ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
12 ore

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
13 ore

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
14 ore

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
15 ore

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
16 ore

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
17 ore

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
1 gior

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
1 gior

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
1 gior

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
04.03.2022 - 14:47
Aggiornamento: 17:02

Berna estende le sanzioni contro la Russia.

Il Consiglio federale riprende le ultime misure dell’Ue: limiti al commercio e al settore finanziario e blocco dei beni delle persone legate a Putin

a cura di Marco Narzisi
berna-estende-le-sanzioni-contro-la-russia
Keystone

La Svizzera amplia le sanzioni nei confronti della Russia per l’invasione dell’Ucraina adeguandole alle ultime decisioni dell’Ue. I provvedimenti entreranno in vigore alle 18.00 di oggi. Secondo una nota governativa odierna, tale adeguamento avviene nel rispetto della neutralità e tiene conto delle attività umanitarie, per le quali sono previste deroghe. Stando alla rivista ordinanza emanata oggi dal Consiglio federale, le nuove misure colpiscono in particolare il commercio e il settore finanziario, come il divieto di transazioni con la Banca centrale russa e limiti all’uso del sistema SWIFT, e il congelamento dei beni di diverse persone vicine al presidente Vladimir Putin.

Con l’ordinanza di oggi la Svizzera applica le sanzioni decise dall’Ue a fine ottobre, comprese quelle del primo di marzo ha spiegato il consigliere federale Guy Parmelin davanti ai media. Le sanzioni contro la Banca centrale russa, che non potrà più trasferire i propri attivi o riserve in Svizzera, e l’esclusione della maggiore banca russa, ossia la VTB, rappresentano le misure più incisive.

A queste sanzioni, si aggiunge il congelamento dei beni in Svizzera di ulteriori 122 persone, oligarchi e altri soggetti vicine al presidente Putin, e un’impresa. A queste persone viene inoltre proibita l’entrata in Svizzera o il transito attraverso il nostro paese. Le persone prese di mira globalmente sono 677, tra cui figurano anche membri della Duma - il parlamento russo. Le imprese colpite dalle restrizioni sono una cinquantina.

Per quanto attiene ai depositi in Svizzera, entra in vigore un obbligo di dichiarazione per i depositi esistenti e restrizioni per nuovi depositi per oltre 100 mila franchi in Svizzera da parte di cittadini russi o entità russe. Esenzioni e deroghe sono previste per chi abita in Svizzera o è in possesso di un titolo di soggiorno europeo, ha aggiunto il "ministro" democentrista. Da stasera sarà proibito fornire finanziamenti pubblici o assistenza finanziaria per il commercio o gli investimenti in Russia. Altre misure in questo ambito riguardano cartevalori e mutui, ha spiegato il consigliere federale vodese. Tra l’altro sono presenti disposizioni che si estendono alle monete virtuali.

Beni a duplice impiego

Con la nuova ordinanza è vietata l’esportazione in Russia di tutti i beni a duplice impiego, a prescindere dallo scopo o dal destinatario finale. Tali limitazioni valgono anche per l’Ucraina, ha spiegato Parmelin. Non è possibile esportare nemmeno i beni che potrebbero contribuire al rafforzamento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del suo settore di difesa e di sicurezza. In questo contesto sono vietate anche l’assistenza tecnica, l’intermediazione e la concessione di mezzi finanziari.

Settore petrolifero e industria

Non è più permesso esportare in Russia alcuni beni e servizi in ambito petrolifero, specie per la raffinazione. Inoltre è vietata l’esportazione di determinati beni e tecnologie impiegabili nell’aviazione e nell’industria spaziale.

Il divieto riguarda anche alcuni servizi legati a questi beni, ad esempio assicurazioni, riparazioni, ispezioni, così come l’intermediazione e l’assistenza finanziaria.

Statuto S per rifugiati in fuga da Ucraina

Per i rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina sarà attivato lo statuto di protezione S, che conferisce un diritto di soggiorno in Svizzera senza espletare una procedura d’asilo ordinaria. È quanto ha proposto oggi il Consiglio federale. Questa soluzione consente alla Svizzera di aderire alla strategia adottata ieri dalla maggioranza degli Stati membri dell’Ue, precisa il Governo in una nota. Prima di decidere in via definitiva, consulterà i Cantoni e le organizzazioni partner entro metà della settimana prossima. Si tratta di un strumento che permette di accordare provvisoriamente protezione a persone esposte a un pericolo generale grave, in particolare durante una guerra. È nato negli anni Novanta dalle esperienze maturate con le guerre nell’ex-Jugoslavia allo scopo di sgravare il sistema d’asilo, in quanto consente di continuare a destinare risorse sufficienti alle procedure ordinarie di richiedenti provenienti da altri Paesi. Qui l’articolo in dettaglio

Leggi anche:

Il Consiglio federale propone lo status S per i profughi ucraini

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved