rustici-contro-le-ruspe-la-prescrizione
Ti-Press
Il Nazionale vuole venire incontro ai proprietari di rustici e altri edifici costruiti illegalmente fuori zona edificabile
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
Svizzera
7 ore

In Svizzera +34% di contagi da coronavirus in sette giorni

Nell’ultima settimana sono stati registrati 33’108 casi. In terapia intensiva il 6% dei letti è occupato da pazienti Covid
Svizzera
8 ore

Giochi d’azzardo all’estero, appropriato il blocco alle reti

Lo ha stabilito il Tribunale federale, confermando il provvedimento imposto a tre fornitori esteri di simili servizi
Svizzera
8 ore

Assistenza ventricolare, 3 ospedali impianteranno i dispositivi

Mandato di prestazione per l’Inselspital e i nosocomi universitari di Losanna e Zurigo. A sollecitarlo erano state sette strutture
Svizzera
8 ore

Sottratti 3,2 milioni alle Ffs, condannati in quattro

Tre ex dipendenti giudicati colpevoli di truffa per mestiere, falsità in documenti e infedeltà nella gestione pubblica. Punito anche il complice
Svizzera
9 ore

L’iniziativa sull’allevamento intensivo è ‘inutile e costosa’

Secondo le stime della Confederazione, se accettata, provocherebbe spese aggiuntive tra 0,4 e 1,1 miliardi di franchi
Svizzera
10 ore

L’inflazione incombe sulla ristorazione svizzera

In Svizzera il fenomeno è ancora limitato rispetto all’area Euro. Ma c’è già chi, come la catena Starbucks, ha alzato leggermente i prezzi
Svizzera
10 ore

Aumentano gli incidenti gravi sulle strade svizzere

Nel 2021 sono stati 3’933, e in duecento casi con esito letale. In Ticino la proporzione più elevata
Svizzera
13 ore

Sempre più privati richiedono l’accesso a documenti ufficiali

L’anno scorso le domande di visionare questi atti sono state 1’385, il 16% in più rispetto al 2020. Accesso completo concesso solo in 694 casi
Svizzera
14 ore

Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate

Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
1 gior

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
1 gior

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
1 gior

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
1 gior

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
1 gior

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
1 gior

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
Svizzera
1 gior

Appello delle Ong: svolta energetica fattibile entro il 2035

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’espansione della produzione di energia solare potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità
Svizzera
1 gior

‘La lingua dei segni va riconosciuta giuridicamente’

Lo chiede una mozione approvata dal Consiglio nazionale per il riconoscimento e la promozione delle tre lingue dei segni utilizzate in Svizzera
Svizzera
1 gior

‘Siamo testimoni di un cambiamento epocale’

La guerra in Ucraina ha sconvolto sicurezza svizzera ed europea, e avrà conseguenze a lungo termine sulla politica nazionale e internazionale
Svizzera
1 gior

Detenuto in condizioni illecite, per il Tf sentenza ‘scioccante’

I giudici di Losanna criticano la decisione del tribunale che riteneva prescritto il risarcimento a un uomo detenuto per 247 giorni in sovraffollamento
Svizzera
1 gior

Tre anni di carcere all’ex parroco col vizio del gioco

Sei i mesi da scontare per l’ex sacerdote di Küssnacht. Tra il 2009 e il 2018 aveva truffato oltre 70 fedeli per più di 3 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

L’agire degli agenti è stato proporzionato e corretto

Archiviato il procedimento contro tre agenti dell’unità speciale della polizia argoviese, che nel 2019 avevano fermato un ricercato
Svizzera
1 gior

Morto cercando di recuperare un aeromodello

L’incidente è avvenuto sulla parete ovest del Tschuggen, in territorio di Mels. Un 64enne, precipitato per un centinaio di metri, la vittima
Svizzera
1 gior

Inciampa e cade per un’ottantina di metri: morta una 75enne

Finisce in tragedia un’escursione nella regione dell’Alpstein, nel canton Appenzello Interno. La vittima era in compagnia di familiari
Svizzera
1 gior

Squadra unica per l’obiettivo della svolta energetica

BirdLife, Greenpeace, Pro Natura, Fondazione Svizzera per l’Energia, Associazione traffico e ambiente e Wwf sul campo assieme. ‘Vantaggi per tutti’
Svizzera
1 gior

Forti temporali spazzano Giura e Basilea

Nottata di maltempo nella Svizzera nordoccidentale, ma danni relativamente contenuti. A Fahy ben 20,5 millimetri di pioggia in 10 minuti
rustici
laR
 
18.03.2022 - 05:30

Rustici: contro le ruspe, la prescrizione

Il Consiglio Nazionale ‘corregge’ il Tribunale federale. A colloquio con il consigliere nazionale Kurt Fluri, presidente della Fondazione per il paesaggio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Contrariamente a quanto stabilito lo scorso anno dal Tribunale federale, gli edifici costruiti in maniera illecita fuori dalle zone edificabili non dovrebbero essere abbattuti dopo 30 anni dalla loro edificazione. Il Consiglio nazionale ha approvato giovedì con 92 voti contro 84 e una astensione una mozione in questo senso (vedi sotto), elaborata dalla sua commissione competente su impulso di Mike Egger (Udc/Sg). A Ps, Verdi e Verdi-liberali non è bastato il sostegno della consigliera federale Simonetta Sommaruga e di una manciata di ‘dissidenti’ nei ranghi del Centro e del Plr. Tra questi ultimi, il ticinese Rocco Cattaneo, la grigionese Anna Giacometti e Kurt Fluri. Al termine del dibattito, ‘laRegione’ ha avvicinato il solettese, consigliere nazionale dal 2003, per 28 anni (1993-2021) sindaco di Soletta e presidente della Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio (Fp).

Signor Fluri, la consigliera federale Simonetta Sommaruga lo ha ricordato: lottare contro le costruzioni illegali è un compito difficile e spiacevole per le autorità. Ha già ricevuto insulti o minacce, come sindaco?

No. Ma come presidente della Fp conosco la situazione. Non la prendo alla leggera: capisco i proprietari e le autorità. Ma occorre ricordare che in Svizzera il 40% circa di tutte le superfici d’insediamento si trova fuori dalle zone edificabili. Una cosa inammissibile dal punto di vista dello Stato di diritto. Il fatto che in passato siamo stati troppo indulgenti o negligenti, non significa che adesso tutto vada legalizzato. Discutibile, dal punto di vista dello Stato di diritto, è anche il fatto che con questa mozione chi ha rispettato la legge viene indirettamente penalizzato.

Di cosa parliamo soprattutto: di rustici e chalet, o delle innumerevoli piccole costruzioni agricole disseminate un po’ ovunque?

Di un po’ di tutto. Andiamo dai fienili e dai rifugi alpini in disuso fino a chalet trasformati senza autorizzazione in residenze secondarie, appartamenti in affitto o alberghi. Parliamo quindi anche di edifici piuttosto grandi, che hanno richiesto ad esempio la costruzione di strade, anch’esse illegali.

Per i fautori della mozione, la sentenza del Tribunale federale ha creato insicurezza giuridica, generato una disparità di trattamento fra zone edificabili e non e causato oneri amministrativi enormi a comuni e cantoni. Cosa ne pensa?

Al contrario, la sentenza crea sicurezza giuridica. Adesso infatti sappiamo che una situazione illegale – una costruzione non autorizzata fuori dalla zona edificabile – non sarà mai prescritta. Ma dal punto di vista di chi critica la sentenza, questa genera insicurezza, nella misura in cui pensano che un giorno o l’altro queste situazioni potranno essere legalizzate, ciò che oggi non è appunto possibile. Gli oneri amministrativi per le autorità? Non è la sentenza che li crea, sono dovuti al fatto che a lungo comuni e cantoni hanno chiuso gli occhi. Adesso semplicemente il passato li raggiunge.

È realistico pensare che, grazie alla sentenza del Tf, verranno demolite migliaia di costruzioni illegali?

Non credo che la sentenza sarà applicata alla lettera. Probabilmente si faranno qua e là degli azzonamenti a posteriori, secondo i criteri della legge sulla pianificazione del territorio. Ma nel caso di edificazioni in zone isolate, sarà difficile intervenire con una demolizione. Soprattutto se la proprietà è passata di mano. E nel caso di un chalet illegale trasformato in hotel, si può solo sperare che venga negato l’utilizzo in quanto tale e che lo chalet rimanga ad uso abitativo. Una cosa è certa: se anche il Consiglio degli Stati vorrà introdurre una prescrizione nella legge, il principio fondamentale della separazione tra zone edificabili e zone non edificabili sarà indebolito.

Il dibattito

‘Sicurezza giuridica’, due interpretazioni

La questione è annosa. Il Tribunale federale (Tf) ha voluto mettere un po’ d’ordine. Ma non sembra si sia mosso granché dopo la sentenza di principio pronunciata poco meno di un anno fa (vedi infografia). Ciò non ha impedito ai promotori della mozione accolta giovedì dal Nazionale di deplorare gli oneri amministrativi sproporzionati e quasi ingestibili che l’applicazione della sentenza dei giudici di Mon Repos cagionerebbe alle autorità cantonali e comunali competenti. Non si tratta di proteggere le persone che agiscono illegalmente, ha spiegato il relatore commissionale Mike Egger (Udc/Sg). Tuttavia, se un Comune in 30 anni non è stato in grado di contestare un edificio costruito fuori zona edificabile, allora si dovrebbe applicare la prescrizione. Questo periodo è infatti più che sufficiente per scoprire tali costruzioni e farle demolire. Prevedendo che l’obbligo di ripristinare la situazione conforme alla legge si estingua dopo 30 anni, come previsto per gli edifici costruiti all’interno delle zone edificabili, non si fa altro che garantire la parità di trattamento, ha precisato l’altra relatrice commissionale Christine Bulliard-Marbach (Centro/Fr). In assenza di una disposizione chiara in materia, finora si partiva del resto dal principio che anche fuori zona edificabile si applicava la prescrizione dopo un trentennio. Con questa mozione, ha proseguito la friburghese, aumenterebbe la sicurezza giuridica per i proprietari e gli utilizzatori di queste strutture. È proprio per garantire l’uguaglianza del diritto che occorre respingere la mozione, ha replicato Ursula Schneider Schüttel (Ps/Fr). È una questione di rispetto per chi si adegua alla legge. Per Schneider Schüttel demolire le costruzioni illegali fuori zona edificabile è conforme agli obiettivi della pianificazione del territorio che prevedono un uso parsimonioso del suolo. La zona non edificabile dovrebbe essere libera da costruzioni. «È il principio stesso della separazione delle zone». Da parte sua, la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha sostenuto come la mozione ricompensa chi ha costruito in modo illecito. «Non capisco questo bisogno di proteggere un atto illegale», ha sostenuto. Tali abusi edilizi hanno un impatto sensibile sul paesaggio, la natura e l’ambiente e possono anche influenzare la gestione agricola. «Chi volete proteggere?», si è chiesta la consigliera federale. Compito delle autorità è fare in modo che chi costruisce in modo illegale non venga privilegiato, ha aggiunto, invano.

Zali: ‘Importante fissare un termine’

«Sicuramente non si tratta di un condono edilizio», premette il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali da noi interpellato, perché «si tratta di introdurre un termine di prescrizione entro il quale non può più essere chiesto un ripristino. La legge era silente, adesso si spera che il tutto venga fissato». Zali guarda con favore agli Stati per il via libera definitivo: «Sono soddisfatto del voto al Nazionale, anche se mi aspetterei che la prescrizione fosse più breve. Trent’anni mi sembra un lasso di tempo enormemente lungo per la sicurezza del diritto, anche se è vero che deve essere un tempo sufficiente per mitigare le conseguenze di un intervento abusivo».

La scheda

Di cosa parliamo

Di rustici (Ticino), mazot (Vallese), Maiensässe (Grigioni), châlet e tutte le altre costruzioni (stalle, granai, ecc.) situate fuori zona edificabile in Svizzera. Secondo i calcoli della tv svizzero tedesca Srf, sono circa 600mila. Solo una piccola parte è abusiva o presenta parti costruite illegalmente. Per il Ticino il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali aveva evocato lo scorso agosto la cifra di 2mila rustici.

La sentenza

Nell’aprile del 2021 il Tribunale federale (Tf) ha emesso una sentenza di ampia portata, che fa giurisprudenza. Esprimendosi sul caso di un deposito lucernese situato in zona agricola, ha deciso che queste costruzioni illegali, costruite prima del 1983, devono essere demolite. Dalla sentenza del Tf le costruzioni illegali situate nella zona edificabile e quelle situate fuori da essa non sottostanno più alle medesime regole. Per le prime, l’obbligo di ripristinare la situazione conforme alla legge si estingue di principio dopo 30 anni. In altre parole: se dopo 30 anni sono ancora lì, lì possono restare. Le seconde invece vanno smantellate, anche se sono state erette più di 30 anni fa. In realtà, ciò avviene di rado: comuni e cantoni spesso chiudono un occhio.

La mozione

La mozione approvata giovedì dal Nazionale propone di introdurre una prescrizione di 30 anni anche per gli edifici costruiti illecitamente fuori dalle zone edificabili. Detto altrimenti: se 30 anni dopo la loro costruzione questi edifici sono ancora lì, nessuno può obbligare i suoi proprietari ad abbatterli. La mozione passa ora al Consiglio degli Stati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale kurt fluri rustici tribunale federale zone edificabili
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved