una-storia-da-scrivere-a-macchina
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
20 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
16.08.2021 - 13:350
Aggiornamento : 17.08.2021 - 08:59

Una storia da scrivere (a macchina)

Dalla Sholes & Glidden di Mark Twain alla ‘Lettera 22’ di Pasolini, ecco le macchine per scrivere usate dai più famosi autori della letteratura del Novecento

 Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Nel 1939, Flann O’Brien sparse Una pinta di inchiostro irlandese per scrivere a mano il suo omonimo libro, ovvero più di mezzo litro, la misura di una birra. Usava la penna anche il suo connazionale James Joyce, poi le dattilografe battevano gli appunti. Prima di loro, in America, Mark Twain scriveva già a macchina. Quanti nastri occorrevano per portare a termine un romanzo? Dipendeva dal narratore, se scriveva di getto o correggeva molto. Arrivato alla fine, il nastro si riavvolgeva automaticamente fino a esaurire l’inchiostro. C’era anche chi non poteva permettersene una, come Ray Bradbury che la prese in affitto per dieci centesimi ogni mezz’ora alla biblioteca dell’UCLA. Oggi, quasi più nessuno la utilizza (Don DeLillo usa ancora un’Olympia SM3 Deluxe), ma è diventata un oggetto di culto tanto che, di certi modelli, si trovano ancora i nastri. A Palazzo Lodispoto di Trani esiste anche un museo.

Le vecchie macchine “da” scrivere

Possiamo certamente affermare che la maggior parte (se non tutti) degli autori di oggi scrivono al computer. Ma quali macchine per scrivere hanno accompagnato gli scrittori del Novecento nella stesura delle opere più amate della letteratura? La prima a uscire sul mercato fu la Sholes & Glidden, massiccia e pesante, messa a punto dalla Remington, che iniziò la produzione in serie nel 1874, nel suo reparto di macchine per cucire. La Portable N. 2 del 1878 aveva già maiuscole e minuscole, con tasto shift e tastiera alfanumerica QWERTY (dalla sequenza dei primi sei tasti). La Remington N. 5 del 1886 era ancora a scrittura cieca (bisognava alzare il rullo per vedere cosa si era scritto): la macchina di Agatha Christie e Allen Ginsberg era una Remington. Più piccola e leggera, con una scrittura perfettamente regolare, la Hammond N. 1 aveva un sistema che richiedeva meno pezzi, ed era quella di Lewis Carroll. La Underwood del 1893 fu la prima macchina a martelletti con scrittura visibile: usarono questa marca Luigi Pirandello, Ernest Hemingway, Jack Kerouac, Virginia Woolf, F. Scott Fitzgerald. Nel 1906, fece la sua apparizione la Royal N.1, molto robusta, in seguito marchio di riferimento per scrittori come Sylvia Plath e Truman Capote, che però dichiarò di scrivere prima a matita. Era diversa dalle altre, in quanto aveva un design flatbed, a base piana. La versione Portable era lo strumento di lavoro di George Orwell e John Cheever. Nel 1947, fu prodotta una versione limitata placcata oro della Royal Quiet Deluxe: Ian Fleming, autore di James Bond, ne aveva una. Accanto alle pipe di Georges Simenon, vi era una Royal N. 10. La RoyalHH del 1954 è stata una delle macchine più vendute della storia. L’Olympia SG grigio opaco con tasti neri è il modello di macchina per scrivere utilizzata da Charles Bukowsky. La Olivetti MP1 fu progettata nel 1932: disponibile in vari colori, era la macchina per scrivere di John Updike e Marguerite Duras. La Olivetti Lettera 22 portatile fu una delle macchine di maggior successo negli anni Cinquanta; la utilizzarono Cesare Marchi, Enzo Biagi, Indro Montanelli, Leonard Cohen e Cormac McCarthy. Philip K. Dick aveva una Hermes Rocket, Bertolt Brecht una Erika, Hermann Hesse la Smith Premier N. 4.

Le nuove macchine per scrivere

Tra pc, smartphone, notebook e tablet, scrivere è sempre più semplice e veloce. Si può addirittura dettare il testo, invece di batterlo. Ma la macchina per scrivere esercita ancora un tale fascino che il suo stile classico è stato rivisitato in chiave due punto zero. Tom Hanks ha creato Hanx Writer, un’app che simula la scrittura di un testo con i tasti di una vecchia macchina per scrivere, incluso il ticchettio e il ding alla fine di ogni riga, sia in versione free che a pagamento. Hemingwrite invece è una macchina per scrivere a tutti gli effetti, solo in versione digitale, e funziona con l’e-ink, l’inchiostro elettronico usato anche per il Kindle, e la batteria dura sei settimane. È poco ingombrante, facilmente trasportabile grazie a una maniglia, bella e soprattutto non distrae come un computer sempre online. 


Albert Camus

TABAGISMO LETTERARIO

Fumare non si usa più, come le macchine per scrivere. Nel secolo scorso, non c’era scrivania di scrittore senza sopra un posacenere. Il fumo era comune a molti autori, da Montale a Capote, da Hemingway a Simone de Beauvoir fino ad Alda Merini, che sembra fumasse oltre 60 sigarette al giorno. Spesso questo vizio è stato trasmesso anche ai personaggi dei loro romanzi. “Non capisco come si possa non fumare”, dice Hans Castorp ne La montagna incantata, che si faceva arrivare da Brema i sigari Maria Mancini, il ‘narcotico vegetale’, come lo chiamava Thomas Mann, in “eleganti cassette verniciate, ornate di un mappamondo, di numerose medaglie e d’un palazzo da esposizioni, in mezzo a uno sventolio di bandiere, impresso in oro”. Lo Zeno Cosini di Italo Svevo cerca di smettere di fumare per un intero capitolo. Andrea Sperelli ne Il piacere di D’Annunzio fuma solo sigarette russe, contenute in un astuccio d’argento smaltato. André Gide ebbe a dire: “Scrivere per me è un atto complementare al piacere di fumare”. Si sa che Hemingway fumava sigari cubani. Umberto Saba e Simenon la pipa. Beppe Fenoglio invece, da bravo partigiano, si rollava le sigarette con carta e foglie di tabacco grezzo. Le Gauloises Brunes senza filtro erano le sigarette preferite di Albert Camus, Jacques Prévert, Jean Baudrillard, Julio Cortazar, Jean Paul Sartre. Sull’argomento Pascal Hérault ha scritto il libro La mélancolie du fumeur. Essai de tabagie littéraire (2010). 

Guarda 6 immagini e 1 video
© Regiopress, All rights reserved