Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
17:05
 
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
homer-e-la-rivalsa-del-vero-se
© 20th Century Fox / Screenshot Copyrighted
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
29.05.2021 - 19:210

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Homer Simpson è un bifolco, ignorante, tonto ed egocentrico personaggio. È un padre che si dimentica il compleanno dei figli, è un marito che spesso non ascolta la moglie, è un assenteista dal lavoro, ed è uno che rinchiude l’anziano genitore in un ospizio e che si sente in pace con sé stesso quando lo va a trovare due volte l’anno. È letargico, rimanda tutto ciò che è rimandabile, ama sperperare migliaia di dollari in assurdi prodotti pubblicizzati in TV ed è schiavo di ciambelle, birra e costolette. Eppure in un recente sondaggio americano, alla domanda “Quale personaggio famoso vorresti avere come padre?” , il disegno scaturito dalla matita di Matt Groening ha sbaragliato tutti trionfando come prima scelta. Al secondo posto si è piazzato Dio e al terzo Leonardo Da Vinci.

Non so che fare…

Perché questo bizzarro pupazzo giallo di Springfield con i capelli a zig-zag che non rappresenta certamente l’archetipo del buon padre di famiglia, è così venerato ed è stato capace di dar vita a intere generazioni simpsoniane? Semplice, Homer è l’esasperata icona di quel sistema decisionale che non riusciamo a mettere in atto perché considerato socialmente inammissibile. Se dessimo ascolto al nostro Homer interiore, alla suocera che ci sta raccontando l’ennesimo aneddoto dei suoi tempi, risponderemmo “no ti prego, che palle!” invece di esclamare “ma dai, che forza!”. È capace di suscitare un’empatia incondizionata perché guardando lui, è come se riscoprissimo un atteggiamento di indulgenza verso gli altri ma soprattutto verso noi stessi che va ben oltre quel dualismo concettuale di giusto e sbagliato, buono e cattivo, ragione o torto, istinto o razionalità. Mentre noi siamo alla disperata ricerca di qualcosa o qualcuno a cui aggrapparci, lui è pienamente consapevole della sua mediocrità. È ottimista, allegro, spensierato, ride rincorrendo le farfalle e quando mangia una torta, se la gusta. Semplicemente, ama ciò che è. Ammirandolo ci entusiasmiamo perché da solo è in grado di rappresentare la caricatura vivente dei peggiori tratti dell’uomo adulto moderno, ma contemporaneamente riesce a dimostrarci che nella vita per sentirsi realizzati non occorre essere dotati di chissà quale intelligenza.


© 20th Century Fox / Screenshot Copyrighted

Essere sé stessi

Noi indossiamo una maschera che cambiamo a seconda del contesto sociale, lui non fa niente per camuffare i suoi difetti. Non cerca di trasformarli goffamente in virtù. Riesce a rimanere sé stesso anche quando si candida in politica, creando il geniale slogan “Non può farlo qualcun altro?”. Homer rappresenta il nostro sacrosanto diritto a fallire, a sentirci fuori luogo, a non ostentare l’essere quei bravi ragazzi che non siamo, a non vergognarci di alzare la mano e dire “scusate, non ho capito” , e a liberarci da quell’ansia perenne di non dover sbagliare mai. 
Ma perché abbiamo così bisogno di sentirci maledettamente adeguati in ogni circostanza? Quand’è che abbiamo cominciato a equiparare l’inadeguatezza all’ottusità? Se avessimo l’umiltà di accettare che non possiamo eccellere in tutto, potremmo provare a migliorare e invece tendiamo a mascherare. 
Chi di noi non ha mai provato almeno una volta il mitico “brivido Homer”? Magari evitando di andare a buttare la spazzatura, annoiandosi a parlare con il vicino o facendo finta di ascoltare il proprio partner mentre ripeteva una cosa già detta.
Non temiamo quindi di assomigliargli. In fondo non sarebbe poi così male abituarsi a dire ciò che pensiamo, oziare ogni tanto senza sentirsi in colpa, chiedere scusa quando sbagliamo, o rispondere “ti ringrazio, ma non mi va!”, quando ci invitano da qualche parte invece di accampare delle scuse ridicole per evitare di offendere il prossimo. Altro che meditazione, altro che crescita interiore, altro che percorso spirituale grazie a libri rivelatori o presunti guru. Basta guardare i Simpsons. Homer umanizza principi psicologici secolari svelandoci il segreto fondamentale per la felicità: imparare a essere noi stessi accettando il fatto di essere imperfetti, perché quando accogliamo i nostri limiti riescono a farlo meglio anche gli altri.

© 20th Century Fox / Screenshot Copyrighted
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved