ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
7 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
11 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
12 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
13 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
15 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
15 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
15 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
17 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
18 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
19 ore

Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura

Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
1 gior

Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’

La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
14.12.2021 - 10:21
Aggiornamento: 17:06

Salario minimo e distaccati, il Nazionale entra in materia

La Camera del popolo ha votato l’entrata in materia sulla ‘mozione Abate’ che chiede di applicare il salario minimo ai lavoratori distaccati

salario-minimo-e-distaccati-il-nazionale-entra-in-materia
Keystone

I lavoratori distaccati devono sottostare al salario minimo stabilito da quei Cantoni che lo applicano. È l’opinione del Consiglio nazionale che – contrariamente agli Stati – ha deciso di entrare in materia su un disegno di legge frutto di una mozione dell’ex “senatore” Fabio Abate (PLR/TI). La decisione è stata presa con 104 voti contro 86 e 4 astenuti.

Petra Gössi (PLR/SZ) – a nome della maggioranza della commissione contraria alla revisione legislativa – ha evocato un problema d’applicazione della legge proposta: le disposizioni sui salari minimi non sono uguali nei Cantoni che le hanno introdotte. Non è dunque opportuno legiferare a livello nazionale, anche poiché i Cantoni possono risolvere da soli il problema.

“I problemi del Canton Ticino li deve risolvere il Canton Ticino, così come ha fatto il Giura”, ha aggiunto Thomas Burgherr (UDC/AG). Al confine con l’Italia servono soluzioni diverse rispetto a quelle necessarie a Ginevra, ha aggiunto l’argoviese esponendo la sua contrarietà nell’introdurre una soluzione a livello nazionale quando è possibile trovarne a livello locale.

Gössi ha poi anche sostenuto che la fissazione di salari minimi cantonali è una misura di politica sociale la cui attuazione spetta ai Cantoni, mentre la Legge federale sui distaccati (LDist) rientra nell’ambito della politica economica, di competenza della Confederazione. Burgherr ha anche detto di non volere “più Stato” nel settore. La proposta metterebbe a repentaglio il partenariato sociale, ha aggiunto Jürg Grossen (PVL/BE).

Qui non si tratta di decidere se i salari minimi siano una cosa positiva o negativa, ha replicato Fabio Regazzi (Centro/TI) a nome della minoranza. Ventitré Cantoni su ventisei si sono mostrati favorevoli al progetto, la cui attuazione permetterebbe di garantire la certezza del diritto e la tutela dei lavoratori svizzeri.

Con la situazione attuale, ha proseguito Regazzi, le aziende dell’Ue sono avvantaggiate rispetto alle PMI elvetiche. Il ticinese ha fatto l’esempio di un’azienda italiana, che potrebbe offrire in Ticino servizi a prezzo più basso. Il salario minimo lombardo è infatti la metà di quello in vigore nel cantone italofono.

“Come possono i fautori di una concorrenza libera ed equa respingere questo progetto che mira proprio a evitare una distorsione della concorrenza?”, si è chiesta Greta Gysin (Verdi/TI) domandando solidarietà con i cantoni di frontiera come il Ticino che hanno una difficoltà oggettiva con le aziende dell’Ue. Questa legge chiede unicamente di applicare le stesse condizioni a tutte le ditte attive in Svizzera, ha sostenuto Bruno Storni (PS/TI).

Il problema è innegabile e non si risolverà negando una discussione, ha sostenuto a nome dell’Alleanza del Centro Markus Ritter (SG). Una base legale è necessaria per evitare ricorsi il cui esito non è scontato, ha aggiunto.

Il progetto tiene conto della ripartizione delle competenze tra Cantoni e Confederazione stabilita nella Costituzione federale e garantisce l’osservanza del principio di non discriminazione sancito nell’Accordo sulla libera circolazione tra la Svizzera e l’Ue, ha precisato da parte sua il consigliere federale Guy Parmelin.

L’oggetto torna ora al Consiglio degli Stati. Qualora dovesse confermare la non entrata in materia, il progetto verrebbe definitivamente affossato.

La mozione

Con la sua mozione, Abate avrebbe voluto iscrivere nella Legge federale sui distaccati (LDist) il rispetto del salario minimo laddove esiste. Alla base dell’atto parlamentare inoltrato nel 2018 e approvato dai due rami del Parlamento, c’era l’introduzione, nei cantoni di Neuchâtel, Giura e Ticino (a cui si sono aggiunti nel frattempo Ginevra e Basilea Città), di leggi sul salario minimo per contrastare il dumping sociale e salariale.

La revisione della legge prevede la possibilità di imporre ai datori di lavoro esteri che inviano i propri dipendenti in Svizzera anche il rispetto delle condizioni salariali minime prescritte a livello cantonale. Questo aspetto non è al momento regolato nella LDist.

Per rispettare le norme salariali, le aziende e i relativi lavoratori dislocati dovrebbero rientrare nel campo d’applicazione delle leggi cantonali in materia. Il rispetto delle disposizioni sarebbe controllato dai Cantoni in base al diritto cantonale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved