svizzera-ue-leu-firma-l-intesa-sul-contributo-di-coesione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
8 ore

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
8 ore

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
10 ore

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
10 ore

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
11 ore

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
1 gior

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
1 gior

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
1 gior

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
30.06.2022 - 19:09
Aggiornamento: 19:25
Ats, a cura de laRegione

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea

Recatasi oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni tra la Svizzera e l’Unione europea, la segretaria di Stato Livia Leu ne ha approfittato per firmare il memorandum d’intesa in merito al secondo contributo elvetico (1,3 miliardi di franchi spalmati su dieci anni) volto a ridurre le disparità tra gli Stati della comunità.

Con la firma del memorandum è stato raggiunto un ulteriore traguardo importante in vista di una rapida attuazione del contributo, si legge in una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae). Per l’Ue ha firmato il MoU, giuridicamente non vincolante ci tiene a sottolineare il comunicato, la segretaria generale della Commissione europea Ilze Juhansone.

Tira e molla per il contributo

Il 30 settembre scorso, dopo un lungo tira e molla, le Camere federali avevano sbloccato il contributo lanciando così un segnale all’Ue per il proseguimento e l’ulteriore sviluppo della via bilaterale, dopo la decisione del Consiglio federale di non firmare l’accordo istituzionale con Bruxelles a causa di alcuni aspetti delicati, come la questione dei "giudici stranieri", le misure collaterali a tutela del mercato del lavoro contro il dumping sociale e salariale, o gli aiuti di Stato.

Il MoU disciplina i punti chiave del secondo contributo, tra cui l’importo, la ripartizione tra i Paesi partner, le priorità tematiche, determinati principi di cooperazione e l’attuazione. I negoziati con i Paesi interessati dovrebbero proseguire speditamente e concludersi possibilmente entro la fine di quest’anno.

Un credito quadro di 1,047 miliardi di franchi

Il contributo elvetico comprende il credito quadro di 1,047 miliardi di franchi volto a sostenere la riduzione delle disparità economiche e sociali nei 13 Paesi che hanno aderito all’Ue nel 2004 (Ue-13). Un altro credito di 190 milioni è destinato invece a misure nel settore della migrazione anche ad altri Paesi dell’Ue, come l’Italia e la Grecia. Questi due crediti, sommati ai costi amministrativi – 65 milioni a carico di Berna – fanno sì che la spesa lieviti a 1,3 miliardi. Come per il primo contributo all’allargamento, anche il secondo contributo confluisce in progetti e programmi selezionati nei Paesi partner e non viene trasferito direttamente nei loro bilanci o all’Ue.

La presenza di Leu a Bruxelles aveva tuttavia come obiettivo principale un colloquio con Juraj Nociar, capo di gabinetto del vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic, circa l’approccio al nuovo pacchetto negoziale proposto da Berna – dove si spera tra l’altro di evitare clausole ghigliottina come per i Bilaterali I – dopo il fallimento dell’accordo quadro.

Questo terzo incontro si è tenuto dopo uno scambio di lettere tra la Svizzera e l’Ue. All’inizio di maggio, la Commissione europea aveva inviato una lettera a Leu con domande alle quali voleva risposte per iscritto. Secondo il Dfae, questa fase esplorativa ha lo scopo di sondare se ci sono basi sufficienti per avviare i negoziati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
contributo coesione livia leu unione europea
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved