con-le-sanzioni-alla-russia-siamo-in-tutt-altra-dimensione
Keystone
Nuova stagione di sanzioni in Svizzera
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
8 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
8 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
9 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
10 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
12 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
13 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
14 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
15 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
16 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
1 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
1 gior

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
1 gior

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
1 gior

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
2 gior

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
2 gior

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
2 gior

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
2 gior

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
laR
 
05.04.2022 - 09:12
Aggiornamento: 11:08

‘Con le sanzioni alla Russia siamo in tutt’altra dimensione’

Emmanuel Genequand, di PwC Svizzera, spiega portata e problemi in Svizzera dei provvedimenti adottati in relazione alla guerra in Ucraina

Basi legali incerte, problemi di applicazione, ripartizione dei compiti non chiara tra Confederazione e cantoni, reale o presunta arbitrarietà nei confronti di attori economici russi non vicini al presidente Vladimir Putin. Il regime sanzionatorio che la Svizzera ha ripreso dall’Ue in relazione alla guerra in Ucraina è oggetto di critiche. La Commissione della gestione del Consiglio nazionale ha deciso di avviare indagini sull’operato del Consiglio federale e dell’amministrazione federale, ha riferito il ‘SonntagsBlick’. ‘laRegione’ ne ha parlato con Emmanuel Genequand, responsabile dei servizi Regulatory & Compliance della società di consulenza PwC Svizzera.

Signor Genequand, trova giustificate le critiche rivolte in particolare alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) e ai cantoni?

Non proprio. Tutto è stato fatto sulla base della Legge sugli embarghi, attraverso un’ordinanza del Consiglio federale. Come tradizionale vuole. Poi il contenuto delle singole ordinanze – ne sono state emanate 15-20 finora – può variare, perché esistono diversi tipi di sanzioni economiche: restrizioni al commercio e all’esportazione, divieti di entrata e transito per determinate persone, oppure il blocco degli averi finanziari e non finanziari. Ma il problema, con queste sanzioni finanziarie nei confronti della Russia, deriva piuttosto dal fatto che sono estese e che configurano una situazione con la quale in passato non siamo praticamente mai stati confrontati.

In che senso?

Prenda l’ordinanza del 2015 che istituisce provvedimenti contro il Burundi. Abbiamo un certo numero di persone sulle liste delle persone sanzionate, ma niente a che vedere con le centinaia che figurano su quella lista allestita in relazione alla guerra in Ucraina. Inoltre il Burundi – così come molti altri Stati finora colpiti da sanzioni – non ha legami stretti con la Svizzera, a differenza della Federazione russa. Per farla breve: tradizionalmente, le sanzioni finanziarie in Svizzera riguardavano essenzialmente patrimoni di privati custoditi dalle banche; queste erano e sono equipaggiate per identificare i conti in questione, bloccarli e annunciarli alla Seco. Con la Russia invece ci troviamo in tutt’altra dimensione. Parliamo sempre di risorse finanziarie tradizionali (depositi bancari, ecc.), ma anche di numerose imprese – alcune con filiali in Svizzera – e individui che possiedono diversi tipi di fondi e beni nel nostro Paese: proprietà immobiliari e di altro genere, titoli societari e via dicendo. Siamo lontani da quanto la Svizzera era abituata. Il fatto che Svizzera e Russia abbiano relazioni strette e diversificate – che non poche amministrazioni pubbliche e società finora ignoravano di avere – rende le cose estremamente complicate.

Molti cantoni hanno apparentemente un atteggiamento non proattivo. Anche perché ritengono traballante la base legale. Timori giustificati?

Nel suo promemoria ai cantoni, la Seco in sostanza dice che gli uffici del registro di commercio non hanno granché da fare. Per contro, quelli del registro fondiario devono informare immediatamente se sono a conoscenza di beni immobili suscettibili di essere bloccati. E per la Seco anche un obbligo di notifica per gli uffici cantonali delle contribuzioni, indipendentemente dal segreto fiscale, "sembra ammissibile". Verosimilmente, la legge sugli embarghi e l’ordinanza sull’Ucraina forniscono quella base legale sufficiente richiesta dalla legge federale sull’armonizzazione delle imposte dirette. La conclusione a cui giunge la Seco non mi sciocca.

Finora i cantoni hanno comunicato alla Seco 10 proprietà immobiliari di oligarchi russi sanzionati iscritte nei registri fondiari. Una cifra assai bassa, non trova?

È difficile sapere chi è proprietario di cosa. Ma tra beni immobiliari come châlet, ville, appartamenti di vacanza per uso proprio e beni immobiliari da reddito, mi sarei aspettato una cifra superiore.

Daniel Thelesklaf, ex capo dell’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio, sostiene che è "piuttosto irrealistico che oligarchi russi sanzionati figurino come proprietari nei registri fondiari".

Sì, in effetti mi sembra poco probabile. Molte di queste acquisizioni sono state fatte verosimilmente attraverso società immobiliari. In virtù della Lex Koller [che regolamenta l’acquisizione di beni immobiliari da parte di persone all’estero, ndr], sappiamo in alcuni casi chi sta dietro queste operazioni. Ma a livello di grossi patrimoni, direi che molto difficilmente dei beni immobiliari sono detenuti "in diretta" a nome della persona colpita da sanzioni. Probabilmente, a monte c’è una società o una catena di società.

D’altronde, dopo l’invasione della Crimea nel 2014, gli oligarchi russi hanno avuto tempo per prepararsi alle nuove sanzioni. "E sicuramente l’hanno fatto", ha dichiarato sempre Thelesklaf alla ‘Nzz am Sonntag’.

Dal 2014 e in particolare dal 2018, quando sono state allestite nuove liste di persone e società sanzionate, un certo numero di oligarchi che temevano – a torto o a ragione – di essere considerati vicini al Cremlino, hanno sicuramente rimpatriato attivi dalla Svizzera, oppure li hanno dirottati verso giurisdizioni più o meno sicure dal punto di vista delle sanzioni internazionali.

Gli Usa e altri Paesi hanno istituito delle task-force per rintracciare fondi e beni di proprietà di persone o società russe sanzionate. La Svizzera si limita a un obbligo di notifica. Basta?

L’obbligo di notifica è assolutamente efficace per il settore finanziario. In altri ambiti, come quello dell’immobiliare, la valutazione è giocoforza più sfumata. Il meccanismo raggiunge i suoi limiti, anche perché prima di poter notificare bisogna capire di essere obbligati a farlo. Una cosa che, quantomeno in una prima fase, non era per evidente per tutti.

Oltretutto, il settore immobiliare non è assoggettato all’obbligo di notifica previsto dalla legge federale contro il riciclaggio.

Esatto. Qui non esiste uno specifico obbligo di notifica. E ci troviamo in un ambito tradizionalmente distante dai regimi delle sanzioni internazionali. Ora anche un’agenzia immobiliare che sa di amministrare la proprietà di un russo sulla lista dei sanzionati è tenuta a informare subito la Seco. Ma un mese fa, quando la Svizzera ha ripreso le sanzioni Ue, al di fuori del settore finanziario e delle grandi aziende che esportano determinati beni, pochi erano equipaggiati per ottemperare ai loro eventuali obblighi.

Banche, registro di commercio, registro fondiario, autorità fiscali, punti franchi doganali: dove concentrerebbe gli sforzi?

Nel settore immobiliare, anzitutto. Poi nei punti franchi doganali, dove sono stoccate opere d’arte e altri beni di lusso. Ma qui ormai vige l’obbligo di tenere un elenco dei beneficiari economici. Non è così invece per i registri di commercio, sprovvisti di tali liste. Il Gafi [Gruppo d’azione finanziaria internazionale, ndr] ne raccomanda l’adozione alla Svizzera: è qualcosa di assai complesso da istituire, ma renderebbe meno larghe le maglie della rete. Questi registri esistono già in alcuni Paesi europei. E prima o poi arriveranno anche da noi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel genequand russiaucraina sanzioni seco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved