integrazione-dei-rifugiati-keller-sutter-vede-i-partner-sociali
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona

L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
58 min

Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30

A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
1 ora

‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’

In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
2 ore

Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten

La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
1 gior

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
1 gior

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
16.03.2022 - 18:42
Aggiornamento: 19:02
Ats, a cura di Marco Narzisi

Integrazione dei rifugiati, Keller-Sutter vede i partner sociali

Discussi, fra gli altri, i temi dell’integrazione nel mercato del lavoro delle persone provenienti dall’Ucraina e della custodia dei bambini

I partner sociali sono disposti a fare la loro parte nell’affrontare le sfide legate all’integrazione nel mercato del lavoro delle persone provenienti dall’Ucraina. Una discussione sul tema si è tenuta oggi con la consigliera federale Karin Keller-Sutter, dopo che la recente attivazione dello statuto S ha aperto per i profughi la possibilità di esercitare un’attività lucrativa in Svizzera senza alcun periodo di attesa.

Finora Berna ha registrato oltre 6’000 profughi ucraini e si aspetta l’arrivo di altre decine di migliaia di persone. Per il governo, si legge in una nota del Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp), è fondamentale concedere l’accesso all’attività lucrativa affinché possano integrarsi nella vita sociale ed economica durante il soggiorno nella Confederazione. Lo scopo è di permettere loro di strutturare le proprie giornate, conseguire l’autonomia finanziaria e mantenere le qualifiche professionali in vista del ritorno in patria.

Attivando lo statuto S, cosa che tra l’altro oggi ha fatto anche il Liechtenstein, il Consiglio federale aveva deciso che le persone giunte in Svizzera in cerca di rifugio dopo essere fuggite dall’Ucraina flagellata dalla guerra potessero subito svolgere un attività, dipendente o indipendente. Ciò resta comunque soggetto ad autorizzazione, come prevede la legge.

Nessun falso incentivo

L’integrazione nel mercato del lavoro dei rifugiati è stata al centro di uno scambio di opinioni svoltosi nella giornata odierna alla presenza della ministra Keller-Sutter. La titolare del Dfgp si è incontrata con i vertici dell’Unione svizzera degli imprenditori (Usi), dell’Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), dell’Unione sindacale svizzera (Uss) e di Travail.Suisse. Ai colloqui hanno preso parte pure la segretaria di Stato della migrazione Christine Schraner Burgener e il capo della Direzione del lavoro presso la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) Boris Zürcher.

Stando a Keller-Sutter, che si è espressa in una successiva conferenza stampa, il rischio di creare falsi incentivi a restare in Svizzera sono minimi. Le donne vogliono tornare nel loro Paese, dove hanno lasciato mariti, figli e padri, ha dichiarato la consigliera federale sangallese.

Sostegno attivo

I rappresentanti dei partner sociali si sono detti disposti a sostenere attivamente la Confederazione e i Cantoni per integrare nel miglior modo possibile professionalmente parlando i profughi ucraini. L’obiettivo comune è agevolarne l’attività lavorativa, impedendo al contempo abusi e dumping salariale. La legge prevede in primo luogo un obbligo di autorizzazione a opera delle autorità cantonali preposte, chiamate in particolare a verificare se le condizioni di lavoro e stipendio sono conformi alle consuetudini locali, professionali e settoriali.

Le parti concordano inoltre sul fatto che in linea di massima anche i titolari dello statuto S debbano beneficiare del pretirocinio d’integrazione (Pti), strumento che offre una preparazione pratica e mirata in vista di un apprendistato professionale o di un’attività lucrativa in Svizzera a chi resterà presumibilmente nel Paese per parecchio tempo. La Seco ha fatto notare che chi beneficia di tale statuto può usufruire dei servizi di consulenza e di collocamento offerti dagli uffici regionali.

Keller-Sutter ha poi messo in evidenza quanto siano importanti le conoscenze linguistiche. Chi possiede lo statuto S ha già accesso alle offerte cantonali esistenti, come ad esempio i corsi di lingua, ma si sta vagliando se occorrano ulteriori misure per agevolare l’apprendimento di un idioma nazionale.

Diversi temi abbordati

La custodia dei bambini è stato un altro argomento toccato, visto che, come detto, ad arrivare in Svizzera sono spesso donne prive dei mariti, rimasti in patria a combattere. "Se loro lavorano bisogna trovare soluzioni nell’assistenza", ha affermato il presidente dell’Uss Pierre-Yves Maillard.

Ulteriore punto abbordato è quello relativo all’aiuto fornito da aziende svizzere che impiegano personale in Ucraina. I salari sono stati pagati per diversi mesi in anticipo, sia in questo Paese sia in Russia, per consentire una certa indipendenza alle persone in difficoltà, ha sottolineato il presidente dell’Usi Valentin Vogt.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
partner sociali russiaucraina svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved