BUF Sabres
0
Seattle Kraken
1
1. tempo
(0-1)
MON Canadiens
VAN Canucks
01:30
 
WIN Jets
ARI Coyotes
01:30
 
PHI Flyers
0
NY Islanders
0
fine
salari-minimi-e-distaccati-nuvole-cupe-sulla-mozione-abate
Fabio Abate durante una seduta degli Stati (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Coronavirus: ondata di annullamenti negli alberghi

Lo riferisce HotellerieSuisse. Fra le cause gli obblighi di quarantena per viaggiatori provenienti da alcuni Paesi
Svizzera
6 ore

Omicron spaventa, seduta di crisi del Consiglio federale

Il governo si riunirà domani pomeriggio anziché venerdì. Sul tavolo un pacchetto di misure confezionate dai servizi di Alain Berset
Svizzera
6 ore

CSt, fondi supplementari per il traffico regionale

Treni, autobus, battelli e impianti a fune riceveranno 4,35 miliardi di franchi per il quadriennio 2022-2025
Svizzera
8 ore

Thomas Hefti presidente del Consiglio degli Stati

62enne, di professione avvocato con un proprio studio legale, subentra ad Alex Kuprecht (Udc/Sz)
Svizzera
8 ore

‘Doppia ondata Omicron-Delta porterebbe al collasso’

Parole di Anne Lévy, direttrice Ufsp: ‘Impensabille tenere la variante Omicron fuori dalla Svizzera, ma possiamo almeno frenarne la diffusione’
Svizzera
9 ore

Svizzera, l’inverno si presenta: fino a mezzo metro di neve

Da domenica sera, nelle Alpi centrali e orientali nevica senza interruzione. Nel Canton Glarona, in località Tierfehd, a 800 metri di quota, 49 centimetri
Svizzera
9 ore

Vaccinazione sotto i 30 anni, Ufsp raccomanda Pfizer

Adeguate le raccomandazioni in base ai dati provenienti da analisi internazionali sulle dichiarazioni di miocardite
Svizzera
10 ore

Scrivere alcune parole su Twint può bloccare i pagamenti

A scoprirlo un cliente di un ristorante afghano di Zurigo che aveva scritto ‘Afghanistan’ come causale dell’invio all’amico della propria quota del conto
Svizzera
10 ore

Irène Kälin eletta presidente del Consiglio nazionale

La 34enne argoviese, esponente dei Verdi, ha ottenuto 151 voti su 166 schede valide
Svizzera
10 ore

Argovia, fanno esplodere un bancomat e fuggono con la refurtiva

Il furto ‘col botto’ nella notte presso la filiale Raiffeisen a Vordemwald. Sono una trentina i casi analoghi in mano alla Procura federale
Svizzera
11 ore

In Svizzera il Covid occupa un quarto delle terapie intensive

Nelle ultime 72 ore sono stati registrati quasi 20’000 contagi e 35 decessi
Svizzera
20.10.2021 - 12:430
Aggiornamento : 14:01

Salari minimi e distaccati, nuvole cupe sulla mozione Abate

Il Nazionale potrebbe seguire gli Stati e non entrare in materia sull’applicazione dei salari minimi ai lavoratori distaccati a livello nazionale

L’idea di imporre l’applicazione dei salari minimi ai lavoratori distaccati a livello nazionale, mediante un’aggiunta alla legge in vigore, ha le gambe corte. Dopo la non entrata nel merito da parte del Consiglio degli Stati (25 voti a 17 e una astensione) nel settembre scorso su un disegno di legge governativo frutto di una mozione dell’ex “senatore” Fabio Abate (PLR/TI), anche il Nazionale potrebbe fare altrettanto in dicembre.

Con 12 voti a 11 e una astensione, la Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) proporrà al plenum di non entrare in materia sul progetto. Il motivo? Oltre a minare il partenariato sociale, la maggioranza crede che spetti ai Cantoni far applicare salari minimi alle persone che lavorano sul proprio territorio.

Una forte minoranza ricorda tuttavia, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari, che buona parte dei Cantoni si è mostrata favorevole al progetto, la cui attuazione permetterebbe di garantire la certezza del diritto e la tutela dei lavoratori svizzeri.

La mozione

Con la sua mozione, Abate avrebbe voluto iscrivere nella Legge federale sui distaccati (LDist) il rispetto del salario minimo laddove esiste. Alla base dell’atto parlamentare inoltrato nel 2018 e approvato dai due rami del Parlamento, c’era l’introduzione, nei cantoni di Neuchâtel, Giura e Ticino (a cui si sono aggiunti nel frattempo Ginevra e Basilea Città), di leggi sul salario minimo per contrastare il dumping sociale e salariale.

La revisione della legge prevede la possibilità di imporre ai datori di lavoro esteri che inviano i propri dipendenti in Svizzera anche il rispetto delle condizioni salariali minime prescritte a livello cantonale. Questo aspetto non è al momento regolato nella LDist.

Per rispettare le norme salariali, le aziende e i relativi lavoratori dislocati dovrebbero rientrare nel campo d’applicazione delle leggi cantonali in materia. Il rispetto delle disposizioni sarebbe controllato dai Cantoni in base al diritto cantonale.

Competenze rispettate

Nel corso della seduta autunnale del parlamento, il ministro dell’economia Guy Parmelin aveva affermato agli Stati che il progetto governativo teneva conto della ripartizione delle competenze tra Cantoni e Confederazione stabilita nella Costituzione federale e avrebbe garantito l’osservanza del principio di non discriminazione sancito nell’Accordo sulla libera circolazione tra la Svizzera e l’UE: tutti i datori di lavoro i cui lavoratori sono attivi in un Cantone che prevede una legge sul salario minimo sono trattati allo stesso modo.

Stando alla sinistra, sostenuta anche dal Centro, battutasi per l’entrata nel merito, si sarebbe trattato di inserire nella legge sui lavoratori distaccati anche il rispetto dei salari minimi cantonali, per ragioni di sicurezza giuridica e, soprattutto, per rispondere ai problemi di diversi Cantoni di frontiera alle prese con un marcato dumping salariale.

Diversi oratori di destra, poi usciti “vincitori” dal dibattito, hanno invece sostenuto che la fissazione di salari minimi cantonali è una misura di politica sociale la cui attuazione spetta ai Cantoni, mentre la LDist rientra nell’ambito della politica economica, di competenza della Confederazione.

A tale riguardo, Guy Parmelin aveva spiegato che il progetto governativo rispondeva proprio a questo dilemma, messo in rilievo da una sentenza del Tribunale federale, stabilendo in questo modo una maggiore sicurezza giuridica. Sia Parmelin che i sostenitori della legge avevano precisato che i Cantoni senza un salario minimo non sarebbero stati obbligati a rispettarlo.

Alla fine della discussione, la maggioranza del plenum ha votato la non entrata nel merito, argomentando come non fosse necessario legiferare a livello nazionale, poiché a suo avviso i Cantoni possono risolvere da soli il problema, ricorrendo alla commissioni paritetiche o al tradizionale partenariato sociale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved