perche-e-sbagliato-mettere-i-piccoli-contro-i-grandi
Keystone
Nel pacchetto un mix di aiuti indiretti (alla stampa scritta) e diretti (ai media online)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
2 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
2 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
4 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
4 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
5 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
Svizzera
5 ore

Reti termiche, ecco la carta per il loro potenziamento

Direttori cantonali dell’energia, Associazione dei Comuni svizzeri e Unione delle Città svizzere gomito a gomito per promuovere il teleriscaldamento
Svizzera
6 ore

Produzione e fatturato in crescita per il settore secondario

L’incremento è stato del 4,1% rispettivamente del 9,5%. Prosegue il trend positivo ininterrotto dal primo trimestre del 2021
Svizzera
8 ore

Votazioni federali, maggioranza a favore della riforma Avs

Verso due chiari ‘sì’ (meno scontato per l’imposta preventiva) e uno più risicato per lo stop all’allevamento intensivo
Svizzera
20 ore

In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo

La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale
Svizzera
21 ore

Cancellato il Salone dell’Auto di Ginevra del 2023

Gli organizzatori motivano la decisione con le incertezze dell’economia globale e della geopolitica
Svizzera
21 ore

Locale ‘no Covid pass’ chiuso, il Cantone ha agito correttamente

Respinto dal Tribunale cantonale il ricorso dei gerenti del Walliserkanne di Zermatt, chiuso per il rifiuto di controllare il certificato Covid ai clienti
Svizzera
23 ore

I paradisi per pensionati svizzeri? Canada e Australia

La maggior parte degli svizzeri trascorre in patria la propria pensione, ma alcuni sono attratti da altri Paesi per godersi il meritato riposo
Svizzera
1 gior

Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni

La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
1 gior

Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone

L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
1 gior

Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi

A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
1 gior

69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie

In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
1 gior

Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid

Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
1 gior

Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze

Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
1 gior

Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole

Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
1 gior

La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio

La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
1 gior

Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle

Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
1 gior

La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione

Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
1 gior

Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo

La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
Svizzera
1 gior

Vendita di canapa: Basilea fa da apripista

Il primo studio sperimentale in Svizzera scatterà a metà settembre in riva al Reno. Iscrizioni aperte: i posti sono limitati a 370
Svizzera
1 gior

Caro-benzina, da Berna un nuovo no a misure urgenti

Prezzi artificialmente bassi creerebbero incentivi sbagliati e peggiorerebbero la situazione. Con un aumento dei consumi
Svizzera
1 gior

Viola Amherd ai Campionati europei di Monaco

Domani e dopodomani la ‘ministra’ dello Sport sarà in Baviera. Dove assisterà alle gare di atletica e mountain bike
Svizzera
1 gior

Swisscom e l’apprendista ‘misterioso’

Un progetto pilota mira a selezionare i candidati senza sapere nulla dei loro studi e del loro curriculum. ‘La persona viene prima del suo dossier’
Svizzera
1 gior

Nottata di violenti nubifragi a Basilea e in Ticino

Sulle sponde del Reno sono caduti 58 millimetri di pioggia al metro quadrato, 56 sulle rive del Lago Maggiore. Diverse le strade allagate
Svizzera
1 gior

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
1 gior

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
1 gior

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
2 gior

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
2 gior

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
2 gior

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
aiuti ai media
04.02.2022 - 20:54
Aggiornamento: 23:24

Perché è sbagliato mettere i ‘piccoli’ contro i ‘grandi’

Chi approfitterà di più del pacchetto in votazione in Svizzera il 13 febbraio? Alcune chiavi per districarsi tra cifre e slogan.

Centotrentasei milioni di franchi all’anno, provenienti in parte dal bilancio della Confederazione (51 milioni) e in parte (85) dal canone radiotelevisivo: a tanto ammonta oggi in Svizzera il sostegno ai media privati, vale a dire quotidiani e riviste in abbonamento, periodici della stampa associativa e delle fondazioni, radio locali e tv regionali. Nei prossimi anni la somma potrebbe essere più che raddoppiata. Consiglio federale e Parlamento vogliono infatti rafforzare le testate locali e regionali. Per questo hanno confezionato un pacchetto di misure che porta a un massimo di 287 milioni il sostegno pubblico al settore: fanno 151 milioni di franchi in più all’anno (vedi grafico), per sette anni. Totale: poco più di un miliardo di franchi. Circa un quinto (210 milioni) è destinato alla promozione dei media online a pagamento: una novità per la Svizzera.

Come verrà suddivisa la torta se la maggioranza del popolo voterà ‘sì’ il 13 febbraio? A chi andrà la fetta più grande? Ai grossi gruppi mediatici, oppure agli editori piccoli e medi? È il principale ‘nodo’ del pacchetto in votazione. Favorevoli e contrari si accusano a vicenda di diffondere ‘fake news’. ‘laRegione’ ha tentato di districarsi tra cifre e slogan. Per capire se ha davvero senso contrapporre gli uni agli altri.

Qual è il contesto?

Introiti pubblicitari in caduta libera, assorbiti in parte dalle piattaforme online globali (Google, Facebook ecc.); calo del numero di abbonati; costi (carta, trasformazione digitale ecc.) che lievitano; lettori poco propensi a pagare per i contenuti sul web: anche in Svizzera i media incontrano enormi difficoltà – di natura finanziaria, ma non solo – nel processo di trasformazione digitale. Negli ultimi anni il paesaggio mediatico è mutato: redazioni sono state accorpate, fusioni e acquisizioni hanno consentito a grandi gruppi di accaparrarsi generose fette di mercato. Dal 2003 oltre 70 testate sono scomparse, insiste la ministra della comunicazione Simonetta Sommaruga citando i dati dell’istituto di riferimento Remp. Il comitato referendario contesta: la cifra è esagerata e non tiene conto delle numerose piattaforme online – gratuite e a pagamento – nate negli ultimi anni.

Cosa dicono i contrari?

Che ad approfittare del pacchetto saranno soprattutto i grandi gruppi mediatici. Lo slogan: ‘No a miliardi di contributi pubblici per i media milionari’ (addirittura ‘178 miliardi’ sta scritto sulla pagina web in italiano del comitato referendario…). In particolare, il 70-75% dei 151 milioni supplementari previsti andrebbero ai quattro ‘big’ (Tx Group-Tamedia, Ringier, CH Media, Nzz), che lo scorso anno – in piena pandemia – hanno realizzato utili per oltre 300 milioni di franchi complessivi. La rivista svizzerotedesca dei consumatori K-Tipp ha calcolato che CH Media, Tamedia e Ringier otterrebbero in tutto almeno 50 milioni di franchi grazie alle tariffe agevolate per la distribuzione postale e ai proventi del canone radiotelevisivo (per CH Media, proprietario di emittenti tv e radio), senza contare quanto incasserebbero a titolo di contributi per la promozione dell’online. Riassumendo: il pacchetto non farebbe altro che cementare l’oligopolio dei grandi gruppi, a discapito della diversità mediatica lodata e promessa da chi si batte per il ‘sì’.

Cosa replicano i favorevoli?

Che il pacchetto è stato concepito in modo che a trarne il profitto maggiore siano i giornali di piccole e medie dimensioni. L’obiettivo, sottolinea il Consiglio federale, è di “potenziare l’informazione nelle città meno grandi e nelle regioni rurali”. Simonetta Sommaruga non manca occasione per ribadire che lo scopo precipuo è quello di sostenere le redazioni locali, affinché anche in futuro sia garantita la copertura mediatica in tutte le regioni e lingue nazionali. Una cosa è certa: ai ‘grandi’ verrebbe servita una fetta non esigua della torta. Peter Wanner, editore di CH Media, ha affermato all’emissione ‘Club’ della Srf che al massimo un terzo degli aiuti andrebbe al suo gruppo e agli altri tre ‘big’: nell’arco di sette anni, sarebbero all’incirca 350 milioni di franchi. Il Ceo di Ringier Marc Walder conta su 5-8 milioni di franchi in più all’anno. La ‘Nzz’ parla di “qualche milione”.

Distribuzione dei giornali

Vediamo nel dettaglio. Nel 2020 quasi l’80% delle sovvenzioni alla distribuzione postale di quotidiani e settimanali in abbonamento è andato a beneficio di testate di piccole e medie dimensioni, indica l’Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom). Le tre maggiori case mediatiche (Ringier, Tx Group-Tamedia, CH Media) hanno ottenuto soltanto il 20%. Il progetto prevede di aumentare il sostegno da 30 a 50 milioni di franchi l’anno. Oggi i giornali a più alta tiratura (‘24Heures’, ‘Luzerner Zeitung’, ‘Nzz’, ‘Blick’, ‘Tages-Anzeiger’ ecc.) ne sono esclusi. In futuro invece ne approfitterebbero. Per scongiurare il rischio di una frattura tra grandi e piccoli-medi editori, il Parlamento infatti ha tolto l’asticella delle 40mila copie che limitava le sovvenzioni a questi ultimi. La ripartizione dei fondi però cambierà solo leggermente: la maggior parte degli aiuti continuerebbe ad andare alle piccole e medie case editrici, assicura l’Ufcom. Questo grazie in particolare a una clausola degressiva: più aumenta la tiratura, meno consistente è lo ‘sconto’ per copia distribuita.

Recapito mattutino e domenicale

È una delle novità del pacchetto: il sostegno al recapito mattutino (entro le 6.30 nei giorni feriali) e domenicale (entro le 7.30). Il Parlamento ha messo a disposizione 40 milioni all’anno. In teoria ne possono beneficiare tutti, grandi e piccoli editori. In pratica, una fetta consistente di questa somma dovrebbe essere appannaggio dei grandi gruppi proprietari dei domenicali (p. es. ‘Sonntagszeitung’, ‘Sonntagsblick’, ‘Le Matin Dimanche’). I contrari parlano di un 90%. “Fake news”, ha dichiarato a ‘Le Temps’ Daniel Hammer. Il segretario generale di Médias suisses, l’organizzazione mantello degli editori romandi, ricorda che anche numerose testate regionali (‘La Liberté’, ‘Walliser Bote’, ‘Corriere del Ticino’) hanno una rete di distribuzione per il recapito mattutino. Anche loro trarrebbero beneficio da quest’inedita sovvenzione.

Media online

La promozione indiretta della stampa e il sostegno a radio locali e tv regionali tramite il canone radiotelevisivo sono noti da tempo. Invece, la promozione diretta dei media online – una realtà in vari paesi europei (vedi ‘laRegione’ del 27 gennaio 2022)– è una novità per la Svizzera. I contributi (30 milioni l’anno) sono esplicitamente destinati ai media di piccole e medie dimensioni, al fine di rafforzare la diversità del paesaggio mediatico. Anche qui c’è una clausola degressiva: più la cifra d’affari è elevata, più il contributo diminuisce. Inoltre è stata introdotta una ‘clausola holding’ – combattuta in Parlamento dall’Udc e da una parte del gruppo Plr, ora schierati a difesa dei piccoli e medi editori... – allo scopo di evitare che i grandi gruppi possano presentare in un’unica regione linguistica più d’una richiesta di contributo. Come verrà applicata questa nuova forma di sostegno, non è ancora dato sapere. I dettagli saranno definiti in un’ordinanza dal Consiglio federale, se del caso. L’Ufcom stima che la metà abbondante delle sovvenzioni (54%) andrà alle aziende con una cifra d’affari superiore ai 5 milioni di franchi, il resto (46%) a quelle con un fatturato inferiore a tale cifra. Il direttore dell’Ufcom Bernard Maissen ha dichiarato al ‘Tagi’: “Nell’applicazione [della legge], il Consiglio federale sarà chiamato a mantenere la sua promessa che, proporzionalmente, saranno soprattutto gli editori locali e regionali ad approfittarne. Uno spostamento a favore dei grandi editori non se lo può permettere”.

Più o meno a metà strada

Siamo in piena campagna per la votazione, normale che ognuno cerchi di tirare acqua al proprio mulino. Molto dipende da cosa s’intende per ‘grande gruppo mediatico’. I fautori del ‘no’ includono in questa categoria, assieme ai quattro big, anche una decina di altre testate o gruppi, non tutti propriamente ‘grandi’ (c’è anche l’‘Engadiner Post’, per dire). Non solo: attribuiscono essenzialmente ai ‘grandi’ gli aiuti supplementari (23 milioni) previsti per il sistema mediatico nel suo assieme (scuole di giornalismo, agenzie di stampa, Consiglio svizzero della stampa ecc.); e affermano che finiranno nelle loro tasche anche i tre quarti circa dei 28 milioni in più destinati a radio locali e tv regionali (cifra contestata da Schweizer Medien, secondo cui l’83% andrà alla trentina di emittenti indipendenti e solo il 17% ai grandi, in pratica solo CH Media). In sintesi: la stima complessiva fatta dai contrari (70-75%) pecca per eccesso, probabilmente quella di Peter Wanner (un terzo al massimo) per difetto. La verità dovrebbe situarsi più o meno a metà strada. La ‘Neue Zürcher Zeitung’ presume che ai quattro grandi – che, va ricordato, in termini relativi già beneficiano molto più dei piccoli dell’Iva ridotta sui giornali – spetterà “forse” il 30-50% dei 151 milioni supplementari in gioco. Sulla ‘Weltwoche’ e in un’intervista al portale ‘Inside Paradeplatz’, il noto giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann sostiene che fra grandi e piccoli editori si è creato un rapporto del 50-50%: alla fine la metà circa dei soldi andrà ai cinque gruppi principali (Ringier, Tx Group, CH Media, Somedia e Nzz), l’altra ai giornali locali e ai portali internet ‘minori’.

Contrapposizione fuorviante

È un dato di fatto: decine di milioni finiranno nelle casse di gruppi che macinano utili (non con le attività giornalistiche) e versano dividendi ai loro azionisti. Quegli stessi gruppi che intanto allestiscono piani di risparmio per le redazioni e non sempre si fanno troppi scrupoli quando si tratta di far seguire fatti alle parole sul rispetto della diversità mediatica (vedi ad esempio la fusione di ‘Bund’ e ‘Berner Zeitung’, i due storici quotidiani bernesi proprietà di Tamedia). Detto questo, occorre tener presenti alcuni aspetti:

  • Si vota su un compromesso: se non fossero state fatte concessioni ai grandi, non saremmo qui a parlare di un pacchetto di aiuti ai media. Un pacchetto la cui validità è in buona parte limitata a 7 anni. E che oltretutto è sostenuto da un gran numero di editori piccoli e medi, da sindacati e organizzazioni dei giornalisti. Segno che in gioco – al di là di chi approfitterà di quanto – vi sono anzitutto un’informazione diversificata e capillare, nonché le condizioni di lavoro che consentono una produzione giornalistica di qualità. “L’alternativa al sostegno pubblico del paesaggio mediatico è cederne il controllo a dei monopolisti. Questo atrofizza il discorso democratico e prepara il terreno per le fake news”, scrive Syndicom.
  • Più che in termini assoluti, l’importanza degli aiuti in gioco va misurata in termini relativi. In altre parole: un sostegno di – mettiamo – 100mila franchi, per un quotidiano di medie dimensioni come ‘laRegione’ può contare almeno altrettanto di quanto possa valere un contributo plurimilionario per un grande gruppo come Ringier.
  • La distinzione fra ‘grandi’ e ‘piccoli’ è caricaturale. I grandi gruppi mediatici pubblicano numerose testate regionali e locali di qualità. Le loro redazioni centrali, ben fornite di giornalisti, garantiscono una vasta e apprezzata copertura dell’attualità nazionale e internazionale. Di questa approfittano tutti, compresa la stessa Ssr e le testate medie e piccole al di fuori della loro orbita, che invece consacrano buona parte delle risorse alla cronaca locale e regionale.
  • Mettere i ‘grandi’ contro i ‘piccoli’ è fuorviante. “Non ha senso, perché i grandi ‘approfittatori’ della situazione attuale sono i ‘Gafa’ [Google, Facebook e Amazon, ndr], che aspirano buona parte degli introiti pubblicitari”, ricorda Simonetta Sommaruga. Come dire: tra i due (presunti) litiganti…
Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
media online pacchetto sostegno votazione 13 febbraio 2022
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved