e-la-svizzera-scopre-la-promozione-diretta-dei-media-online
Keystone
Promozione indiretta e diretta dei media, acceso dibattito in Svizzera
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
4 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
4 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
5 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
5 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
6 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
7 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
7 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
7 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
11 ore

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
11 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
1 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
1 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
1 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
1 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
1 gior

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
laR
 
27.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 08:53

E la Svizzera scopre la promozione diretta dei media online

È la novità del pacchetto in votazione il 13 febbraio. Ma molti Paesi europei la conoscono già da tempo.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È la principale novità del ‘pacchetto’ in votazione il 13 febbraio: l’introduzione di un aiuto diretto ai media online. Sono 30 milioni di franchi all’anno (su un totale di 151 milioni, vedi grafico), per sette anni. Obiettivo: accompagnare, incoraggiare la transizione digitale dei giornali. Il sostegno – sancito da una nuova Legge sulla promozione dei media in linea – è pensato esclusivamente per le offerte a pagamento (abbonamenti, ‘pass’ giornalieri, donazioni dei lettori, ecc.). I portali gratuiti sono esclusi. Altri criteri di natura formale devono essere rispettati, come una cifra d’affari minima e una chiara separazione tra contenuti redazionali (costantemente aggiornati) e pubblicità.

Per la Svizzera sarebbe qualcosa di inedito. Finora il pilastro della promozione dei media era il sostegno indiretto alla stampa: da quando esiste (1848), lo Stato federale assume una parte dei costi di distribuzione postale di giornali e riviste in abbonamento, nonché della stampa associativa e delle fondazioni. Dalla metà degli anni 90, poi, una quota parte dei proventi del canone radiotelevisivo viene versata alle radio locali private e alle televisioni regionali, a mo’ di indennizzo per le prestazioni di servizio pubblico che forniscono. Una sorta di finanziamento diretto, che però non avviene attingendo alle finanze federali. La promozione dei media online, invece, verrebbe finanziata con le risorse generali della Confederazione.

Aiuti diretti ai media estesi all’online

Molti altri paesi in Europa hanno già imboccato la via del sostegno diretto ai media online. “Gli Stati scandinavi, l’Italia, il Liechtenstein e il Lussemburgo hanno già da decenni un aiuto diretto ai media e l’hanno semplicemente esteso alle offerte su internet”, ha spiegato di recente a swissinfo.ch Manuel Puppis. Il professore in struttura e gestione dei media all’Università di Friburgo nel 2019 ha realizzato uno studio comparativo sulla questione, aggiornato nell’autunno del 2020 in un rapporto all’attenzione dell’Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom). Ne risulta che nei paesi esaminati in maniera approfondita – Germania, Francia, Italia, Canada, Lussemburgo e Paesi Bassi – la promozione dei media online è molto diffusa.

Però vanno fatti i dovuti distinguo. In Danimarca, Italia, Canada, Lussemburgo, Norvegia e Svezia vi è una promozione diretta della produzione per il giornalismo scritto online; in Finlandia quantomeno una per le pubblicazioni in lingue minoritarie, in Francia una per i media locali. Una promozione diretta ‘convergente’ (ossia allo stesso tempo di audio, video e testo; online e offline) rappresenta un’eccezione (Svezia e in parte Canada). Quasi ovunque, infine, esistono strumenti di promozione diretta di singoli progetti (per innovazioni e trasformazioni digitali, start-up e/o inchieste giornalistiche).

In tutti i sistemi mediatici analizzati, la stampa scritta e quella online vengono promossi anche in maniera indiretta. Si tratta essenzialmente di una riduzione dell’imposta sul valore aggiunto (anche in Svizzera è così, per i giornali), quando non di un’esenzione da questa. Qua e là poi sono in vigore altri strumenti di promozione indiretta: detrazioni fiscali, sostegno statale alla formazione e alla formazione continua, aiuti pubblici agli organismi di autoregolamentazione (il Consiglio della stampa in Svizzera) e/o alle agenzie di stampa (Keystone-Ats in Svizzera). Senza dimenticare che diversi paesi, al pari della Confederazione, conoscono da decenni tariffe postali agevolate per la distribuzione dei giornali.

Strumenti ‘selettivi’

Le possibilità non mancano, dunque, per accompagnare la stampa scritta nella trasformazione digitale. Un processo nel quale è essenziale preservare la pluralità dei paesaggi mediatici nazionali. In questo senso, scrivono Manuel Puppis e Stefano Pedrazzi nel rapporto all’Ufcom, gli strumenti di promozione vanno configurati in modo selettivo. Ad esempio prevedendo un sostegno decrescente, ovvero inversamente proporzionale al fatturato; oppure introducendo una ‘clausola holding’, che vieti ai grandi gruppi mediatici di presentare più di una richiesta di contributo per regione.

I contrari al pacchetto in votazione il 13 febbraio in Svizzera (che questo genere di meccanismi correttivi li contempla) vedono l’indipendenza delle redazioni minacciata dagli aiuti statali. Ma i fondi non verranno assegnati (o negati) in funzione del contenuto redazione, né di un mandato di prestazione tra lo Stato e il media in questione. Nella loro analisi, Puppis e Pedrazzi giungono alla conclusione che “anche strumenti di promozione diretti, attraverso la definizione di chiari criteri e un’ampia assegnazione automatica delle risorse, possono essere concepiti in modo che l’indipendenza dallo Stato sia garantita”. Prova ne è che “i Paesi nordici, con la loro lunga tradizione di promozione diretta dei media, sono anche i fari della libertà di stampa”.

Da un altro studio comparativo tra otto paesi europei (Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Norvegia, Regno Unito, Svezia), pubblicato lo scorso anno dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri italiano, emerge peraltro “un quadro fortemente orientato alla tutela del pluralismo e dell’indipendenza del settore editoriale, fattori per i quali un finanziamento di natura pubblica risulta, specie all’indomani dell’emergenza sanitaria, quantomai essenziale”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giornali media online promozione stampa svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved