ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
11 ore

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
12 ore

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
13 ore

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
14 ore

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
15 ore

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
16 ore

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
1 gior

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
1 gior

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
1 gior

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
1 gior

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
2 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
2 gior

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
2 gior

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
01.04.2022 - 20:17

Sanzioni, la Seco invia ai Cantoni le istruzioni per l’uso

Un po’ di chiarezza sugli obblighi di notifica dei Cantoni. Il segreto fiscale non si applica. Il gruppo Ps in Gran Consiglio interpella il Governo

sanzioni-la-seco-invia-ai-cantoni-le-istruzioni-per-l-uso
Ti-Press
Obbligo di notifica anche per le autorità fiscali. ‘La base legale è sufficiente’, scrive la Seco

È arrivato venerdì ai servizi cantonali competenti l’atteso promemoria con il quale la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) fa un po’ di chiarezza circa i loro obblighi di notifica riguardo alle sanzioni in ambito finanziario e commerciale nei confronti di quasi 900 persone e una sessantina di società russe in relazione alla guerra in Ucraina. A Bellinzona il documento non è ancora stato esaminato da tutti nel dettaglio. Ne abbiamo preso atto, dice ad esempio a ‘laRegione’ il Dipartimento finanze ed economia (Dfe). La questione intanto ha assunto una dimensione politica anche a livello cantonale. In un’interpellanza, il gruppo socialista in Gran Consiglio chiede al Consiglio di Stato come ci si stia muovendo in Ticino (che "è stato in passato una terra ben frequentata dai benestanti russi") per attuare le sanzioni.

Quasi 6 miliardi di franchi: a tanto ammontava fino a circa una settimana fa il valore complessivo dei fondi e beni russi – tra i quali proprietà immobiliari in varie località turistiche – congelati in Svizzera, in buona parte grazie alle segnalazioni delle banche. L’attuazione delle sanzioni ha suscitato però "incertezze e interrogativi" in alcuni Cantoni, scrive la Seco in una nota. Eppure la relativa ordinanza emanata il 4 marzo dal Consiglio federale parla chiaro. Prevede che "le persone fisiche e le istituzioni che detengono o amministrano averi oppure sono a conoscenza di risorse economiche presumibilmente soggette al blocco (...) devono notificarlo senza indugio alla Seco". Quest’ultima si aspetta in particolare dalle banche che ottemperino all’obbligo di segnalare i beni congelati. Ma anche le autorità cantonali – in primo luogo quelle fiscali – devono fare la loro parte nella ricerca di beni sanzionati, aveva spiegato ai media Erwin Bollinger, responsabile delle relazioni bilaterali presso la Segreteria.

Attivarsi o attendere?

Secondo la legge sugli embarghi, la Seco è responsabile del controllo e dell’applicazione di buona parte delle sanzioni in ambito finanziario e commerciale decise dal Consiglio federale. Un compito svolto "in stretta collaborazione con i Cantoni", sottolinea la Segreteria di Stato dell’economia. Per alcuni di loro, tuttavia, non era e non è ancora affatto chiaro se e in quale misura debbano ricercare attivamente fondi e beni sanzionati, per poi notificarli una volta rintracciati, oppure se attendere da Berna una richiesta formale in tal senso. Le informazioni dalla Seco arrivavano col contagocce. Dai cantoni, più di una lamentela è giunta sul tavolo di Guy Parmelin. Chiamato in causa, negli scorsi giorni il ministro dell’Economia ha chiarito le formalità da espletare in un colloquio con i presidenti della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali delle finanze e della Conferenza dei governi cantonali.

La Seco così si è data una mossa. Il promemoria trasmesso venerdì ai servizi cantonali competenti descrive le basi legali, i concetti più importanti e il ruolo dei cantoni nell’applicazione delle sanzioni contro oligarchi e società russi. In particolare, illustra nel dettaglio gli obblighi di notifica a cui devono attenersi gli uffici del registro del commercio e del registro fondiario, nonché le autorità fiscali.

Base legale ‘sufficiente’

Queste ultime si trovano in una posizione particolarmente delicata sotto il profilo giuridico. Nelle scorse settimane Heinz Tännler aveva evocato anche il segreto fiscale cantonale per giustificare l’attendismo del suo cantone. Nel frattempo, il ministro delle finanze del canton Zugo ha dichiarato al ‘Tages-Anzeiger’ di aver esaminato la questione. La conclusione: il diritto federale più recente prevale sul segreto fiscale cantonale. È quanto ribadisce la Seco nel suo promemoria: un obbligo di notifica da parte delle autorità fiscali cantonali "appare giustificato", nonostante il segreto fiscale. La base legale fornita dalla Legge sugli embarghi è "sufficiente". Inoltre, "dev’essere possibile per le autorità fiscali, nonostante il segreto fiscale, trasmettere dati sui contribuenti, se le banche a loro volta, malgrado il segreto bancario, sono obbligate a informare le autorità sui soldi dei clienti". Per la Seco è chiaro: "Nel caso in cui un ufficio fiscale, nel quadro del suo lavoro, venga a conoscenza di soldi o valori patrimoniali soggetti al blocco secondo (...) l’ordinanza sull’Ucraina, lo deve comunicare alla Seco senza indugio". Le notifiche sono da indirizzare alla Segreteria di Stato dell’Economia per lettera o via e-mail. Devono indicare i nomi dei beneficiari, nonché il genere e il valore degli averi e delle risorse economiche bloccati.

L’interpellanza

Il Ps: questione ‘urgente’. Raffica di domande

"Le sanzioni sono ormai in vigore da diverse settimane e il Ticino, si sa, è stato in passato una terra ben frequentata dai benestanti russi". Parte da una duplice constatazione l’interpellanza depositata venerdì dal gruppo socialista in Gran Consiglio. La questione è "urgente", poiché un’applicazione "ritardata e poco efficiente" delle sanzioni "ne indebolisce l’effetto", scrivono il capogruppo Ivo Durisch e il granconsigliere Carlo Lepori in una nota inviata ai media. Numerose le domande rivolte al Consiglio di Stato. Eccole:

  • Da quando sono scattate le sanzioni, sono stati effettuati i controlli richiesti dalla Seco? Se sì, che esito hanno avuto?
  • Sono state fatte segnalazioni alla Seco? Se no, perché? E quando intende iniziare i controlli e come intende effettuarli?
  • Da quando sono scattate le sanzioni, sono stati effettuati controlli su eventuali proprietà riconducibili alle persone o società sanzionate? Se sì, che esito hanno avuto? Sono state fatte segnalazioni alla Seco? Se no, perché, quando intende iniziare i controlli e come intende effettuarli?
  • Tra le persone sanzionate, quante ve ne sono che risiedono in Ticino?
  • Quante di esse hanno ricevuto il permesso di soggiorno secondo le deroghe previste per "importanti interessi pubblici" e in particolare "per notevoli interessi fiscali cantonali"?
  • Questi permessi saranno annullati? Se no, per quali motivi?
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved