19.03.2022 - 17:07
Aggiornamento: 17:48

Berna valuta un forfait per l’integrazione dei rifugiati

Fra le misure di integrazione all’attenzione della Sem, sostegno per corsi di lingua e assistenza ai bambini

Ats, a cura di Marco Narzisi
berna-valuta-un-forfait-per-l-integrazione-dei-rifugiati
Keystone

Dato che i rifugiati dall’Ucraina con permesso S, per persone bisognose di protezione, sono autorizzati a lavorare in Svizzera, sono necessarie anche alcune misure di integrazione: la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha quindi annunciato che sta esaminando la possibilità di pagare una somma forfettaria ai Cantoni.

Il permesso S è pensato per un ritorno delle persone e non per la loro integrazione in Svizzera. I rifugiati dall’Ucraina del resto vogliono tornare al più presto nel loro paese d’origine, ha detto oggi la direttrice della SEM, Christine Schraner Burgener, durante la trasmissione Samstagsrundschau della radio svizzerotedesca SRF.

Corsi di lingua e cura dei bambini

Tuttavia, alcune misure di integrazione sono necessarie poiché le persone con statuto S possono lavorare da subito in Svizzera, ha spiegato la segretaria di Stato. Un fattore importante per accedere al mercato del lavoro è costituito dalle competenze linguistiche, che passano necessariamente da appositi corsi. Poiché la maggior parte degli arrivi sono costituiti da donne accompagnate da minori, è importante anche la questione dell’assistenza ai bambini.

La SEM ha discusso di questa questione con i cantoni. L’idea è di introdurre un possibile forfait di integrazione parziale. La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha ripetutamente affermato che la Confederazione potrebbe contribuire finanziariamente ai corsi di lingua offerti dai cantoni.

Priorità: un tetto

Stando alla segretaria di Stato, la sfida più grande al momento è quella di assicurare che ogni persona che arriva in Svizzera disponga di un tetto sopra la testa. "Cerchiamo costantemente di allestire più alloggi. Ad esempio, i militari hanno già permesso alla SEM di utilizzare le caserme di Bülach (ZH) e Bure (JU). Anche una palestra dovrebbe essere presto disponibile, secondo Schraner Burgener.

L’obiettivo tuttavia è che le persone che sono fuggite dall’Ucraina non rimangano a lungo in questi centri; dopo due o tre notti, dovrebbero essere alloggiate da privati o presso i cantoni. "La solidarietà è enorme", ha detto il capo della SEM. I privati hanno offerto 61’000 posti letto, che vengono esaminati dalle autorità.

Finora, 9826 persone (767 in più rispetto a ieri) provenienti dall’Ucraina si sono registrate nei sei centri federali d’asilo, ha twittato oggi la SEM e 4417 di loro sono già stati alloggiati da privati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved