ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
2 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
3 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
20 ore

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
22 ore

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior

Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)

Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior

Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera

Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
Svizzera
1 gior

Influenza aviaria in azienda, disposte misure in tutto il Paese

Divieto di mercati ed esposizioni di pollame, prescrizioni igieniche e protezione del pollame dagli uccelli selvatici fra le disposizioni emanate da Berna
Svizzera
1 gior

In Svizzera ancora troppi investimenti nei combustibili fossili

Se da una parte ci sono stati progressi per il raggiungimento degli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi, ci sono ancora margini di miglioramento
Svizzera
1 gior

Sempre più fotovoltaico in Svizzera

Per favorire il trend positivo, nel 2023 saranno disponibili 600 milioni di franchi per la promozione del fotovoltaico
nucleare
11.09.2022 - 20:53

7 domande sulle scorie radioattive

La Nagra ha deciso, scegliendo Lägern Nord. Ma il cammino è ancora lungo. Alcune risposte per capire meglio

Ats, a cura di Red.Svizzera
7-domande-sulle-scorie-radioattive
(Keystone)

Se ne discute da cinquant’anni, ma ora ci siamo: la Società cooperativa nazionale per l’immagazzinamento di scorie radioattive (Nagra) ha deciso la regione in cui si prevede lo stoccaggio definitivo di tali rifiuti. In ‘lizza’ c’erano il Giura orientale (Bözberg, Argovia), un’area di stoccaggio a nord definita Nördlich Lägern (tra Argovia e Zurigo) oltre alla regione a Nordest della stessa Zurigo (Weinland, Zurigo-Turgovia). Sabato si è infine deciso – non senza polemiche – per la seconda ipotesi, quella di Lägern Nord.

A cosa serve un magazzino di stoccaggio in profondità?

Le scorie radioattive derivano dalla produzione di energia presso le centrali nucleari, ma anche da alcune attività mediche, industriali e di ricerca. Questi rifiuti altamente radioattivi non dovrebbero essere depositati a lungo in superficie, perché nessuno può prevedere i cambiamenti geologici e sociali dei prossimi secoli, dunque non si può sapere cosa accadrebbe a queste scorie in caso di una guerra o delle conseguenze del cambiamento climatico. La soluzione più sicura è insomma quella di andare a ‘nascondere’ questo materiale a diverse centinaia di metri di profondità. Per un’operazione del genere, in Svizzera lo strato geologico più indicato è quello costituito da argilla opalina, una roccia di colore grigio scuro.

Quanto sono pericolose le scorie?

Parecchio:. L’esposizione alle loro radiazioni costituisce un pericolo immediato per gli uomini e l’ambiente, anche dopo decine di migliaia di anni. Basta il contatto con quantità molto piccole per rischiare lo sviluppo di tumori e danni al patrimonio genetico.

Per quanto dovrebbe essere operativo il nuovo deposito?

Il deposito in profondità deve garantire la protezione del materiale radioattivo per decine, addirittura centinaia di migliaia di anni, nell’attesa che la radioattività decada. Ad esempio il plutonio 239, utilizzato anche per la costruzione di armi nucleari, richiede 24mila anni prima che la sua radioattività si dimezzi.

E oggi dove mettiamo le scorie?

Per adesso le conserviamo in depositi sulla superficie terrestre, sia presso le centrali che in un paio di depositi temporanei nel Canton Argovia.

Perché non si attende lo sviluppo di nuove tecnologie?

La cosiddetta trasmutazione delle scorie nucleari potrebbe in teoria accorciare la durata dell’attività radioattiva di questi materiali, portandola da decine di migliaia di anni a ‘solo’ alcuni secoli. Secondo l’Ispettorato federale della sicurezza nucleare, però, si tratta di uno scenario irrealistico. E anche se si potesse presto realizzare una trasmutazione ‘in grande stile’, resterebbero comunque scorie da stoccare in profondità.

Cosa fanno gli altri Paesi con le loro scorie?

In Europa si stima siano già presenti 60mila tonnellate di scorie a elevata radioattività, perlopiù – come in Svizzera – in depositi di superficie. Non si trova oggi, da nessuna parte nel mondo, un deposito in profondità. In questo senso, la nazione più avanti coi lavori è la Finlandia, che sta costruendo un deposito sull’isola Solikuoto, a 500 metri di profondità: dovrebbe diventare operativo tra il 2024 e il 2025. La Svezia e la Francia, a loro volta, hanno già individuato i luoghi in cui realizzare le loro strutture.

La scelta del luogo di stoccaggio costituisce l’ultimo ‘via libera’ prima della costruzione definitiva?

No. La discussione proseguirà, ed è ancora oggetto di polemiche la collocazione della cosiddetta "cella calda", in cui il materiale radioattivo può essere manipolato e ‘impacchettato’ a distanza tramite l’ausilio di robot. Il governo zurighese ha già detto che si opporrebbe alla costruzione di una stanza schermata di questo tipo sul territorio del cantone: questa infrastruttura andrebbe costruita altrove, "secondo il principio della ripartizione degli oneri", anche nel caso in cui il deposito in profondità venisse realizzato proprio a Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved