ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
10 ore

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
13 ore

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
14 ore

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
16 ore

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
18 ore

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
1 gior

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
1 gior

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior

Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto

La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior

Contromano e in stato confusionale sull’A1, arrestato

Il rocambolesco fermo è avvenuto nei pressi di Neuenhof. Prima che la sua corsa finisse, il 64enne al volante ha invertito due volte la sua marcia
Svizzera
1 gior

In Svizzera si alleva sempre più pollame

Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior

Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti

Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
2 gior

In aumento i casi di maltrattamento di minori

Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
2 gior

Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni

Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
2 gior

Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori

Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
2 gior

Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate

Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
14.02.2022 - 22:33
Aggiornamento: 15.02.2022 - 15:22

‘Aiuti straordinari Covid ai media anche per quest’anno’

Il consigliere nazionale Marco Romano lo proporrà alla prossima seduta della Commissione trasporti. Sul tavolo una somma di 15-20 milioni di franchi

aiuti-straordinari-covid-ai-media-anche-per-quest-anno
Keystone
Marco Romano

Tutti gli aiuti Covid sono stati prorogati anche nel 2022, quelli per i media invece no; e in questi primi mesi dell’anno, nonostante la pandemia sembri volgere al termine, la situazione per le aziende mediatiche non è migliorata (anzi) rispetto al 2021 e al 2020. Parte da una duplice constatazione Marco Romano. Il consigliere nazionale dell’Alleanza del Centro – tra i più acerrimi fustigatori del ‘pacchetto’ di aiuti respinto in votazione popolare questa domenica – ora vuole che la Confederazione confermi anche per il 2022 gli aiuti transitori a favore del settore concessi nel biennio precedente. Parliamo di una cifra che dovrebbe situarsi tra i 15 e i 20 milioni di franchi.

Il deputato momò formulerà la proposta in occasione della prossima seduta della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni (Ctt-N), in programma dopo la sessione primaverile delle Camere federali (28 febbraio-18 marzo). Si tratta di prorogare un’altra volta (sarebbe la terza) le ordinanze Covid-19 ‘media stampati’ e ‘media elettronici’, entrambe scadute alla fine del 2021. L’idea, spiega Romano alla ‘Regione’, è che il Consiglio federale «faccia un’aggiunta al preventivo 2022 e che il Parlamento poi approvi il relativo credito straordinario». Il consigliere nazionale non prevede resistenze. «Abbiamo fatto la stessa cosa per i trasporti pubblici, per i casi di rigore, per il settore delle fiere e degli eventi: non vedo perché adesso non lo si debba poter fare per i media».

Crediti utilizzati solo in parte

Le ordinanze sono state adottate dal Consiglio federale il 20 maggio 2020 per far fronte alla situazione eccezionale dovuta alla pandemia, che ha rafforzato la tendenza verso un forte calo degli introiti pubblicitari. Prevedono misure transitorie a favore dei media stampati e l’assunzione da parte della Confederazione (fino a un massimo di 10 milioni di franchi) dei costi fatturati ai media elettronici dall’agenzia di stampa Keystone-Ats. Nel 2020 e nel 2021, la stampa locale e regionale ha ricevuto così un aiuto complementare. Quotidiani e settimanali in abbonamento che beneficiavano già del sostegno ordinario sono stati recapitati gratuitamente dalla Posta. Quelli con una tiratura di oltre 40mila copie per edizione hanno ricevuto uno sconto di 27 centesimi per copia sulla distribuzione regolare. Il sostegno transitorio è stato concesso solo a condizione che gli editori si impegnassero per iscritto a non versare dividendi per l’esercizio 2020 e 2021. La misura è complementare alla promozione indiretta della stampa, che prevede 30 milioni di franchi l’anno a sostegno della stampa locale e regionale e 20 milioni di franchi l’anno a sostegno della stampa associativa e delle fondazioni.

La Confederazione ha messo a disposizione a titolo di aiuti transitori 20,42 milioni di franchi nel 2020 e 17,5 milioni nel 2021. Nel 2020 è stata utilizzata soltanto poco più della metà (11,8 milioni) del credito stanziato. Il resto della somma (8,62 milioni) è tornato nelle casse della Confederazione. Non si sa ancora quanto sia stato effettivamente versato lo scorso anno. «L’Ufficio federale delle comunicazioni parte dal presupposto che i crediti siano stati esauriti», dice Romano. Ma «il fatto che una parte cospicua dei crediti stanziati nel 2020 non sia stata utilizzata dà da pensare, poiché da tempo ci si viene a dire che la situazione nel settore è drammatica», osserva il 39enne. Una possibile spiegazione c’è: risiede nel divieto di versare dividendi, concepito per favorire i piccoli e medi editori. La relativa clausola inserita nell’ordinanza media stampati interessa infatti in massima parte i grandi gruppi mediatici. A differenza di quanto avviene per le sovvenzioni ordinarie alla distribuzione postale, i quotidiani e i settimanali in abbonamento con una tiratura superiore alle 40mila copie per edizione possono beneficiare di questi aiuti straordinari. È presumibile che almeno una parte di loro abbia preferito continuare a versare dividendi, rinunciando così a richiedere i contributi pubblici. Ma non è dato sapere chi ha ricevuto quanto e chi, pur potendovi attingere, non si sia fatto avanti presso l’Ufcom.

Romano vorrebbe che gli aiuti transitori siano confermati anche per l’anno in corso. Una quindicina di milioni di franchi almeno, che per i quotidiani e i settimanali in abbonamento significherebbero in pratica veder ancora azzerati i costi della distribuzione postale. Il deputato ticinese non manca di far notare che se il defunto pacchetto di aiuti fosse stato approvato dal popolo, «nel 2022 non ci sarebbe stato un franco» per i media. Invece così si prospetterebbe un’ulteriore boccata d’ossigeno per giornali come ‘laRegione’, nell’attesa che in Parlamento vengano rilanciati gli aspetti meno controversi del pacchetto affossato alle urne, come l’aumento delle ordinarie sovvenzioni indirette alla stampa e della quota parte del canone radiotelevisivo appannaggio di radio locali e tv regionali.

‘La Ssr colga il segnale’

Romano ha le sue idee anche su tutte queste cose. Sostegno indiretto: «Il tetto delle 40mila copie deve restare, per evitare che i grandi gruppi vengano favoriti». Proventi del canone per radio e tv private: «Tocca al Consiglio federale agire, non al Parlamento». Media online: «Bisogna sostenere solo chi [come Watson, Republic, Heidi.news ecc., ndr] fa informazione sul canale digitale rispettando i criteri del servizio pubblico». Una mezza idea il consigliere nazionale – che siede nel comitato della Aktion Medienfreiheit (Azione libertà dei media), dalla quale negli ultimi anni sono partiti bordate contro la Ssr – ce l’ha anche sull’iniziativa ‘No Billag bis’, che mira tra l’altro a ridurre a 200 franchi il canone radio-tv. Ieri si è formata una ‘Alleanza per la diversità dei media’ con l’obiettivo di fare fronte comune contro l’iniziativa, rilanciata domenica dal consigliere nazionale dell’Udc Gregor Rutz, anch’egli nel comitato della Aktion Medienfreiheit. Romano: «Non sono nel comitato interpartitico che la sta elaborando, ma sono curioso di vedere come andrà la raccolta delle firme. Ad ogni modo spero che stavolta la Ssr colga il segnale e sia più conseguente di quanto lo sia stata dopo il ‘no’ all’iniziativa No-Billag». Concretamente? «Che riduca le sue attività online e, soprattutto nella Svizzera tedesca, si ritiri da quegli ambiti (come l’intrattenimento) dove l’offerta dei privati è ricca».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved