covid-quarantena-e-telelavoro-fino-a-fine-febbraio
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
10 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
13 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
13 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
14 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
14 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
16 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
16 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
17 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
18 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
19 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
19 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
19.01.2022 - 14:26
Aggiornamento : 15:44

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio

In considerazione della situazione critica negli ospedali, il Consiglio federale ha deciso durante la seduta odierna di prorogare i provvedimenti contro la diffusione del coronavirus e di ridurre a 270 giorni la durata di validità dei certificati di vaccinazione e guarigione a partire dal 31 gennaio. Per l’entrata in Svizzera vale la regola 3G.

L’obbligo del telelavoro e la quarantena dei contatti restano in vigore fino alla fine di febbraio. Le regole 2G e 2G+ per alcuni spazi interni, l’estensione dell’obbligo della mascherina al chiuso, la regola 3G per le manifestazioni all’aperto a partire da 300 persone e la limitazione degli incontri privati continuano a essere valide provvisoriamente fino alla fine di marzo. “Il Consiglio federale verifica costantemente se l’evoluzione della pandemia consente di anticiparne la revoca e nella seduta del 2 febbraio discuterà di possibili allentamenti”, si legge nel comunicato. La decisione è stata presa dopo aver consultato i Cantoni, le parti sociali, le commissioni parlamentari competenti e le associazioni interessate. “Tutti i cantoni si sono espressi a favore di una proroga dei provvedimenti”, comunica il governo federale.

Adeguamenti al regime di test per chi entra in Svizzera

A partire da sabato 22 gennaio, per entrare in Svizzera le persone vaccinate o guarite non devono più presentare il risultato negativo di un test Pcr o antigenico rapido, mentre per le persone non vaccinate o non guarite il regime di test resta invariato. Per queste persone si rinuncia per contro all’obbligo di un secondo test da effettuarsi da 4 a 7 giorni dopo l’entrata in Svizzera, questo “a causa delle capacità limitate di effettuare test sul territorio nazionale”.

Per l’entrata in Svizzera si applica quindi la regola 3G. Il modulo di entrata ‘Passenger Locator Form’ (Plf) dovrà essere compilato unicamente dalle persone che entrano in Svizzera in aereo o con gli autobus a lunga percorrenza.

Dopo la consultazione, il Consiglio federale ha inoltre deciso altri adeguamenti, validi dal 25 gennaio. Viene revocato l’obbligo di registrare i dati di contatto, misura che interessa le discoteche e determinate manifestazioni con al massimo 50 persone in luoghi chiusi senza limitazione d’accesso come manifestazioni religiose.

“Visto l’elevato numero di casi attualmente registrato e la limitazione della quarantena dei contatti, la disponibilità di sufficienti capacità di tracciamento dei contatti non costituisce più un presupposto affinché i Cantoni possano autorizzare lo svolgimento di grandi manifestazioni”, comunica la Confederazione.

Ulteriori aggiustamenti riguardano le deroghe cantonali all’obbligo di limitare l’accesso a grandi manifestazioni all’aperto, la regola 3G per gli esami federali di maturità, la proroga della scadenza per il rilascio di un certificato a persone che per motivi medici non possono né farsi vaccinare né sottoporsi al test e l’adeguamento dell’ordinanza.

Cambiano le priorità per i test Pcr

Viste la grande richiesta di test e la già forte sollecitazione delle capacità dei laboratori, l’Ufficio federale della sanità pubblica raccomanderà ai Cantoni di attenersi al seguente nuovo ordine di priorità per i test Pcr:

  1. Persone a rischio con sintomi o persone a rischio dopo un contatto con una persona risultata positiva al test;
  2. Test ripetuti nelle strutture sanitarie (ospedali, cliniche, case per anziani, case di cura, istituti per persone con disabilità);
  3. Test ripetuti in infrastrutture critiche (definite dai Cantoni);
  4. Test di persone sintomatiche (possibile l’impiego di test antigenici rapidi);
  5. Test ripetuti nelle scuole;
  6. Test ripetuti nelle aziende;
  7. Test per viaggi di lavoro o privati (se richiesto un Pcr);
  8. Test su richiesta (per ottenere il certificato di test).

Per sgravare ulteriormente i laboratori di analisi dei test Pcr, dal 24 gennaio basterà provvisoriamente un test antigenico rapido positivo per ottenere un certificato svizzero di guarigione, valido soltanto in Svizzera per 270 giorni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid svizzero consiglio federale coronavirus covid pass
Confederazione
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved