principi-e-realta-la-migros-a-un-bivio
Keystone
Un lungo e complesso ‘processo di decisione democratica’ si concluderà tra due settimane
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 sec

Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse

La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
1 ora

La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata

Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
2 ore

Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici

Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
4 ore

Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi

L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
Svizzera
15 ore

Donna trovata morta nel lago di Zugo

La Polizia sta cercando di capire le cause del decesso. Incidente o vittima di un atto di violenza? Interrogato un uomo
Svizzera
16 ore

Passo del Susten, massi cadono su auto: un ferito grave

La frana si è verificata poco prima delle 14.30 a seguito di un violento temporale
Svizzera
17 ore

Oberland bernese, un treno deraglia a causa di un albero caduto

Nessuno è rimasto ferito e tutti i passeggeri sono stati evacuati. Nel frattempo, sempre nel canton Berna, è stato emesso un allarme inondazioni
Svizzera
17 ore

Inflazione frenata da controlli e protezionismo

Uno dei motivi è legato alle importazioni: ‘Quando il franco è forte, queste risultano più convenienti per i consumatori’, spiega Alexander Rathke del Kof
Svizzera
18 ore

Aeroporto di Zurigo: ‘Siamo pronti per l’estate’

Secondo lo scalo il personale è sufficiente per accogliere i numerosi viaggiatori previsti
Svizzera
18 ore

Pure quest’anno le fattorie si preparano al brunch del 1° agosto

Sono oltre 250 a partecipare, di cui 41 nella Svizzera italiana. L’appuntamento è organizzato dall’Unione svizzera dei contadini dal 1993
Svizzera
21 ore

Venti locomotive ‘targate’ Siemens per Ffs Cargo

Grazie alla loro dotazione, la capacità di trazione sarà aumentata, consentendo ai convogli di attraversare le Alpi senza motrici d’appoggio
Svizzera
23 ore

Ministro della salute italiano Speranza a colloquio con Berset

Al centro dell’incontro la pandemia di Covid, la distribuzione di vaccini ad altri Paesi e le sfide future per i rispettivi sistemi sanitari
Svizzera
23 ore

Da oggi, in 8’159 in rango e sull’attenti

Al via la scuola reclute estiva del 2022, che durerà fino al 4 novembre (18 settimane). Servizio in ferma continua per 1’532 militi
Svizzera
1 gior

Sospettato arrestato in Francia per un omicidio a Lucerna

Il corpo di un uomo era stato scoperto lo scorso 27 giugno in un’abitazione del quartiere di Reussbühl
Svizzera
1 gior

Scontro tra centauri sul passo del Bernina

Ad avere la peggio è stato un 50enne, trasportato all’ospedale di Coira in elicottero. Ferito anche un 29enne
Svizzera
1 gior

Prezzi degli immobili (per ora) immuni all’inflazione

Al momento attuale i tassi non sembrano avere particolari impatti sul costo per l’acquisto di un immobile. Piuttosto stabili anche gli affitti
Svizzera
1 gior

Metà delle economie domestiche svizzere è indebitata

Leasing dell’auto e bollette non pagate (un nucleo familiare su sei ne è stato confrontato) in cima alla classifica delle tipologie
Svizzera
1 gior

Detenuto rinvenuto morto nel carcere di Liestal

Dai primi accertamenti non dovrebbe esserci stato coinvolgimento di terzi. L’uomo, 30enne, era sospettato di omicidio
Svizzera
1 gior

C’è rischio di caduta: amaca ritirata dal mercato

Problemi alle cuciture intermedie delle cinghie per i set del modello ‘Rewind’, venduti da Coop tra l’8 marzo e il 17 giugno
commercio al dettaglio
21.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 10:15

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.

Un "processo di decisione democratica", in salsa federalista, come tradizione vuole in Svizzera. Ma anche – e non poteva essere altrimenti: in gioco prima che principi e identità vi sono lauti profitti – una campagna marketing in grande stile. Per tentare di convincere che alla fine, qualsiasi sia l’esito della storica votazione, tutti avranno "un ottimo motivo per brindare", per "gioire": naturalmente con una nuova birra Migros, alcolica (‘Oui’) per gli uni e analcolica (‘Non’) per gli altri. Salute, dunque!

I 2,28 milioni di socie e soci della Migros (104mila in Ticino) hanno ancora due settimane di tempo (fino al 4 giugno) per dire la loro: possono votare, via posta o nelle filiali, per mantenere o abolire il quasi centenario divieto – voluto dal fondatore Gottlieb Duttweiler – di vendere bevande alcoliche nei negozi e supermercati della loro cooperativa regionale. È l’atto finale di un complesso iter, avviato poco meno di un anno fa da cinque delegati Migros. I risultati saranno resi noto verso la metà di giugno. Dal 2023 le filiali, i ristoranti e i take away delle cooperative che dovessero aver accettato il cambiamento con una maggioranza dei due terzi, e solo questi, potranno mettere negli scaffali vino, birra e superalcolici; in tutti gli altri, il divieto resterà in vigore. Nei primi la clientela potrà trovare in particolare la birra ‘Oui’ (alcolica), nei secondi la variante analcolica (‘Non’) della stessa birra.

Chi ci perde, chi ci guadagna

Non è una partita ‘win-win’, dove nessuno ha da perderci. Checché ne dica la Federazione delle cooperative Migros (Fcm), alla fine qualcuno ci rimetterà. E qualcun altro ci guadagnerà. Per le persone dipendenti da alcol, o che lo sono state, fa una differenza enorme. "Alla Coop o al Denner evito certi angoli. Perché so che lì ci sono alcolici che potrebbero invogliarmi all’acquisto", ha raccontato al ‘Blick’ un 67enne ex alcolista. "La Migros è un’isola protetta", dice un 45enne astemio da pochi mesi in un reportage andato in onda su radio Rts. Medici specialisti in dipendenze, psicologi, organizzazioni per la tutela della salute (come le oltre 40 riunite in seno all’Alleanza per la salute in Svizzera) concordano: l’offerta crea la domanda, e la Migros resta una zona sicura di grande importanza per coloro che – affrancatisi dall’alcolismo, o tuttora dipendenti – tentano faticosamente di riconquistare la propria quotidianità.

Anche per la stessa Migros fa una bella differenza. Gli svizzeri bevono in media più di 50 litri di birra all’anno, 31,5 litri di vino e 3,8 litri di distillati. Per il gruppo, poter vendere alcolici anche nelle sue filiali (oltre che online, come già fa; o ad esempio alla Denner, di sua proprietà) sarebbe alquanto conveniente: il fatturato lieviterebbe di circa 900 milioni l’anno, secondo ‘Le Temps’; l’ex direttore finanziario della Fcm Mario Bonorand conta su una crescita addirittura di 1,5-2 miliardi se il divieto fosse revocato.

Accaparrarsi una fetta del lucrativo commercio di alcolici in Svizzera (oggi dominato da Coop e Denner): è soprattutto questo che stuzzica l’appetito ai piani alti della Fcm e nelle regioni. Tutte le amministrazioni delle 10 cooperative regionali, quasi tutti i consigli di cooperativa regionali, così come l’amministrazione della stessa Fcm, si sono espressi a favore del cambiamento. La fronda interna è capitanata dall’ex direttore di Migros Herbert Bolliger e dall’ex capo-lobbista del gigante arancione Martin Schläpfer: assieme ad altri ex quadri, pensionati e no, hanno fondato il ‘Gruppo per i valori-M’. Secondo la ‘SonntagsZeitung’, Bolliger sarebbe stato tacciato di "traditore" a causa della sua battaglia per ‘salvare l’anima’ del marchio che ha diretto dal 2005 al 2017 (quando, detto en passant, si attirò l’accusa di traditore per ragioni opposte, dopo che Migros acquistò Denner, facendone la sua punta di diamante nella partita giocata con Coop sul mercato della vendita di alcolici…).

Pro e contro

Tutela della salute, sete di profitti: non sono le uniche argomentazioni addotte da contrari e favorevoli alla revoca del divieto. La questione scalda gli animi, dentro e fuori la Migros. Per i partigiani dello statu quo, si tratta di una questione di identità: molti si identificano con la Migros proprio perché non vende alcolici; intaccarne i valori fondanti – rimettere in discussione la volontà di ‘Dutti’ – sarebbe "mortale per la fiducia dei clienti" (Bolliger). Migros, per giunta, vende già alcolici al di fuori delle proprie filiali; estendendo l’offerta, si rischia di cannibalizzare in particolare Denner e di dover ridurre l’assortimento, oltretutto senza alcun guadagno di immagine in cambio.

I fautori della ‘rivoluzione’ controbattono: i tempi sono cambiati; lo stesso Duttweiler lo aveva ammesso già nel 1948, aprendo alla vendita di vino. Oggi ai loro occhi il divieto appare come "una paternalistica tutela della clientela", si legge sul sito web della Migros. È anche una questione di credibilità: "l’ipocrisia" di Migros, che non ha alcolici sugli scaffali dei suoi negozi ma li vende direttamente online e indirettamente grazie a Denner e Migrolino, non contribuisce certo a preservare la sua reputazione. Anziché aggrapparsi al "mito", sarebbe "più onesto" e "più credibile" abolire il divieto e "adattare i nostri statuti alla realtà", dichiara in un’intervista pubblicata sul sito della Migros Renata Georg, tra i cinque delegati che hanno avviato il dibattito. E poi la clientela preferisce acquistare tutto in un unico luogo, senza doversi recare altrove per procurarsi birra, vino o distillati.

Non è facile fare pronostici. Un sondaggio indica che una maggioranza degli svizzeri (non dei soci Migros, però) sarebbe contraria alla revoca del divieto. L’asticella però è posta in alto: raggiungere la maggioranza dei due terzi sarà tutt’altro che agevole. "Migros rischia uno scenario a macchia di leopardo", avverte il ‘Tages-Anzeiger’: alcune cooperative regionali potrebbero dire sì, altre no. "La Migros diventerebbe più complessa e più confusa", secondo Bolliger. Comunque non tanto – crediamo – da far rigirare Duttweiler nella tomba, come ha scritto il ‘Tagi’. O da impedire al ‘mitico’ Dutti di accomodarsi meglio nel suo sepolcro per gustarsi un buon bicchiere di vino. In ogni caso, Prost! Salute!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
birra divieto migros vendita vino votazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved