Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
1
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
2 set
(6-4 : 0-0)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
united-roads-of-america-chiedi-alla-ruggine
© E. Bos
Uno degli impianti di carbone ancora in funzione tra Ohio e Pennsylvania.
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
1 mese

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
16.05.2021 - 08:000
Aggiornamento : 17.05.2021 - 08:51

United Roads of America. Chiedi alla ruggine

Una volta la "Rust Belt" era il cuore industriale e produttivo degli USA. Oggi questa manciata di Stati orientali cerca di ripartire, come può e a fatica

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

“Senza lavoro, che uomo sono?”. L’interrogativo esistenziale di Rick Marsh era pesante come il cofano della Corvette gialla custodita con premurosa attenzione nel garage della sua casa. Periferia di Lordstown, nell’Ohio industriale e arrugginito. Era l’ottobre 2019, questo operaio della General Motors dopo 25 anni di lavoro era stato costretto a scegliere. O la borsa o la vita. Scelse la borsa, c’infilò dentro la tuta blu e partì. Non c’era alternativa. La “sua” fabbrica aveva chiuso. L’ultima Chevrolet era uscita dalle catene di montaggio sei mesi prima, dentro l’inconfondibile impianto che si scorge dalla Statale 80 quando si viaggia da Pittsburgh a Cleveland. Altra ruggine sulla Rust Belt. Stesso destino della vicina Youngstown, ex capitale dell’industria manifatturiera. Entrambe diventate monumenti a un passato carbonifero ormai seppellito. Altiforni divenuti spettri glaciali che si stagliano nel cielo imbottito di nuvole color piombo. Sembra tutto in bianco e nero. Sono spariti i blue collar che brulicavano nei padiglioni della GM. Erano 15mila. Gli ultimi 1’200 licenziati nel 2019.  


© E. Bos
Rick Marsh, fotografato nella sua casa in Ohio nel 2019, prima di essere costretto a trasferirsi in Kentucky per non perdere il suo lavoro da tuta blu.

Tute blu & middle class

Per Rick la prospettiva sembrava la stessa. “Quelle Chevrolet sono la mia identità. Ho iniziato a lavorare lì dopo la scuola superiore, non so fare altro” mi raccontò Rick, allora 45enne, seduto sul divano a dondolo della veranda di una villetta con un grande giardino a ridosso del bosco. Era preoccupato soprattutto per sua figlia Abby, di 11 anni, con problemi di disabilità. Temeva di perdere il network di amici e familiari da sempre vicini a lui. E gli crollava addosso quel mondo di piccole comodità che la middle class manifatturiera s’era costruita col tempo. Soprattutto qui nel Midwest. L’unica alternativa per Rick era accettare il trasferimento a 800 chilometri di distanza. Inizialmente impensabile. Ma quando fu inevitabile, per sfuggire al temuto licenziamento lo accettò. Adesso, al telefono dal Kentucky, mi racconta che “è stata durissima”. Per quasi 8 mesi ha vissuto da solo in un appartamento a Scottsville, a pochi minuti d’auto dal confine col Tennessee. Ma a otto ore dalla famiglia in Ohio. Malgrado il Covid-19 è poi riuscito a vendere la sua casa a Lordstown e a ristrutturare quella appena acquistata in Kentucky. Moglie e figlia lo hanno raggiunto. “Almeno non ho perso il mio lavoro. Non è proprio una vita normale, ma quasi”. La sua normalità, insiste, è stata riprendere i turni di lavoro in fabbrica. Ora assembla le Corvette. Proprio come la sua gialla, che si è portato dall’Ohio.  


© E. Bos
Il picchetto di operai all’esterno dellʼimpianto della General Motors durante le proteste contro i licenziamenti nel 2019.

Vecchi tempi e auto nuove

La prima Chevy prodotta nell’impianto di Lordstown fece il titolo d’apertura del Vindicator di Youngstown. Lo storico quotidiano locale ha seguito il declino beffardo dell’impianto, indifferente alle storie di dedizione e sacrifici dei suoi dipendenti: chiuso perché non produceva abbastanza profitto. Qualche anno fa Trump vinse in questa contea promettendo il ritorno della manifattura. “Ma non è possibile, qui è cambiato tutto”, mi disse Bertram De Souza, editorialista proprio del quotidiano locale Vindicator. A suo parere le tute blu – soprattutto bianchi e senza livello di istruzione secondario, proprio come Rick – erano rimaste bloccate in un modo di pensare ormai anacronistico. Quella nostalgia degli “old days” con una paga oraria che permetteva di pagare il college ai figli. “Ma quei vecchi tempi non torneranno più, malgrado le promesse di Trump”, insistette De Souza un paio d’anni fa. Ora, forse, arrivano tempi nuovi.  


© E. Bos
Le vestigia industriali del passato siderurgico di Youngstown, città-simbolo del declino industriale del Midwest.

Ultium vs litium 

“Senza fabbriche qui è la fine per tutti”, fu il lapidario commento della signora Jeanette. L’anziana gerente della piccola tavola calda a pochi chilometri da Lordstown infilava con precisione le banconote verdi nel registratore di cassa cromato, probabilmente suo coetaneo. Le acciaierie di queste lande tra Ohio e Pennsylvania non sbuffano più i loro veleni metallurgici come quando questo diner d’altri tempi formicolava di camionisti di passaggio. Anche le miniere sull’altro lato della valle del Mahoning e giù giù fino alla West Virginia rigurgitano un po’ meno porcherie nell’atmosfera. Ma la disintossicazione post-fossile sta iniziando solo ora a prendere forma. Una transizione lenta, che però potrebbe transitare proprio dai capannoni dove un tempo lavorava Rick. Proprio a Lordstown è appena terminata la costruzione di un impianto della General Motors per la produzione di batterie elettriche. La svolta ‘pro clima’ di Joe Biden non concede l’opzione della testardaggine o della riluttanza. Chi non cambia è fuori mercato. Ma è persino troppo lenta per alcuni governatori qui in USA. Che chiedono veicoli a emissioni zero al più presto. General Motors a inizio 2022 in Ohio produrrà batterie con tecnologia “ultium”, basata ancora sul litio, diventato l’oro bianco di questa nuova gold rush. Nel deserto del Nevada, la Tesla produce da anni batterie agli ioni di litio nella sua faraonica “Gigafactory”.
Lo stesso deserto che altri affamati di minerali ormai “critici” vorrebbero sventrare per estrarne ancora di più. Almeno qui in America, dove per adesso c’è una sola miniera di litio. Che insieme a cobalto e nichel diventerà sempre più strategico per la produzione di auto elettriche. Crescono però le preoccupazioni. Perché la metamorfosi dai veicoli inquinanti a quelli green rischia di avere pesanti ripercussioni. Proprio perché la nuova corsa ai metalli rari potrebbe avere impatti devastanti per l’ambiente. Rick, intanto, continua a produrre le “vecchie” auto a benzina nella fabbrica in Kentucky. Per ora. E si tiene stretta la sua Corvette gialla, ormai già parcheggiata nel garage della Storia. 


© E. Bos
La prima pagina del giornale di Youngstown che celebrava la prima Chevrolet prodotta. Era il 1966.

© E. Bos
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved