ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
50 min

Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna

Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 ora

Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle

Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
14 ore

Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio

Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
14 ore

Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni

Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
16 ore

Novembre si appresta a congedarsi con una notte gelida

Nelle Prealpi e nelle vallate alpine la colonnina di mercurio è infatti scesa ben al di sotto dello zero
Svizzera
19 ore

Benzina: lanciato un comparatore gratuito dei prezzi

Secondo il promotore, il Touring Club Svizzero, vale la regola del cinque: occhio infatti ai chilometri percorsi e ai litri del pieno
Svizzera
20 ore

Consiglio federale: Herzog (Ps) e Rösti (Udc) i più amati

Un sondaggio guarda ai candidati preferiti dagli elettori in vista delle elezioni di dicembre per sostituire i dimissionari Sommaruga e Maurer
Svizzera
1 gior

Le Forze aeree svizzere in addestramento nel Regno Unito

Beneficiano di condizioni difficili da trovare in Svizzera, come ampie aree di volo vicino al mare e regioni scarsamente popolate
20.09.2022 - 13:07
Aggiornamento: 20:24

No degli Stati all’esenzione dal canone radio-tv per le Pmi

La Camera dei Cantoni ha respinto un’iniziativa in merito del consigliere nazionale ticinese Fabio Regazzi

Ats, a cura di Red.Web
no-degli-stati-all-esenzione-dal-canone-radio-tv-per-le-pmi
Keystone

Tutte le imprese, grandi o piccole, devono continuare a pagare il canone radiotelevisivo in base al fatturato. Ne è convinto il Consiglio degli Stati che ha respinto (27 voti a 14 e 4 astensioni) un’iniziativa parlamentare di Fabio Regazzi (Centro) volta a esentare le piccole e medie imprese da questo balzello. Il dossier è archiviato. Pur essendo stata accolta dal Consiglio nazionale lo scorso marzo per 119 voti a 71 e 3 astenuti, l’iniziativa Regazzi – che voleva esentare dal canone le aziende con meno di 250 dipendenti – non aveva alcuna chance di superare lo scoglio degli Stati, tenuto conto della raccomandazione (8 voti a 4 e una astensione) negativa della sua commissione preparatoria e del rapporto di forze in quest’aula.

Secondo la maggioranza del plenum, il legislatore si è già pronunciato a più riprese a favore dell’attuale sistema che assoggetta tutte le imprese con un fatturato superiore a mezzo milione di franchi al canone. In caso di attuazione dell’iniziativa, le mancate entrate dovrebbero essere coperte dalle famiglie, ha spiegato a nome della commissione Olivier Français (Plr). L’iniziativa Regazzi, a suo avviso, impedirebbe inoltre alla Ssr di ottemperare al mandato pubblico conferitole dal legislatore. In ogni caso, ha aggiunto il "senatore" vodese, il popolo potrebbe ancora doversi esprimere: l’Udc sta infatti raccogliendo le firme per la sua iniziativa popolare che vorrebbe ridurre il canone a 200 franchi per tutti (ora poco più di 300 franchi per economia domestica).

A nome di una minoranza, Marco Chiesa (Udc) ha sostenuto che l’attuale sistema, entrato in vigore all’inizio del 2019, pesa enormemente sulle aziende, specie quelle medio-piccole, poiché fa dipendere l’ammontare del canone dal fatturato globale. Ci sono quindi aziende che, a fronte di ricavi per 20 milioni di franchi l’anno, devono pagare ora 6mila franchi invece dei 218 franchi dovuti col vecchio sistema. Un argomento già sviscerato dallo stesso Regazzi, tra l’altro presidente dell’Unione svizzera delle arti e mestieri, alla camera del popolo la scorsa primavera. Stando al deputato ticinese, a capo di un’azienda con 140 collaboratori, il canone in funzione del giro d’affari è fonte di gravi difficoltà per le piccole società che, pur facendo registrare un elevato fatturato, hanno in realtà esigui margini di utile.

Stando a Chiesa, insomma, il nuovo sistema di imposizione ha determinato un incremento esponenziale, mai registrato finora, di questa "tassa". Un "sì" all’iniziativa, secondo il presidente dei democentristi, sarebbe un gesto concreto nei confronti delle Pmi confrontate a un avvenire incerto dopo i danni causati dalla pandemia di coronavirus e, ora, con l’aumento dei costi dell’energia e dell’inflazione, tutti fenomeni che potrebbero preludere a una recessione. Quanto ai mancati introiti per l’ente radiotelevisivo pubblico, tale ammanco potrebbe venir compensato grazie al forte aumento della popolazione residente in Svizzera, ha concluso Chiesa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved