ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
15 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
18 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
19 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
20 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
20 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
21 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
1 gior

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
2 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
2 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
3 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
3 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
3 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
3 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
Svizzera
3 gior

Caduta mortale per un ciclista 76enne a Dättlikon

L’incidente si è verificato ieri sera poco prima delle 19. A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo
Svizzera
3 gior

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica
Svizzera
3 gior

Automobilista trovato esanime in mezzo alla strada

Forse un malore la causa del decesso dell’uomo, rinvenuto privo di vita nel pomeriggio sulla strada tra Ginevra e Vésenaz
Svizzera
3 gior

Lavrov: ‘La Svizzera torni a essere neutrale’

È la richiesta formulata dal ministro degli esteri russo in occasione dell’incontro con Ignazio Cassis ieri a New York
Svizzera
3 gior

Metà degli svizzeri pronta a consumare meno energia

Le più propense ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci sono le donne. La doccia al posto del bagno misura di risparmio più gettonata
Svizzera
3 gior

La Protezione civile ‘corteggia’ le donne

Dopo l’esercito, anche la Pc punta ad allargare i suoi ranghi: presentata una campagna informativa per servizio volontario femminile
Svizzera
3 gior

Tribunale penale federale di Bellinzona, risorse insufficienti

Il fabbisogno in seno alla Corte d’appello è stato sottostimato. È quanto emerge dall’indagine delle Commissioni della gestione del Parlamento
Svizzera
3 gior

I terroristi non verranno espulsi verso Paesi a rischio

Questo perché va contro la Costituzione e il diritto internazionale. Respinta quindi dal Consiglio nazionale la mozione di Fabio Regazzi
Svizzera
4 gior

La Confederazione faccia la sua parte nel rinvio degli stranieri

Sull’esempio del centro asilanti provvisorio di Rancate, la legge adottata permette di avere le basi legali per eventuali altri sostegni finanziari
Svizzera
4 gior

Ticino, ‘sì’ a sovranità alimentare e referendum finanziario

I due oggetti, votati e accettati nel 2021, sono conformi al diritto federale. A dirlo gli Stati settimana scorsa e ora anche il Consiglio nazionale
Svizzera
4 gior

Asini, muli e bardotti non vanno trattati come cavalli

Una mozione al Nazionale chiede di adeguare le norme sulla detenzione e l’alimentazione in base alle specifiche caratteristiche di questi equini
Svizzera
4 gior

Il rafforzamento delle rinnovabili all’esame degli Stati

La commissione preparatoria intende andare anche oltre il progetto governativo dando priorità all’approvvigionamento rispetto agli interessi ambientali
Svizzera
4 gior

Grigioni, un drenaggio per rallentare la frana di Brienz

Lo propone il governo retico. Il costo per la realizzazione di un cunicolo di drenaggio è stimato a 40 milioni di franchi
17.08.2022 - 05:10
Aggiornamento: 08:27

La questione ‘woke’ tra realtà e strumentalizzazioni

Il termine americano è spuntato nei discorsi Udc dopo la censura di un concerto reggae. Ma le cose sono più complesse, ci spiega il sociologo Cattacin

la-questione-woke-tra-realta-e-strumentalizzazioni
I ‘Lauwarm’, la band al centro della polemica (Keystone)

In principio era il politically correct. Poi sono arrivati il gender e la cancel culture. Ora è tempo di woke, l’ennesima etichetta d’importazione americana utilizzata (anche) da questa parte dell’Atlantico per denunciare le presunte derive della sinistra progressista e ‘multikulti’.

Il termine "woke" designerebbe il fatto di essere "svegli", "all’erta" di fronte agli episodi di discriminazione verso qualsivoglia minoranza. Popolarizzata dal movimento Black Lives Matter in relazione alle denunce di razzismo e sessismo sistemico, la parola ha però ormai perso completamente la sua connotazione iniziale – positiva o perlomeno neutra – ed è diventata un dispregiativo: sei "woke" se te ne stai sempre col ditino puntato, se basta una parola infelice o il nome d’un dolce (ad esempio le ‘Teste di moro’) a farti denunciare chissà quale oltraggio, magari mettendo alla gogna il prossimo sui social o nelle università.

Paradossalmente, questa connotazione negativa faceva già capolino da un vecchio e virale discorso dell’ex presidente Usa Barack Obama, che nel 2019 ha detto a una platea di giovani attivisti: "Quest’idea di purezza, di non fare mai compromessi e di essere sempre politicamente ‘woke’ e così via… dovreste liberarvene alla svelta". Poi però la palla è rotolata a destra, e sono stati i conservatori a impugnare il termine contro i ‘liberal’, i progressisti che la narrazione repubblicana dipinge come iperurbani, intolleranti e viziati.

Il caso bernese

Da lì, restando dalla stessa parte dello spettro politico, la designazione ‘woke’ è arrivata in Europa e ora in Svizzera, dove a fare da detonatore è stato in particolare un episodio del 18 luglio scorso: alla Brasserie Lorraine di Berna alcuni spettatori, su un totale di una quarantina, hanno chiesto e ottenuto l’interruzione di un concerto dei Lauwarm, un gruppo reggae svizzero-tedesco, perché a loro dire il fatto di portare i dreadlock (le ‘treccine rasta’) essendo bianchi è una forma indebita di appropriazione culturale (va ricordato che nella tradizione giamaicana e afroamericana questo tipo di acconciatura rappresenta anche una reazione all’oppressione degli schiavisti, che costringevano i loro schiavi a rasarsi i capelli). Il caso è subito finito sui social.

Apriti cielo. Dichiarando "guerra all’ideologia woke", i Giovani Udc hanno subito sporto denuncia penale nei confronti degli organizzatori per quello che ritengono razzismo al contrario: "L’interruzione del concerto è l’unica cosa razzista veramente accaduta nella Brasserie Lorraine: i membri della band sono stati discriminati perché bianchi", si legge in un comunicato. Anche fuori dall’Udc il giudizio negativo su quella che appare una scelta assurda è stato pressoché unanime, ma è proprio nei discorsi del partito di Christoph Blocher che il tema è stato trattato con la massima intensità (mentre gli svizzeri correvano su Google a vedere cosa fosse questo woke: la ricerca del termine è quadruplicata a ridosso dei fatti, stando a Google Trends).

A poco sono valse le proteste del membro della band Dominik Plumettaz, che al ‘Blick’ ha dichiarato: "I Giovani Udc colgono l’occasione per conquistare elettori; ciò è completamente fuori luogo".

Cattacin: ‘L’ennesima decentralizzazione

A sentire l’Udc, il fenomeno non si limiterebbe a qualche anfratto della scena alternativa d’ultrasinistra. Secondo il presidente nazionale del partito Marco Chiesa, che ne ha parlato in un discorso del Primo d’agosto, ci si trova ad affrontare una "follia gender-woke", una "intolleranza rossoverde" tale da minacciare le fondamenta della libertà elvetica. Il presidente dei giovani Udc ticinesi Diego Baratti ha aggiunto che "ci troviamo di fronte a una nuova e inedita forma di tirannia e ora dobbiamo combattere un feroce conformismo intollerante, che agisce proprio in nome della tolleranza".

Ma davvero stiamo parlando di fenomeni d’una qualche ampiezza e importanza? Ne parliamo con Sandro Cattacin, professore di Sociologia presso l’Università di Ginevra.

Anche in Svizzera si comincia a parlare di intolleranza ‘woke’. Dobbiamo preoccuparci?

Quello cui stiamo assistendo è l’ennesimo episodio di una strumentalizzazione politica che la destra porta avanti da tempo. Certo, quanto accaduto a Berna è stato un cortocircuito, una stupidata che peraltro non tiene conto della natura della musica, di per sé fatta di contaminazioni globali: basti pensare che la musica popolare svizzera si deve anzitutto all’arrivo degli Jenisch nei Grigioni. E poi l’appropriazione culturale avviene quando si impedisce a qualcun altro di esprimersi – ad esempio, per assurdo, volendo impedire il reggae in Jamaica –, non quando si fa propria un’espressione culturale proveniente da altrove. Cosa che proprio col reggae avviene da decenni: basti pensare ai Pitura Freska che lo declinano in veneziano. Però è sbagliato utilizzare un singolo episodio di questo tipo per demonizzare gli avversari politici e fomentare le divisioni, peraltro utilizzando gli stessi messaggi e le stesse parole che abbiamo sentito in bocca a personaggi come Donald Trump e Vladimir Putin.

Quali sono le radici sociali di questo contrasto?

A partire dagli anni Settanta, anche la società svizzera ha visto affermarsi una cultura dell’individualità. Di conseguenza la diversità, che prima era repressa e andava tenuta nascosta, ha iniziato ad apparire non più come un problema, ma come una risorsa. Da lì arrivano le prime importanti battaglie per i diritti delle donne, dei disabili, degli omosessuali, dei migranti. Successivamente, le rivendicazioni di individui e minoranze sono evolute: non più il semplice "lasciatemi vivere" – con i molti ‘coming out’ di ogni tipo –, ma una richiesta attiva di considerazione e rispetto, nei fatti come nel linguaggio. La trasformazione si è sentita in modo particolare nelle città, che proprio da essa hanno tratto una grande spinta innovativa, non solo sul piano culturale ma anche su quello economico, visto che la valorizzazione della diversità genera anche innovazione.

E dove sta il problema?

Questo cambiamento ha investito il vecchio conservatorismo, facendo anche sentire una parte della popolazione insicura, minacciata nella sua precedente omogeneità, specie fuori dagli ambienti urbani: non è un caso che l’Udc, non trovando ascolto per i suoi messaggi nei centri, punti sulla contrapposizione tra città e campagna. In Svizzera, d’altronde, c’è una particolare polarizzazione tra ambienti estremamente aperti e creativi e altri estremamente conservatori.

Si tratta di paure legittime?

Questa apertura alla diversità – che necessariamente richiede un grande processo di apprendimento – può registrare anche errori, incomprensioni ed eccessi. Si può capire dunque un certo smarrimento, ma viverla come una minaccia è sbagliato: quelli che Alberto Melucci ha definito "altri codici", che conferiscono il diritto di vivere nella differenza e hanno trovato nelle realtà urbane la loro incubazione, non mettono a rischio la libertà e la dignità di nessuno. Anche perché l’alternativa, più che il ritorno allo Stato-nazione bianco e intriso di tradizionalismo, è la degenerazione nell’oppressione: come diceva John Rawls, solo l’autoritarismo ferma il cambiamento sociale.

Un altro ambito nel quale sono state denunciate presunte ingerenze ‘woke’ è quello linguistico: i giovani Udc, ad esempio, hanno invitato a boicottare l’Ubs, rea a loro dire di avere introdotto nei suoi uffici regolamenti linguistici ‘astrusi e dannosi’.

Occorre capire che la lingua esprime anche relazioni di potere. Ben venga dunque che sia a sua volta veicolo di un cambiamento all’insegna del rispetto. D’altronde mi pare che ormai quasi tutti abbiano introiettato almeno un certo grado di trasformazione e sensibilità: quasi nessuno utilizza certi termini offensivi che un tempo erano correnti per riferirsi a donne, disabili, minoranze, così come pochi racconterebbero certe barzellette razziste o antisemite. Anche nel caso della lingua si sta tornando, ormai da lungo tempo, dall’omogeneità alla diversità, che in Europa era andata perdendosi a partire dagli anni Venti del secolo scorso.

Secondo alcuni, però, ‘non si può più dire niente’.

Questa espressione così ricorrente mi fa sorridere, perché mi ricorda mia madre: ogni tanto le scappava una bestemmia e mio padre, che invece non ha mai detto neppure una parolaccia, la guardava sgranando gli occhi. Ecco allora che lei esclamava: "Non si può più dire niente!" Mi piace pensare che come in questo caso, anche in molti altri l’espressione riveli comunque un certo senso di vergogna, una consapevolezza più o meno inconscia del fatto che davvero dire certe cose è scorretto e irrispettoso.

Non c’è però un’intolleranza nel mondo progressista e multiculturale, fomentata in particolare dalle dinamiche tipiche dei social network?

Io trovo che in generale sia aumentata l’insofferenza, che poi trova sfogo in modo anche distruttivo in diverse forme e su diversi canali, inclusi i social network. Ma ancora una volta dobbiamo ricordarci che sono proprio certi discorsi divisivi, come quelli che usano il termine-ombrello ‘woke’ per demonizzare gli altri, che fomentando tale insofferenza incoraggiano involuzioni autoritarie nelle società occidentali.

PAROLE SCIVOLOSE

Appropriazione culturale

Esibendo i dreadlock pur essendo bianchi, due membri del gruppo reggae ‘Lauwarm’ sono stati accusati di ‘appropriazione culturale’ da alcuni avventori della Brasserie Lorraine, a Berna. Ma che cos’è davvero l’appropriazione culturale?

Lo spiega bene un recente approfondimento apparso sulla ‘Wochenzeitung’, che racconta come il termine abbia iniziato a circolare col lavoro del pittore e professore di storia dell’arte britannico Kenneth Coutts-Smith, il quale negli anni Settanta descrive la ‘cultural appropriation’ come la tendenza dell’Europa postcoloniale a fagocitare elementi provenienti dai vecchi imperi, nella pretesa di assimilarli dall’alto della sua presunta superiorità. In pratica si tratta di impossessarsi dell’altrui cultura, un po’ come si faceva un tempo con le opere d’arte (si pensi ai fregi del Partenone, trasferiti al British Museum da Lord Elgin all’inizio dell’Ottocento). Una tendenza che oggi viene identificata nell’uso irrispettoso di elementi provenienti da minoranze oppresse, secondo mode e comportamenti dettati da vecchi stereotipi.

L’espressione è poi stata applicata in campo musicale dal critico Greg Tate, che nel suo ‘Everything but the Burden’ (2003) ha descritto come molti musicisti bianchi si siano appropriati di sonorità e canzoni afroamericane, arricchendosi mentre i loro ispiratori e autori rimanevano nella miseria.

La critica all’appropriazione culturale si intreccia spesso a quella del capitalismo, giudicato da alcuni un sistema che mercifica tutto, anche la cultura, strappandola a chi la produce e mettendola nelle mani del migliore offerente.

A livello accademico la critica all’appropriazione culturale ha invece poco o nulla a che vedere con la pretesa di concedere ‘patenti di utilizzo’ d’una determinata cultura solamente a chi vi appartiene per nascita. Eppure è proprio contro questa pretesa che si lancia il presidente Udc Chiesa quando si chiede, nel suo discorso del primo d’agosto: "Solo i neri potranno suonare musica nera e portare pettinature afroamericane? Solo i ‘veri’ Svizzeri potranno cantare lo Jodel?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved