29.08.2022 - 12:44
Aggiornamento: 14:04

Covid-19, nel 2020 è stata la terza causa di morte in Svizzera

Al primo posto si trovano le malattie cardiovascolari seguite dai tumori. I decessi totali sono stati il 12,4% in più rispetto al 2019

Ats, a cura di Red.Web
covid-19-nel-2020-e-stata-la-terza-causa-di-morte-in-svizzera
Ti-Press

Nel 2020, con una quota del 12,2% dei decessi, il Covid-19 è stata la terza causa di morte in Svizzera, dopo le malattie cardiovascolari (26,9%) e i tumori (22,2%). Lo ha comunicato oggi l’Ufficio federale di statistica (Ust).

In un anno normale in Svizzera si verificano circa 70’000 decessi: nel 2020, caratterizzato dalla pandemia, se ne sono verificati 76’195, il 12,4% in più rispetto al 2019, sottolinea l’Ust.

Decessi per Covid più frequenti tra gli uomini

La mortalità dovuta al Covid-19 è stata maggiormente riscontrata tra gli uomini (52,7%) rispetto alle donne (47,3%). "La differenza tra i sessi è particolarmente evidente nella fascia di età tra 0-64 anni. In questo gruppo, il 72,4% dei decessi è avvenuto tra gli uomini e il 27,6% tra le donne", sottolinea l’Ust.

A morire a causa del Covid-19 sono state soprattutto le persone di oltre 65 anni (8’982) rispetto alla fascia di età 0-64 (312). L’età media era di 82,2 anni tra gli uomini e di 86,2 tra le donne.

Nel complesso nell’anno in rassegna – sottolinea l’Ust – sono decedute 8’739 persone della fascia di età dai 65 anni in su in più rispetto a quanto previsto (+46,95%) e 301 in più in quella da 0 a 64 anni (+11,7%).

Diminuzione di morti per tumori

Negli ultimi dieci anni sono decedute sempre meno persone. Tra il 2010 e il 2019 il tasso di mortalità dei tumori è diminuito per gli uomini del 23,2% e per le donne dell’11,6%. Rispetto al 2019, ciò rappresenta un ulteriore calo del 3,3% sia per gli uomini (-98 decessi) che per le donne (-164 decessi).

Anche il tasso di mortalità per malattie cardiovascolari è diminuito negli ultimi dieci anni: del 41,3% per gli uomini e del 32,7% per le donne. Tuttavia nel 2020 è leggermente aumentato rispetto al 2019, del 2,3% per gli uomini (+454 decessi) e dello 0,1% per le donne (+156 decessi).

Secondo l’Ust negli ultimi dieci anni si è assistito a una leggera diminuzione del tasso dei suicidi. Nel 2010, per ogni 100’000 persone di ciascun sesso era di 16,5 per gli uomini e 6,2 per le donne e nel 2019 di 14,6 per gli uomini (742 uomini) e 5,3 per le donne (276 donne). Nel 2020 si sono tolti la vita 696 uomini e 276 donne. Ciò corrisponde a un tasso di suicidio pari a 13,7 uomini e 5,4 donne ogni 100’000 abitanti. Questo significa che rispetto all’anno precedente per gli uomini il numero di suicidi è diminuito del 6,2%, mentre per le donne è rimasto esattamente lo stesso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved