parmelin-ai-cantoni-chi-ha-piu-contagi-agisca-in-fretta
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
26 min

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
37 min

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo essersi arrampicato ieri sera sulla gru ed aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
Svizzera
2 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto.
Svizzera
17 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
19 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
20 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
21 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
21 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
22 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
23 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
23 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
23 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
1 gior

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
1 gior

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
1 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
1 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
1 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
1 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
26.11.2021 - 09:24
Aggiornamento : 17:15

Parmelin ai Cantoni: ‘Chi ha più contagi agisca in fretta’

Il presidente della Confederazione in una lettera: ‘Chi ha pochi contagi e molti vaccinati reagirebbe male ad altre misure a livello nazionale’

Di fronte a una situazione “critica", con un carico ospedaliero che potrebbe aggravarsi “in qualsiasi momento e molto rapidamente”, i Cantoni, soprattutto quelli con il più alto livello di contagi e il più basso tasso di vaccinazioni, devono mettere in atto tempestivamente tutte le misure possibili per evitare che la situazione vada fuori controllo. È questo il contenuto di una lettera di quattro pagine inviata ai Cantoni dal presidente della Confederazione Guy Parmelin e resa nota dal TagesAnzeiger.

La variante Delta, osserva Parmelin, comporta decorsi più gravi rispetto a tutte le varianti precedenti. “Questo significa che le persone non vaccinate dovranno ricevere cure mediche intensive più spesso e per un periodo di tempo più lungo dopo un’infezione”. I cantoni devono quindi preparare il proprio sistema sanitario a reggere l’urto di un carico di lavoro elevato, e ciò comporta che nella presa a carico dei pazienti Covid devono essere coinvolti “gli ospedali privati, gli anestesisti liberi professionisti e gli specialisti dei centri chirurgici ambulatoriali” e che “il rinvio di operazioni non urgenti deve essere preparato con cura”.

“I cantoni più virtuosi non tollererebbero misure nazionali, a rischio la solidarietà”

I Cantoni, insomma, devono prepararsi a scenari simili a quelli dei Paesi vicini, e dovranno mettere in campo ogni misura possibile, poiché il Consiglio federale metterà in consultazione una qualche decisione a livello nazionale solo quando “i Cantoni, da parte loro, avranno preso tutte le misure e avranno esaurito le loro possibilità per fermare lo sviluppo negativo”. E l’indice in questo caso è puntato soprattutto verso i Cantoni che presentano attualmente alti tassi di contagio e bassi livelli di vaccinazione rispetto ad altri Cantoni (come ad esempio il Ticino ndr) che invece hanno fatto progressi in questo campo e presentano una bassa incidenza, e la cui volontà di tollerare altre misure drastiche a livello nazionale potrebbe essere “probabilmente bassa”. Attuare troppo presto restrizioni per tutti, virtuosi e non, “metterebbe a dura prova la solidarietà tra vaccinati e non vaccinati da un lato e le regioni con alti e bassi tassi di vaccinazione dall’altro”, secondo Parmelin.

Stesso discorso per quanto riguarda gli ospedali dei Cantoni che aderiscono meglio alle misure di protezione e hanno alti tassi di vaccinazione, che verrebbero utilizzati a pieno regime per alleviare il sovraccarico delle strutture dei Cantoni con tassi di contagio elevati, i cui pazienti dovrebbero forzatamente essere trasferiti. Ciò potrebbe essere il caso, cita Parmelin a titolo di esempio, degli ospedali di Zurigo, che potrebbero riempirsi presto dei pazienti gravi dei cantoni della Svizzera centrale. I cantoni con un alto numero di casi e bassi tassi di vaccinazione, dunque, “devono contribuire a far sì che le strutture ospedaliere degli ospedali dei centri non cantonali non siano eccessivamente appesantite”. Le misure da prendere, per i cantoni con il maggior numero di contagi, per il presidente della Confederazione devono essere prese rapidamente: stop allo shopping natalizio e ai grandi eventi, ed estensione dell’obbligo della mascherina.

Il problema, sottolinea il TA, è che diversi cantoni non hanno rispettato le raccomandazioni del Consiglio federale circa, ad esempio, i test ripetuti nelle scuole e il certificato Covid per il personale e i visitatori delle strutture di cura e per anziani: ciò che è successo, ad esempio, a Svitto, che ha il secondo più alto numero di nuovi contagi e il secondo più basso tasso di vaccinazione, così come a Uri e Obvaldo.

I Cantoni: “Ci prendiamo la nostra responsabilità, ma Berna faccia la sua parte”

Non si è fatta attendere la risposta, sempre tramite una lettera, dei direttori cantonali della sanità: da un lato, si dicono pronti ad assumersi le proprie responsabilità e mettere in atto le misure chieste già “con urgenza” dal Consiglio federale, dunque estensione dell’obbligo della mascherina e dell’uso del certificato Covid e test ripetuti nelle scuole, ciò che molti cantoni hanno iniziato già a fare nei giorni scorsi e che altri faranno nell’immediato; dall’altro, sottolineano che “i compiti dei cantoni comprendono anche l’esecuzione delle vaccinazioni, il monitoraggio dei concetti di protezione e la garanzia della capacità nei reparti di terapia intensiva”.

I direttori della sanità chiedono, ancora una volta, che anche il Consiglio federale faccia la sua parte con misure a livello nazionale. “Le possibilità includono un’estensione nazionale dell’obbligo della mascherina principalmente nei luoghi chiusi, un aumento del telelavoro, restrizioni di capacità o requisiti più severi per i concetti di protezione”. Ma, come sottolinea il TagesAnzeiger, in base alla Legge Covid solo i cantoni possono agire circa eventuali restrizioni di capienza.

La dichiarazione di ieri del consigliere federale Alain Berset sul fatto che il Consiglio federale non vuole ancora attuare alcuna misura a livello nazionale non è andata giù a tutti i Cantoni. Guido Graf, direttore del dipartimento Sanità e Socialità del Canton Lucerna, dichiara: “A volte ho la sensazione che il Consiglio federale stia guardando un virus cantonale. Avrei voluto che il governo federale facesse di più”. Non si capisce, ad esempio, perché in un cantone le mascherine siano obbligatorie al cinema e in altri no. “Inoltre, sono mesi che chiediamo alla Confederazione di andare avanti con le vaccinazioni di richiamo. Ora siamo molto in ritardo con questo”, conclude Graf. Gli fa eco il collega zughese Pfister: “Ci prendiamo le nostre responsabilità e prepariamo diverse misure”. Pfister, sottolinea però, a sua volta, che “misure uniformi sono più facili da comunicare e sono anche meglio comprese dalla popolazione”.

“Dal nostro punto di vista, ulteriori misure nazionali devono ora essere discusse”, ha detto ieri il portavoce della conferenza dei direttori cantonali della sanità Tobias Bär. “Possono essere presi in seguito se la situazione si deteriora ulteriormente”. A livello nazionale, i direttori della sanità suggeriscono di prendere in considerazione un’estensione dell’obbligo di indossare la mascherina, un aumento del telelavoro o restrizioni di capacità: più o meno le misure che il Consiglio federale suggerisce ai Cantoni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale guy parmelin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved