© Isabel Londoño
Sebbene sia difficile, non è impossibile per un uomo avere un orgasmo con eiaculazione e provarne un altro entro pochi secondi, con una nuova erezione ed eiaculazione, specie se la prostata è fortemente stimolata (per esempio, mediante massaggio prostatico).

L’importanza di conoscersi

Secondo la sessuologa, i ragazzi dovrebbero esplorarsi con curiosità e apertura, perché la leggenda che le donne hanno molti punti erogeni e gli uomini uno solo è falsa e superata. Inoltre imparare a conoscersi è importante anche per quell’altra paura che spesso accompagna le prime esperienze sessuali: l’eiaculazione precoce. “Rilassatevi, ragazzi, non è tutto in mano vostra. Se siete in due non c’è qualcuno che ha più responsabilità dell’altro e forse la parola responsabilità non è nemmeno quella giusta. È un gioco, una complicità, ci si possono dare molti baci e se l’erezione non funziona subito o non funziona come si vorrebbe, beh... ci sono molte altre cose da sperimentare. A tutti, ma veramente a tutti, capita di ‘fare cilecca’ e qui torniamo al cinema: nei film le coppie vanno a letto e fila sempre tutto liscio, ma la realtà è più complessa e, se la si sa prendere, più ricca e divertente”. Quello che si può fare è allenarsi piano piano, senza che diventi un’ossessione: Ben, prima di tutto puoi capire cosa piace a te e al tuo corpo, permettendoti anche di riflettere sul tuo orientamento sessuale. Poi prova a masturbarti in diversi modi, con diversi ritmi. Impara a capire quando sta per arrivare quel punto di non ritorno, quando poi è tardi per rallentare e ritardare l’eiaculazione. Ci si arriva adagio, con l’esercizio individuale. “Non credete alla storia che per durare di più bisogna pensare alla nonna... anzi. È meglio concentrarsi sulle proprie sensazioni, ascoltare il corpo e avere coscienza della zona pelvica. Ci sono oggetti erotici che stimolano il perineo e aiutano proprio chi soffre di eiaculazione precoce”.

E poi si cresce...

Dopo, Ben, magari avrai una ragazza. Si sa: le conseguenze di una gravidanza sono femminili, ma la responsabilità è di entrambi. Per condividere questa parte della vita, puoi accompagnarla dal ginecologo, andare tu a comprare la pillola o aiutarla a ricordarsi di prenderla. Se poi, Ben, ti capiterà di avere una lunga storia d’amore, sappi che per due o tre anni siamo biologicamente programmati per non avere problemi di desiderio sessuale (queste sono statistiche, formule generali). Dopo circa tre anni la relazione stabile trasforma gli ormoni presenti in entrambi i membri della coppia: aumenta l’ossitocina, ormone dell’amore. Vuol dire che si sviluppa una connessione più profonda ma meno farfalle in pancia, per capirci. Questo succede a tutti, maschi e femmine. Eppure si sa che il calo di desiderio riguarda in misura maggiore le donne. Perché?


© Isabel Londoño
Il periodo refrattario post orgasmico è un lasso fisiologico di tempo che interviene dopo l’orgasmo maschile. Un periodo in cui l’uomo non prova più piacere o, anche in presenza di un nuovo stimolo sessuale, non può raggiungere un’erezione.

Mantenere il desiderio

“Nell’essere umano ci sono due tipi di desiderio: quello spontaneo e quello responsivo (in risposta a una stimolazione, come l’appetito che vien mangiando). Secondo gli studi dei sessuologi Masters & Johnson il 70% dei maschi ha un desiderio spontaneo, mentre l’80% delle donne ha un desiderio responsivo. Sappi, Ben, che potrai avere bisogno di stimolare il desiderio della tua compagna con giochi, preliminari, atmosfere. Per le donne è più complicato sentire il desiderio ‘spontaneo’ perché hanno bisogno di stare bene psicologicamente per avere voglia di fare sesso: devono sapere che avranno un ritorno di piacere e devono avere un contesto adatto (niente bambini che chiamano nella stanza di là, nessuna pentola sul fuoco ecc.). Se lei arriva a casa dopo il lavoro e trova disordine e sporcizia, può non essere invogliata a un rapporto sessuale; lui deve quindi prendersi cura di tutti questi aspetti, stare attento al funzionamento della vita quotidiana, avere gentilezze particolari per coltivare il desiderio sessuale di lei”, ammonisce Londoño.
Secondo molte ricerche, il segreto per una relazione sana e duratura sta in pochi ingredienti: un po’ di spazio ognuno per sé, equilibrio tra egoismo e solidarietà, molta complicità e un po’ di ammirazione. “Se guardi il tuo partner quando sta facendo qualcosa che gli riesce bene, se lo vedi nella luce della sua passione, se la ammiri in una situazione in cui è felice, si attiva il desiderio sessuale”, afferma la dottoressa.

Infine, Ben, si invecchia insieme

Il corpo poi cambia, con l’età. Si invecchia, come si usa dire. Come si può allora mantenere il desiderio nonostante le differenze tra un corpo di 30 anni e uno di 60 o 70 anni? “L’accettazione del tempo che passa è un grande tema, ma non so se bisogna dargli tanta importanza. I canoni di bellezza sono gabbie cattive. La donna ha la menopausa, e la vagina può essere meno lubrificata, l’uomo non ha più la stessa erezione (diminuiscono l’angolazione e la durezza): succede a tutti e la cosa interessante è che la penetrazione diventa ancora meno importante. Allora si può diventare più aperti a provare nuove cose. Si è più maturi, gli uomini non hanno più bisogno di provare la loro mascolinità e possono scoprirsi in un altro modo. In coppia è bene parlare tanto, sia dei cambiamenti del corpo sia di quelli dell’umore. In menopausa per le donne non è facile mantenersi allegre e benevolenti nei confronti dell’umanità: la comunicazione è fondamentale per spiegarsi cosa sta succedendo. E l’ideale sarebbe”, conclude, “ogni tanto, riuscire anche a riderne”.

AI RAGAZZI NON SERVONO GLI AIUTINI

Sui siti pornografici escono costantemente pubblicità di prodotti come Viagra. Alcuni giovani pensano che con una pastiglia potrebbero avere un’erezione migliore ed evitare problemi di eiaculazione precoce. Ma è sbagliato!
1. Può essere pericoloso per un giovane: diverse ricerche hanno dimostrato come gli uomini che prendono il Viagra o farmaci simili senza controllo medico possano perdere fiducia nella loro capacità sessuale in assenza dell’aiuto di questi farmaci.
2. Può essere dannoso: può causare effetti collaterali lievi (mal di testa, vampate di calore, nausea, vertigini...) o gravi (danno al nervo ottico, priapismo, pressione sanguigna bassa, problemi cardiovascolari, come infarto, ictus ecc.).
3. Quando si è giovani è quasi sempre inutile: il Viagra è destinato a chi, per particolari patologie o per l’età avanzata, ha un deficit di erezione. Agisce sul problema fisico e non su quello psicologico, quindi se sono emozionato una pastiglia potrebbe non avere nessun effetto.
A tutti capita di non essere prestanti come si vorrebbe, ma questo non va combattuto con i farmaci, e anzi non va combattuto affatto. Quello che migliora la relazione – sessuale e non – è il dialogo, l’esperienza, la conoscenza di sé.


© Isabel Londoño


© Ti-Press
La dottoressa Isabel Londoño.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved