la-maggioranza-degli-svizzeri-approva-il-liberi-tutti-di-berna
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
44 min

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 ora

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
3 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
5 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
5 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
7 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
7 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
1 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
1 gior

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
17.02.2022 - 17:25
Aggiornamento: 17:42
Ats, a cura de laRegione

La maggioranza degli svizzeri approva il ‘liberi tutti’ di Berna

Lo rivela un sondaggio Ssr. Solo il 28% della popolazione pensa che il Consiglio federale sia stato precipitoso. Disaccordo sulle mascherine

La maggioranza degli svizzeri è convinta che il Consiglio federale non abbia agito troppo in fretta togliendo ieri praticamente tutte le restrizioni anti-Covid. Solo poco più di uno su quattro – il 28% – crede che il governo sia stato eccessivamente precipitoso. La popolazione appare invece più spaccata sulla questione mascherine.

A rivelarlo è un sondaggio della Ssr, commissionato all’istituto Sotomo, pubblicato oggi. Si tratta della decima inchiesta di questo tipo realizzata per tastare il polso ai cittadini sulla gestione e sulle conseguenze dell’epidemia.

Effettuato tra il 4 e il 13 febbraio, quindi prima dell’abolizione ufficiale delle misure introdotte per arginare il coronavirus ma quando ormai le intenzioni del governo erano note, il sondaggio mette in evidenza come sia solo una minoranza a essere poco convinta del cosiddetto "Freedom Day". Anzi, il 39% avrebbe addirittura preferito aperture ancora più rapide.

Più controverso l’obbligo di indossare la mascherina, mantenuto solo sui trasporti pubblici e nelle strutture sanitarie. Il 53% si è infatti espresso per l’eliminazione generale di questa imposizione nelle prossime settimane, ma allo stesso tempo la maggioranza sarebbe favorevole a conservarla nei negozi (55%) e sui mezzi (61%).

Aumenta l’ottimismo

In linea di principio, dalla ricerca condotta online coinvolgendo 33’673 persone da tutta la Svizzera emerge che la popolazione non è mai stata così fiduciosa sull’esito della pandemia dall’inizio della crisi. Il 50% si dice piuttosto o molto ottimista, mentre a mantenere un certo grado di pessimismo è il 16% del campione intervistato.

Ottimismo non significa però che gli svizzeri siano ormai certi di essere tornati definitivamente alla normalità pre-Covid. Il 51% si aspetta invece che le misure restrittive tornino il prossimo inverno.

Riguardo ai singoli provvedimenti, solo l’abolizione dei tamponi ai sintomatici (54%) e dell’isolamento dei positivi (58%) sono stati respinti dalla maggioranza. Per quel che concerne il pass sanitario, il 64% degli interrogati sostiene la decisione di farlo decadere ovunque.

Con il miglioramento della situazione accusa perdite rispetto allo scorso autunno il campo dei fautori della vaccinazione obbligatoria. Scende al 41% il tasso di chi pensa che bisognerebbe introdurla nel settore sanitario e delle cure, mentre il 33% rimane sostenitore di un obbligo generale.

Cassis in ripresa

Il Consiglio federale non sembra però aver beneficiato dello slancio di ottimismo dei cittadini. Sebbene gran parte degli svizzeri preferisca l’operato di Berna durante la pandemia se paragonato a quello del resto d’Europa, la percentuale di persone che hanno molta o moltissima fiducia nella politica in materia del governo è passata dal 53 al 45%. Più di uno su due vorrebbe inoltre, ed è la prima volta, vedere ridotto il potere decisionale dell’esecutivo.

Chi invece ha approfittato della maggior visibilità regalata dal suo nuovo ruolo di presidente della Confederazione è Ignazio Cassis che, come Guy Parmelin prima di lui, vede il suo gradimento in crescita. Il ticinese resta sì in settima e ultima piazza, ma ha notevolmente ridotto il gap con i colleghi. Le note migliori rimangono quelle assegnate al ministro della sanità Alain Berset.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale coronavirus restrizioni anti-covid sondaggio ssr
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved