i-miei-bambini-mi-chiedono-quando-finiranno-le-bombe
La piccola Zlata dorme in un fast food durante il viaggio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 min

Estate: in bilico fra santi e falsi dei...e controlli radar

Come ogni venerdi la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
39 min

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
59 min

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
1 ora

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
1 ora

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
1 ora

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
2 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
2 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
2 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
2 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
2 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
2 ore

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
2 ore

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
3 ore

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
Mendrisiotto
4 ore

A Coldrerio si cammina con il nordic walking

Dal 29 agosto prossimo riaprono i corsi. L’appuntamento è già fissato tre volte la settimana
Bellinzonese
5 ore

Penuria energetica: ‘Qual è la strategia di Bellinzona?

Claudio Cattori (Centro) sollecita il Municipio in merito alle possibili misure di risparmio e alla capacità dell’Amb di aumentare le produzione
21.03.2022 - 07:16
Aggiornamento: 15:33

‘I miei bambini mi chiedono: quando finiranno le bombe?’

La storia di Natalija, fuggita da Leopoli con i figli Sofija (14), Jura (10) e Zlata (5), rifugiatisi in Ticino. ‘La guerra sarà lunga’, teme

«Sì, sì, certo che i bambini capiscono cosa sta succedendo. Zlata mi chiede spesso: mamma, quando finiranno le bombe? Quando torneremo a casa?». Zlata ha 5 anni, con il fratello Jura (10), la sorella Sofija (14) e la mamma è rifugiata da alcuni giorni in Ticino. Natalija, la mamma, è giovane (33 anni) ma «nell’ultimo mese mi sento invecchiata di dieci anni». Alle domande della vivace ultimogenita risponde che «torneremo presto, ma in realtà non so quando succederà». Si porta le mani al viso, non vuole mostrare le lacrime a uno sconosciuto. È fiera e orgogliosa: del proprio presidente, del proprio Paese, della propria città. Ma ora è spaesata, letteralmente senza un posto dove stare. «Siamo scappati da Leopoli senza una meta». Il caso li ha portati in Svizzera, ospitati provvisoriamente a Lamone dal ticinese Roberto – dove li incontriamo – in attesa di trovare un’altra sistemazione, di registrarsi e con il sogno di tornare a casa.

‘I bambini non dormivano la notte’

«Quando il 24 febbraio è cominciato l’attacco, mi ha chiamato una mia collega che lavora a Kiev per dirmi che c’erano dei bombardamenti in corso – ricorda Natalija –, non potevo crederci, sembrava irreale». Invece è reale, e la paura è presto arrivata anche nella città occidentale. «Le sirene risuonavano molto spesso. La Città ha creato un’app grazie alla quale informa tutti i cittadini del pericolo in caso di attacco aereo, in modo che possano nascondersi per tempo». Natalija ci mostra l’app. E si commuove nuovamente, non l’ha disattivata: l’app rappresenta un legame con la famiglia rimasta a Leopoli e l’amata città. «Abbiamo cominciato ad avere paura, soprattutto per i bambini. I due più piccoli hanno cominciato a svegliarsi spesso la notte, Zlata ha iniziato a chiedere sempre più spesso di me. Alcuni giorni dopo l’inizio della guerra abbiamo lasciato la città, siamo andati in un villaggio venti chilometri fuori da Leopoli dove vivono i miei nonni. Ma non era sicuro nemmeno lì».

‘Sono caduta in depressione, piangevo sempre’

E quindi la decisione: partire. Era il 2 marzo. «Siamo tornati in città, abbiamo preso poche cose e il primo treno per Przemysl (la città polacca poco oltre il confine, luogo di approdo di numerosi rifugiati ucraini, ndr)». Un istinto che hanno avuto in molti: Natalija ci mostra le foto e il video che ha fatto nel treno, stracolmo. «Molti erano seduti per terra, noi eravamo in quattro su due sedili, alla fine io e Sofija siamo rimaste in piedi per permettere a Zlata e Jura e di riposare». Le due città distano meno di 100 chilometri, ma il viaggio è durato circa sei ore, cinque delle quali fermi al confine, senza che nessuno entrasse nei convogli a verificare se qualcuno avesse fame o sete o non stesse bene. A Przemysl dei volontari hanno indicato alla famiglia un albergo dove stare a Cracovia. Quindi altro viaggio in treno, e poi il soggiorno in hotel per due settimane. «Lì sono caduta in depressione – svela Natalija con un fil di voce, in buon inglese –, piangevo in continuazione e ripensavo alla mia famiglia, alla mia vita. Avevo dei piani per il futuro che sono andati in frantumo».

‘Spero che i ragazzi possano frequentare la scuola’

A Cracovia la figlia maggiore fa amicizia con altri ragazzi, diretti con le proprie famiglie in Svizzera. Così anche Natalija entra in contatto con una volontaria ticinese, che riesce a inserire lei e i suoi figli su un bus che – attraversando Cechia, Germania e Austria – li porta a Lugano. È il 18 marzo. «Appena arrivati, Roberto (attivo come volontario da settimane, ndr) ci ha portati in un appartamento che era stato messo a disposizione per accoglierci». Una volta lì, la sorpresa: l’appartamento era completamente vuoto, senza mobili. «Roberto ci ha quindi portati a casa sua per un paio di giorni, finché non troviamo una sistemazione». A casa di Roberto, in sei, si sta strettini. Ma la situazione è provvisoria e regna la serenità per aver da un lato aiutato chi ne aveva bisogno e dall’altro trovato persone buone che hanno aperto le proprie porte. «Domani (oggi, ndr) andremo a Chiasso per registrarci, spero che almeno per i bambini sia possibile che vengano inseriti a scuola o all’asilo. Da quando è iniziata la guerra le scuole hanno chiuso: qualcuno lezioni l’hanno seguita a distanza, come si faceva durante il lockdown, ma non è la stessa cosa».

I genitori ancora in Ucraina

La piccola Zlata è vivace e giocosa, più seri e distaccati appaiono i fratelli maggiori, che preferiscono non rilasciare dichiarazioni. Natalija si perde fra le foto precedenti all’attacco russo, di quelle che lei chiama «vita normale, senza propaganda». Ce le mostra: una giovane donna, curata, che esce al ristorante con le amiche e passeggia coi figli. E di nuovo un momento di sconforto. «A Leopoli sono rimasti i miei genitori. Mio padre ha 55 anni ed è potenzialmente abile alle armi, non è ancora stato convocato nell’esercito, al momento si limita a fare volontariato per gli ucraini arrivati dall’est. E mia madre non partirebbe mai senza di lui. Nemmeno io avrei mai lasciato il mio Paese, ma l’ho fatto per salvare i bambini. Mia sorella invece è scappata anche lei, è in Polonia ora ed è preoccupata per il marito al fronte».

‘La Russia si preparava da tempo per attaccarci’

Una guerra che, a suo dire, l’Ucraina non voleva combattere. «Per noi Zelensky ha rappresentato l’uomo del cambiamento, ha portato una nuova mentalità – conclude la 33enne –. Credo che in Russia abbiano paura di chi porta nuove idee come lui e per questo vogliono un governo diverso in Ucraina, hanno paura che possano cambiare le cose anche in Russia. Sui social parlo con molti russi, ma sono quasi tutti indottrinati dalla propaganda di Stato, che dipinge l’Ovest dell’Ucraina come un posto dove sono tutti pro Stepan Bandera (controverso eroe nazionale, considerato vicino all’estrema destra, ndr). Invece Leopoli è una città aperta, che vive di turismo, anche russo. Purtroppo penso che la guerra sarà lunga. La Russia si stava preparando da molto tempo per questo conflitto, non lasceranno perdere facilmente. Ma io vorrei che finisse presto per poter tornare a casa».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lamone rifugiati roberto bucci russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved