ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
11 ore

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
13 ore

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
15 ore

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
16 ore

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
18 ore

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
19 ore

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
21.03.2022 - 12:13
Aggiornamento: 14:05

Aziende, impatto indiretto della guerra pesa più delle sanzioni

Secondo Economiesuisse la pressione sui prezzi crescerà ancora. Forte carenza di materie prime e macchine per la produzione

Ats, a cura de laRegione
aziende-impatto-indiretto-della-guerra-pesa-piu-delle-sanzioni
Depositphotos

Le aziende svizzere sono più toccate dalle conseguenze indirette della guerra in Ucraina che dalle sanzioni: è quanto emerge da un sondaggio di Economiesuisse.

Circa la metà delle imprese interpellate indica che il conflitto ha un impatto sulla loro attività e un quinto delle società parla di un forte influsso, emerge dai dati resi noti oggi. Tutti i settori sono toccati, ma a gradi diversi: particolarmente sotto pressione sono i comparti dell’industria chimica, delle macchine, dell’elettronica e dei metalli, come pure i produttori di generi alimentari e i grossisti.

Carenza di materie prime e macchine per la produzione

La guerra nell’Est europeo ha reso ancora più acuti i problemi alle catene di approvvigionamento che già esistevano e che si sperava potessero essere superati con la fine della gran parte delle misure antipandemia. Il 57% delle aziende lamenta una carenza di materie prime, il 37% di beni strumentali (per esempio macchine per la produzione), il 25% di beni di consumo e il 12% di energia (per esempio il gas).

Tutto questo ha un forte impatto sui costi. Già prima della guerra in Ucraina erano stati osservati aumenti significativi dei prezzi delle materie prime e dei prodotti intermedi: la guerra contribuisce ora a far rincarare l’energia.

La pressione sui prezzi crescerà ancora

Secondo Economiesuisse la pressione sui prezzi crescerà ancora e di conseguenza avrà un impatto maggiore sui prodotti finali. Per esempio l’industria chimica genera prodotti da materie prime poi utili anche nei consumi quotidiani, dalla plastica ai fertilizzanti: di conseguenza elettrodomestici, automobili, biciclette e molti articoli alimentari potrebbero diventare più cari. Anche le spese di trasporto stanno salendo: il caro benzina non rende più costoso solo il trasporto in nave e in aereo, ma anche quello in camion. Inoltre, a causa della guerra in Ucraina persistono le difficoltà logistiche dovute alla carenza di autisti, situazione che contribuisce a un ulteriore aumento dei prezzi. Nei prossimi sei mesi, le aziende di tutti i settori si aspettano una crescita media dei prezzi di circa il 5%.

Un quarto delle aziende colpito dalle sanzioni

Intanto cominciano a farsi sentire le conseguenze delle sanzioni degli Stati occidentali nei confronti della Russia. Circa un quarto delle aziende intervistate è colpito da queste misure che interessano – stando alle risposte fornite – soprattutto le limitazioni nei pagamenti con le banche russe, un punto che colpisce sia il settore finanziario che quello delle esportazioni. Si denotano anche limitazioni nel traffico aereo; i voli merci e il trasporto passeggeri sottostanno a restrizioni nello spazio aereo russo e devono essere dirottati. Sono stati inoltre imposti divieti di esportazione, per esempio sui beni a doppio utilizzo, civile e militare. Nel segmento turistico si osserva la mancanza di ospiti russi.

Molti operatori di mercato si aspettano che la Russia, a causa delle sanzioni imposte, non sarà più nel prossimo futuro un fornitore di materie prime e si attendono così un’offerta globale ancora più limitata. Oltre al petrolio e al gas, questo potrebbe riguardare anche altre importanti materie prime come il ferro o il nichel. Non ci si può perciò attendere una rapida soluzione alle strozzature dell’offerta: al contrario quasi l’80% delle aziende intervistate si aspetta problemi di approvvigionamento anche nei prossimi mesi.

Il sondaggio è stato condotto da Economiesuisse dal 2 al 10 marzo. Vi hanno partecipato 306 entità di tutte le regioni del Paese ed è stato completato da 13 associazioni professionali che hanno parlato a nome del proprio settore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved