Svizzera

Altro forte aumento degli affitti, ben oltre l’inflazione

Progressioni più elevate della media vengono osservate a Zurigo (+5,7%), nella Svizzera centrale (+5,4%) e nella Svizzera orientale (+4,9%)

Chi affitta chi compra
(Ti-Press)
9 gennaio 2024
|

Gli affitti sono fortemente aumentati in Svizzera nel 2023: le pigioni degli appartamenti nuovi o nuovamente affittati – si parla solo di quelle, non dei contratti in essere – sono progredite del 4,4%, ben oltre l'inflazione, quindi, che si è attestata al 2,1%.

È la fotografia del mercato immobiliare elvetico scattata in settembre dallo Swiss Real Estate Offer Index, un indice basato sugli annunci immobiliari: "Dopo che per molti anni il livello degli affitti richiesti in Svizzera si è mosso lateralmente, nell'ultimo biennio è stato registrato un massiccio aumento dell'8,6%", afferma Martin Waeber, direttore di Smg Swiss Marketplace Group, citato in un comunicato.

Sussistono anche importanti differenze regionali: progressioni più elevate della media vengono osservate a Zurigo (+5,7%), nella Svizzera centrale (+5,4%) e nella Svizzera orientale (+4,9%), mentre la zona del Lemano (+4,3%) è in linea con la media nazionale. La crescita di gran lunga più bassa è stata registrata in Ticino (+0,5%).

Chi pensa di sfuggire agli aumenti degli affitti acquistando casa rischia di finire dalla pentola alla brace, perché il costo rimane proibitivo, perlomeno per talune fasce di popolazione. Stando sempre allo Swiss Real Estate Offer Index il prezzo degli appartamenti in Svizzera è lievitato del 2,6% nel 2023, mentre quello delle case è sceso dello 0,7%: ciò significa che, per la prima volta in oltre dieci anni, l'andamento dei prezzi di queste due forme di proprietà si è mosso in direzioni opposte. Anche in questo caso va peraltro ricordato che si parla di quanto richiesto dai rivenditori: non si tratta quindi di ciò che viene effettivamente iscritto nei rogiti.

"I venditori di appartamenti puntano sul fatto che i potenziali acquirenti comprino un'unità condominiale a prezzi accessibili, piuttosto che una casa unifamiliare, il che significa che questa forma di proprietà rimane molto ricercata", osserva Waeber. I prezzi delle case a sé stanti hanno apparentemente raggiunto il loro picco per il momento: il loro livello molto elevato, unito al notevole aumento dei costi di finanziamento, sta portando a un calo della domanda. Inoltre l'acquisto di una casa è spesso accompagnato da una notevole necessità di investimenti, ad esempio nel settore delle ristrutturazioni energetiche, cosa che può rendere ancora più difficile la decisione di comprare l'alloggio.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE