ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
16 ore

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
18 ore

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
20 ore

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
21 ore

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
23 ore

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
09.12.2022 - 16:59
Aggiornamento: 17:33

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale

Ats, a cura di Red.Web
con-la-ue-la-via-bilaterale-resta-la-piu-vantaggiosa
Ti-Press
Unione europea

Nelle relazioni con Bruxelles, la via bilaterale rimane la soluzione più vantaggiosa per la Confederazione. È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Svizzera-Ue adottato dal Consiglio federale, con riserva dei risultati della consultazione delle Commissioni della politica estera delle Camere federali.

Il documento contiene un’analisi delle attuali relazioni bilaterali tra le due parti e un bilancio dei colloqui esplorativi con l’Unione europea, precisa il governo in una nota, riconoscendo l’importanza sia della Ue come attore globale sia, per la Svizzera, del mercato interno dell’Unione europea e dei vari programmi di cooperazione.

L’Ue è il principale partner commerciale della Svizzera, che a sua volta è il quarto partner dell’Unione europea. Entrambe condividono gli stessi valori fondamentali, prosegue l’esecutivo, sostenendo che la politica europea è una politica di difesa degli interessi e che gli interessi della Svizzera coincidono con quelli dell’Europa. Nell’attuale situazione globale segnata da molteplici crisi, relazioni sicure e stabili tra la Svizzera e l’Ue diventano ancora più importanti, poiché garantiscono prosperità e stabilità per entrambe le parti, puntualizza il Consiglio federale.

Diverse le opzioni: una per ora la scelta

Il rapporto traccia un bilancio intermedio della via bilaterale ed esamina le attuali opzioni della Svizzera in materia di politica europea sulla base di quattro criteri di valutazione: accesso al mercato interno, opportunità di cooperazione, margine di manovra politico e fattibilità della politica estera.

Nel documento vengono vagliate diverse opzioni possibili per la Confederazione – libero scambio, proseguimento della via bilaterale, adesione allo Spazio economico europeo e adesione all’Ue – e il Consiglio federale giunge alla conclusione che la via bilaterale rimane la migliore soluzione per Berna.

Colloqui esplorativi

Il rapporto prende atto che Svizzera e Ue sono riuscite a costruire un clima di fiducia negli scambi politici e, nelle tornate di colloqui esplorativi svolte di recente con la Commissione europea, a raggiungere un’intesa sull’approccio "a pacchetto" proposto dal Consiglio federale, grazie anche alle consultazioni tecniche.

Prima che la Svizzera e l’Ue possano riprendere i negoziati è necessario trovare una base comune sufficientemente ampia. I colloqui esplorativi devono quindi proseguire a ritmi intensi, conclude il governo, precisando che ha adottato il rapporto con riserva dei risultati della consultazione delle Commissioni della politica estera delle due Camere federali per tener conto del desiderio espresso più volte dal Parlamento di essere coinvolto maggiormente nella politica europea.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved