Napoli
2
Cagliari
0
fine
(1-0)
sognare-di-sognarsi-tra-mente-realta-e-fantasie
© Daria Zaseda - iStock/dzoils.net
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 ore

Sì, anche i cani sognano

I nostri amici a quattro zampe sono in grado di guidarci alla scoperta del mondo. Parola di Michele Serra, che ne ha fatto un libro tutto da leggere e da guardare
Ticino7
9 ore

Quei ‘tagli’ precisi di Claudio Cavargna

Classe 1974, in mezzo alla carne e ai prodotti di macelleria ci è cresciuto, maturando il desiderio di portare avanti il lavoro di suo padre. Con successo
Ticino7
1 gior

Vasco Gamboni. Memorie di un cacciatore

Insegnamento e arte venatoria. Una doppia passione che si tramanda di generazione in generazione nella sua famiglia. Perché la caccia è anche amore e difesa del territorio
Ticino7
1 gior

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
2 gior

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
3 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
4 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
5 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
6 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
1 sett

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
1 sett

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
1 sett

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
1 sett

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
2 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
2 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
2 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
2 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
3 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
3 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
3 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
3 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
4 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
4 sett

Napoleone e l'Elba (l'isola che non c'era)

Quest'anno è stato ricordato il duecentesimo dalla morte di Napoleone Bonaparte. Con la sua scomparsa si chiuderà un’intera epoca
Ticino7
4 sett

Caro diario, ovvero Ferragni vs Morrison

"Back to school?". Ormai ci siamo, lo sapete, e naturalmente in classe sono le piccole cose a fare la differenza. Come l'agenda scolastica, per esempio
Ticino7
4 sett

La scuola e l’età dello stress

A che serve avere bambini e ragazzi ‘sotto pressione’? A nessuno, nemmeno agli adulti
Ticino7
1 mese

"Oh, Madreperla" - Un brano, un racconto, un amore

‘Dimmelo ancora Bryan ti prego’ ‘Oh Madreperla, non ti scambierei con nessuna ragazza al mondo’ ‘Dimmelo…’ ‘Oh madreperla...’
Ticino7
1 mese

Dennis Caprara e quel Sogno americano

Questa è una storia di emigrazione e di successo, di duro lavoro e di attaccamento alla propria terra. Ce la racconta il cugino Aquilino Caprara, da Biasca
Ticino7
13.03.2021 - 10:210

Sognare di sognarsi: tra mente, realtà e fantasie

Perduti in un mondo dove l'onirico incontra paure e necessità di evasione, immaginiamo l'impossibile. Ma perché lo facciamo e quali le possibili conseguenze?

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Chi di noi non ha mai fantasticato a occhi aperti, non fosse solo – com’è d’obbligo – nell’acquistare un biglietto della lotteria o nel giocare una schedina? Per alcune persone è solo una perdita di tempo, altre vi si dedicano deliberatamente. Comunque la si metta, è una forma di attività mentale generalizzata e diffusa, di cui quasi tutti hanno esperienza. Ma c'è dell'altro...


© Ticino7/Variante S. V.

“Sognare a occhi aperti o lasciare vagare la mente, seguendo pensieri auto-generatisi che divergono da ciò che stiamo facendo in quel momento, comporta probabilmente dei vantaggi evolutivi. Per esempio, consente di pianificare le attività che seguiranno a quella che stiamo svolgendo, ma anche di alleviare la noia, stimolare la creatività e, a un livello di elaborazione più profondo, estrapolare significato dalle esperienze, intessendo quindi la propria narrativa”, si legge in un contributo del 2018 (Soffer-Dudek & Somer, “Trapped in a Daydream: Daily Elevations in Maladaptive Daydreaming are Associated with Daily Psychopathological Symptoms”, Frontiers in Psychiatry, 2018). L’attività immaginativa rappresenta dunque una parte rilevante della nostra economia psichica, tanto che, anche se non ce ne accorgiamo, le nostre menti divagano da quanto stiamo facendo nel presente per quasi la metà del tempo che trascorriamo da svegli.
Il tipo di fantasticare descritto in apertura, però, è qualcosa di diverso da tutto questo: un’attitudine che da qualche anno gli psicologi hanno iniziato a indagare con più attenzione. Alcune persone, approdate alla psicoterapia per motivi diversi (ansia, insonnia, depressione ecc.), riferiscono di sogni a occhi aperti lunghi e pervasivi, caratterizzati da una ricchezza di dettagli che li rende oltremodo vividi e piacevoli da “sognare”, tanto da configurare una sorta di dipendenza psicologica che a tratti li rende preferibili alla realtà. È il Maladaptive Daydreaming (MD); in italiano, “sogni a occhi aperti disadattivi”, noto anche come Disturbo da fantasia compulsiva, sebbene quest’ultima definizione non sia del tutto appropriata poiché questo strano e affascinante sintomo non è ancora stato ufficialmente codificato come disturbo psicologico a sé stante. Ma le evidenze accumulate da circa vent’anni a questa parte da alcuni ricercatori, primo fra tutti lo psicologo Eli Somer, che ne ha coniato il nome, lasciano prevedere che a breve verrà riconosciuto come tale. Se fino a ora non è accaduto, è un po’ per quel suo mimetizzarsi in una consuetudine che, sebbene in misura diversa, ci riguarda tutti, e un po’ per via delle sue caratteristiche “ibride” che, sotto il profilo clinico, lo situano al crocevia fra i disturbi dissociativi, quelli ossessivo-compulsivi e l’area della dipendenza. 


© Daria Zaseda - iStock/dzoils.net

Rituali onirici

“Quando fantastico a occhi aperti spesso tengo in mano un oggetto, per esempio una gomma da cancellare o una biglia. Lo lancio in aria e lo riprendo al volo. Questo movimento monotono, ripetitivo, mi aiuta a concentrarmi sulla fantasia. Così è più facile sognare a occhi aperti perché non vengo distratto dalle altre cose presenti nella stanza” (E. Somer, “Maladaptive Daydreaming: a Qualitative Inquiry”, Journal of Contemporary Psychotherapy, 2002). Il ricorso a movimenti stereotipati, così come all’ascolto di musica con funzione evocativa, rivela la natura intrinsecamente dissociativa di questo tipo di fantasticare. La maggior parte dei soggetti intervistati riferisce di utilizzare questi elementi consapevolmente, in maniera ritualizzata, per indurre o facilitare l’accesso ai propri “para-cosmi” privati (MacKeith, 1983). Ogni qual volta lasciamo che la nostra attenzione venga assorbita da un singolo stimolo, che sia esterno (un libro, un film) o interno (un progetto, un’idea), trascurando altri stimoli ambientali, noi stiamo sperimentando una forma di normale, “benigna” dissociazione. All’estremità patologica del continuum, la capacità di “staccarsi” dalla realtà costruendo dimensioni parallele assume la forma dei disturbi dissociativi, che spesso traggono origine da esperienze avversative vissute in età infantile (negligenza, maltrattamento, abuso). Sembra esserci una stretta correlazione fra il fantasticare disadattivo e la sintomatologia dissociativa; tuttavia, i dati indicano che solo il 27% dei “sognatori” riporta in anamnesi traumi infantili. (E. Somer, “Maladaptive Daydreaming: ontological analysis, treatment rationale; a pilot case”, Frontiers in the Psychotherapy of Trauma and Dissociation, 2018). 
Accanto al tratto dissociativo, ovvero alla tendenza, di fatto innata, a immergersi nella fantasia, sono decisive la componente compulsiva e quella della dipendenza: “È seducente. E poi un giorno mi sono reso conto che ciò che avrebbe dovuto aiutarmi mi aveva intrappolato e che non riuscivo più a smettere... Ricordo che non volevo scendere in salotto perché era molto più divertente stare di sopra, al buio, a sognare”; “Qualche volta invento delle scuse per allontanarmi da casa in modo da poter stare da sola, senza la famiglia al seguito. Spesso ho bisogno di andarmene di casa per immergermi nei miei sogni” (E. Somer, L. Somer e D.S. Jopp, “Childhood Antecedents and Maintaining Factors in Maladaptive Daydreaming”, Journal of Nervous and Mental Disease, 2016). Molti soggetti riportano un ossessivo desiderio di fantasticare, molto simile all’urgenza sperimentata dalle persone con problemi di dipendenza, non tanto da sostanze quanto da attività compulsive (gioco d’azzardo, sesso, shopping, fitness). Questa “dipendenza” causa un disagio significativo e tende a interferire con il funzionamento relazionale, sociale, scolastico o lavorativo della persona: “È diventato un incubo, ora. Vorrei poter voltare pagina”; “È stato utile per sopravvivere alla mia infanzia ma, adesso che sono adulta, vorrei vivere la mia vita. Mi sta impedendo di vivere davvero” (E. Somer, L. Somer and D.S. Jopp, “Parallel Lives: a Phenomenological Study of the Lived Experience of Maladaptive Daydreaming”, Journal of Trauma and Dissociation, 2016).

Elaborare le paure

Ma che cosa sognano, esattamente, questi “super-sognatori”? I contenuti sono vari e altamente idiosincratici, ma è possibile individuare alcuni temi ricorrenti. Molti soggetti riferiscono di elaborare diverse trame contemporaneamente, passando dall’una all’altra e sviluppandole all’infinito, come le puntate di un telefilm. Molte di queste “storie” hanno a che fare con la famiglia e le relazioni: “Sogno di una famiglia, in particolare di un fratello e di una sorella di circa 17 anni, entrambi molto belli e di successo, che sono l’uno per l’altra migliori amici. Hanno moltissimi amici e si vogliono davvero bene, qualcosa che non ho mai provato nella realtà”. Queste fantasie tendono ad avere una valenza compensativa, così come quelle che hanno per oggetto lo status personale dell’individuo: “Il primo ricordo che ho è un sogno a occhi aperti in cui sto salvando qualcuno. Penso che fossi in prima o seconda elementare, e immaginavo che qualcosa di terribile succedesse ai miei compagni di classe, e io li salvavo, e ancora oggi mi capita di fantasticare su questo tipo di situazioni” (Ibidem). 
Anche se potrebbe apparire paradossale, non è infrequente che i “sognatori” elaborino trame a contenuto depressivo, o avversativo: “A volte sento il bisogno di immaginare situazioni negative per suscitare un certo tipo di sentimento dentro di me, che ovviamente non è positivo, ma lo faccio lo stesso. È un’altra delle dipendenze indotte dal fantasticare. Ci sono personaggi, nei miei sogni a occhi aperti, che non mi piacciono per niente, e io li rendo, tipo, il più odiosi possibile”. La peculiarità di questi sogni “negativi” è che risultano comunque gradevoli: un fenomeno che è stato definito “masochismo benigno” e che consiste nel provare piacere sentendo paura, angoscia o tristezza ma in condizioni di serenità e sicurezza. Come quando guardiamo un buon thriller, o un film che ci commuove. Anche in questo caso, il sogno a occhi aperti disadattivo nasce come una normale, comune forma di attività mentale che a un certo punto diventa pervasiva, riducendo in maniera anche significativa la qualità di vita della persona. Come in tutte le forme di dipendenza, il temporaneo sollievo ricavato dal sogno rende più tollerabile una realtà spesso vissuta come insoddisfacente, ma proprio per questo indebolisce la motivazione e, quindi, la potenzialità di un cambiamento.


© Daria Zaseda - iStock/dzoils.net

LOCKDOWN E SALUTE PSICOLOGICA

Si stima che il 38% della popolazione generale soggetta a restrizioni durante la pandemia da Covid-19 abbia sperimentato livelli elevati di stress psicologico sotto forma di paura e ansia, sintomi ossessivo-compulsivi, disturbi del sonno, ansia fobica, ipersensibilità e stress post-traumatico. Questi effetti sono risultati ancora più drammatici nella popolazione clinica, e le persone con sintomi di MD non fanno eccezione. Secondo uno studio pubblicato a novembre dello scorso anno, lockdown e distanziamento sociale hanno incrementato la frequenza e l’intensità del sogno a occhi aperti disadattivo, così come del gioco d’azzardo in rete, dell’uso problematico dello smartphone e del consumo di alcol (E. Somer et al., “Heightened Levels of MD are Associated with Covid-19 Lockdown, Pre-existing Psychiatric Diagnosis, and Intensified Psychological Dysfunctions: a Multi-country study”, Frontiers in Psychiatry, 2020). 

IL RIMEDIO: QUI E ORA

La Mindfulness è una pratica terapeutica derivata dalla meditazione Buddista (Kabat-Zinn, 2013) che ha dimostrato efficacia in relazione a diversi disturbi psicologici. Incentrata sulla capacità di “stare nel qui e ora”, la Mindfulness si configura come naturale antagonista a quel divergere dell’attenzione che è precondizione del Maladaptive Daydreaming. La pratica di questo tipo di meditazione risulta associata, fra le altre cose, a una significativa riduzione nell’uso di alcol, marijuana e cocaina-crack, e può dunque rappresentare un utile ausilio per contrastare la dipendenza da sogno a occhi aperti disadattivo. La Mindfulness può essere appresa seguendo un training, preferibilmente all’interno di un percorso psicoterapeutico integrato, che garantisca cioè la presa in carico non solo del singolo sintomo (che peraltro tende a presentarsi in comorbilità con sintomi ossessivo-compulsivi e dissociativi, e con deflessione del tono dell’umore), ma della persona nel suo insieme.

 

© Daria Zaseda - iStock/dzoils.net
Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved