Young Boys
3
Lugano
1
fine
(0-1)
Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
1
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
1
3 set
(6-2 : 2-6 : 3-2)
Langenthal
3
Visp
2
fine
(1-0 : 0-2 : 2-0)
4-aziende-su-5-alle-prese-con-problemi-di-forniture
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Cantoni contrari alle restrizioni in famiglia

La consultazione sulle misure di contrasto della pandemia: no anche all’obbligo del telelavoro
Svizzera
5 ore

Sei anni e mezzo per un incidente mortale

‘Omicidio intenzionale plurimo’: a Effingen morirono tre persone
Svizzera
6 ore

Arrestati 15 produttori di marijuana e hashish

Dalla Polizia di Svitto, che ha scoperto coltivazioni indoor nel villaggio di Ried
Svizzera
8 ore

Peter Lack sarà il nuovo direttore di Caritas Svizzera

L’attuale direttore della Federazione svizzera dei samaritani sostituirà Peter Marbet che ha lasciato la carica lo scorso agosto
Svizzera
9 ore

Nel canton Zurigo terapie intensive piene

Alcuni pazienti che necessitavano di un ricovero in cure intense hanno dovuto essere respinti e non è stato possibile trasferirli altrove
Svizzera
9 ore

La Svizzera supera i 10’000 casi giornalieri, 140 i ricoveri

La quota di pazienti Covid in cure intense raggiunge il 27% su un’occupazione complessiva dell’81,10%. 22 decessi segnalati
Svizzera
9 ore

Legge Covid, gli Stati prorogano disposizioni su eventi e lavoro

Estese sino a fine 2022 anche le disposizioni che conferiscono al governo il potere di adottare misure a protezione della popolazione
Svizzera
11 ore

Il 35% di utenti dei media non riconosce i contenuti a pagamento

Emerge da uno studio della Scuola universitaria professionale zurighese di scienze applicate (Zhaw). Al centro dell’indagine gli articoli sponsorizzati
Svizzera
11 ore

Il Nazionale boccia il raddoppio del contributo di coesione Ue

La mozione di Nussbaumer (Ps) chiedeva di aumentare i fondi versati alla Ue per garantire la partecipazione della Svizzera ai programmi di ricerca europei
Svizzera
25.10.2021 - 10:270
Aggiornamento : 12:27

4 aziende su 5 alle prese con problemi di forniture

Le difficoltà nella catena di approvvigionamento concernono praticamente tutto il settore industriale, Il dato è peggiore di quello del 2020

Quattro aziende svizzere su cinque sono confrontate con problemi della catena di approvvigionamento, più che nel momento maggiormente critico della pandemia, nell’aprile 2020: è quanto emerge da un sondaggio condotto a metà mese da Economiesuisse.

Le difficoltà concernono praticamente tutto il settore industriale, compreso il ramo della costruzione, ma anche il commercio all’ingrosso e al dettaglio, scrivono gli specialisti della federazione delle imprese svizzere in un bollettino di informazioni odierno.

Se all’inizio la questione riguardava i prodotti provenienti dall’Asia, ora i problemi emergono in quasi tutte le regioni del mondo. Le imprese elvetiche, per la maggior parte strettamente legate al mercato europeo, nominano appunto il vecchio continente come prima regione colpita, ancora prima dell’Asia.

Il problema delle strozzature nell’approvvigionamento non si è ampliato solo geograficamente, ma anche in termini di categorie di prodotti interessati: c’è carenza di materie prime come acciaio, alluminio e legno. Inoltre sulla scia del brusco aumento dei prezzi energetici in Europa e in Cina emerge una grave penuria di molti articoli intermedi, a partire dai semiconduttori, ma non solo: mancano per esempio anche determinate plastiche e prodotti chimici. La scarsità viene a notata anche a valle, sul mercato dei beni di consumo: scarseggiano lavatrici, automobili, giocattoli e sci.

I motivi dei problemi sono molteplici. Il 72% degli interpellati nell’ambito del sondaggio cita la logistica, il 68% l’elevata domanda e le capacità di produzione troppo basse, il 64% le difficoltà di produzione presso i fornitori, il 42% misure anti-pandemia nei paesi di produzione.

La situazione è tale per cui un quinto delle imprese si è vista costretta ad annullare ordini o a non accettarne di nuovi. Per far fronte alle nuove condizioni di lavoro i responsabili cercano di ampliare il magazzino e di trovare nuovi fornitori in altri paesi. Malgrado le perdite a livello di fatturato praticamente nessuno però pensa di tagliare personale, cosa che secondo gli esperti di Economiesuisse non stupisce, considerata la penuria di manodopera specializzata. Il 6% delle ditte sta comunque pensando seriamente di ricorrere maggiormente al lavoro ridotto, soprattutto nel campo delle forniture per l’industria automobilistica.

La metà delle aziende ha già aumentato i prezzi e altre prevedono di farlo nei prossimi sei mesi. Considerato che alcuni componenti hanno visto salire il loro costo di 100 volte, per l’insieme dei beni i partecipanti al sondaggio prevedono un rincaro medio di circa il 5%.

Quanto grande sarà l’impatto di queste distorsioni sull’economia globale dipenderà in gran parte dalla durata dei colli di bottiglia, osserva Economiesuisse. La valutazione degli intervistati viene definita preoccupante: le società colpite si aspettano che i problemi di approvvigionamento finiscano solo nel corso dell’anno prossimo. Allo stesso tempo, la progressione dei prezzi delle materie prime, dell’energia e dei prodotti intermedi aumenta il rischio di un incremento dell’inflazione. Questo è uno sviluppo pericoloso e potrebbe offuscare significativamente le prospettive economiche per quest’anno e il prossimo, conclude l’associazione delle imprese elvetiche.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved